Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

6 Notizie sorprendenti sul THC

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
5-fatti-THC-003-15
Il THC (o tetraidrocannabinolo) è l’ingrediente principale della Cannabis che è responsabile dello “sballo”.

Ma lo “sballo” non è la sola qualità del Principio Attivo; il Thc, infatti, ha anche una vasta gamma di prestazioni mediche, ed è comunemente segnalato per alleviare il dolore, calmare la nausea e la depressione, e altre molte potenzialità.

La ricerca scientifica sul THC è iniziato decenni fa in Israele, e da allora si è diffusa in molti paesi in tutto il mondo. Eppure il suo status di droga illegale ha reso difficili da recuperare le informazioni relative a questo composto.

Ecco sei notizie sul THC che hanno iniziato a farsi strada sotto i riflettori:

1. Il THC è stato scoperto nel 1964.

(Foto: Yoray Liberman/Israel21c.org)

 

Il THC è stato isolato e sintetizzato dalla pianta di cannabis da uno scienziato in Israele chiamato Dr. Raphael Mechoulam.

Come studente post-dottorato dei primi anni ’60, il Dr. Mechoulam ha notato che i composti attivi della morfina e della cocaina erano stati isolati, ma nessuno aveva isolato il principio attivo della Cannabis.

Il Dr. Mechoulam aveva così tanta fretta di condurre la sua ricerca che ha effettivamente infranto la legge ottenendo Cannabis dai suoi amici nel dipartimento di polizia. Ma lo scienziato è poi riuscito a isolare il THC nel 1964, e questo segnò l’inizio di una lunga carriera dedicata alla ricerca sulla cannabis.

La scoperta del THC ha infatti aperto la strada per le scoperte successive e ha reso al Dr. Mechoulam numerose onorificenze , tra cui un NIDA Discovery Award nel 2011.

2. Il THC è solo uno dei più di 60 ingredienti attivi della cannabis.

(Foto: Colleen Danger / Trends in Scienze Farmaceutiche)

 

Nonostante sia l’ingrediente più conosciuto della Cannabis, il THC è solo uno dei molti composti attivi della pianta con usi medici conosciuti.

Il THC appartiene ad una classe unica di composti chiamati cannabinoidi. Dalla scoperta del Dr. Mechoulam, sono stati identificati oltre 60 altri cannabinoidi nella cannabis.

Il THC e il CBD sono i due cannabinoidi che solito si trovano in concentrazioni più alte nella Cannabis.

3. Il THC è usato in prodotti farmaceutici approvati dalla FDA.

(Foto: deamuseum.org)

 

Mentre il THC è ancora illegale negli Stati Uniti e nella maggior parte dei paesi di tutto il mondo, versioni chimiche sintetiche sono state legalmente prescritte già da decenni.

Il primo farmaco di THC sintetico, una pillola venduta come Marinol (nome scientifico: dronabinol), è stato sviluppato da una società denominata Unimed Pharmaceuticals con il finanziamento del National Cancer Institute. Nel 1985 il Marinol ha ricevuto l’approvazione della FDA come trattamento per la nausea correlata alla chemioterapia e vomito.

La Food and Drug Administration (Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali, abbreviato in FDA) è l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici. Esso dipende dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti.

Da allora, sono stati sviluppati altri farmaci contenenti THC. Questi includono il Cesamet (nabilone), un isomero sintetico del THC, e il Sativex (Nabiximols), un estratto di cannabis somministrato come spray orale.

4. Il THC è in grado di proteggere le cellule del cervello e di stimolare la loro crescita.

(Foto: opensourceway / Flickr)

 

Contrariamente alla credenza popolare, il THC ha dimostrato di avere una serie di effetti positivi sulle cellule cerebrali. Nonostante il fatto che la maggior parte delle sostanze ricreative siano neurotossiche, il THC è considerato invece un ” neuroprotettore “; ciò significa che può proteggere le cellule cerebrali dai danni causati da fattori come l’infiammazione e lo stress ossidativo.

Inoltre gli scienziati hanno anche dimostrato che il THC può favorire la crescita di nuove cellule cerebrali attraverso un processo noto come neurogenesi. Questo effetto è stato scoperto nel 2005 dai ricercatori della University of Saskatchewan.

L’autore principale dello studio, il dottor Xia Zhang, ha osservato in un’intervista con Science Daily: “La maggior parte delle« droghe d’abuso »sopprimono la neurogenesi. Solo la Cannabis favorisce la neurogenesi. ”

5. Sostanze chimiche simili al THC si trovano già nel nostro corpo.

(Foto: National Institutes of Health)

 

In seguito alla scoperta del THC gli scienziati hanno cercato per decenni sostanze chimiche simili negli esseri umani che potrebbero spiegare i suoi effetti. Nel 1992 il Dr. Mechoulam e il suo team hanno fatto un altro passo avanti quando hanno scoperto una molecola chiamata Anandamide.

L’anandamide, o arachidonoiletanolammide, fa parte di una nuova classe di mediatori lipidici, ad azione prevalentemete olocrina e paracrina, collettivamente noti come endocannabinoidi.
Formula: C22H37NO2
Massa molare: 347,53 g/mol

Punto di ebollizione: 522,3 °C

L’ anandamide è uno dei pochi cannabinoidi prodotti in varie parti del corpo, compreso il cervello. I Cannabinoidi  presenti naturalmente dentro di noi vengono chiamati endocannabinoidi.

I due percorsi che queste sostanze chimiche della Cannabis usano per agire sono chiamati recettori dei Cannabinoidi. I Recettori CB1 sono più presenti nel cervello, mentre i recettori CB2 si trovano principalmente sulle cellule immunitarie. Il THC si lega a entrambi i recettori CB1 e CB2.

6. Il THC non sempre provoca “sballo”.

(Foto: Tinou Bao / Flickr)

 

Molti sanno che il THC ha la capacità di indurre euforia, o “sballo”. Abbastanza interessante è invece sapere che il THC non ha sempre questo effetto.

Questo avviene perchè il THC è presente soprattutto nella pianta di cannabis come THCA (acido tetrahydrocannabinolic), il suo precursore acido. Il THCA non è psicoattivo. Questo è molto utile per i pazienti che comunemente prendono preparazioni prime (senza seccare o fumare la Cannabis), poiché il THCA possiede comunque alcuni degli stessi benefici terapeutici come il THC.

Il THCA è tipicamente convertito in THC quando esposto a calore , attraverso una reazione nota come decarbossilazione, che se non avviene correttamente può rallentare l’effetto “high” della Cannabis fumata.

In chimica una decarbossilazione è una reazione che porta alla perdita di una molecola di anidride carbonica secondo lo schema:

Decarboxylation reaction.png

 

Fonti:

LeafScience.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 709 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti