In Argentina nasce la prima clinica per la cannabis a livello medico

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


L’oculista Carlos Laje è il fondatore della prima clinica sulla marijuana medica specializzata in Argentina. Cordoba è la città pioniera .

Carlos Laje cinque anni fa ha aiutato una ragazza che soffriva di glaucoma acuto e che se non controllato potrebbe portare la cecità al suo bambino. Dopo il funzionamento della cura ha cominciato a studiare ulteriori trattamenti e farmaci che potrebbero aiutare con questa malattia.

Dopo aver lavorato molto su questo argomento, il padre gli ha insegnato un articolo in cui si parlava di cannabis in questo settore. Carlos Laje ha deciso di approfondire. Ha visitato diversi paesi ed era in numerose organizzazioni di cannabis medica e incontri. Oggi è un punto di riferimento argentino in questo argomento.

Oggi l’Argentina è bloccata in un cambiamento di percezione con tutto ciò che riguarda la cannabis e negli ultimi tempi c’è stata una svolta su tutto ciò che riguarda l’aspetto terapeutico.

Il governo argentino ha approvato oggi, attraverso il National Drug Administration (ANMAT), un atto che permette alle famiglie di poter acquistare nei farmaci cannabis estera per trattare l’epilessia dei loro figli.

Il Chubut ha appena introdotto l’olio di cannabis nel suo vademecun di medicinali per gli ospedali pubblici  che possono accedere a questo farmaco. Salta ospiterà un seminario sulla marijuana medica a fine mese.

Lamadrid si sta preparando per quello che sarà il primo raccolto della nazione di cannabis medicinale.

L’oculista Carlos Laje dice nel suo ufficio già serve centinaia di pazienti “è il risultato di un’esperienza e situazione di vita, sia personale che professionale. E’ un luogo di ascolto, perché ci sono le famiglie e gli individui che soffrono non solo una malattia, ma una situazione “.

La fondazione è veicolo in cui i pazienti, con meno risorse o limitate, possono essere presi in cura per i loro problemi agli occhi, oltre al trattamento e ricevere le persone che sono consumatori di cannabis terapeutica.

“Infine, ho aperto questa clinica, perché non vi è una grande assenza dello Stato e la comunità medica. L’apertura è un modo per provocare una reazione. Io sono un padre, io sono un medico ed ho sentito centinaia di storie di persone in difficoltà. pazienti ricevuti martedì e il giovedì, e la clinica è uno spazio in cui il paziente non è solo perché si vuole ascoltare quando in gioco è la vita di lei o di suo figlio, ma è necessario che possa portare una tracciabile medicina. Oggi è possibile importare la cannabis, il famoso olio di Charlotte, ma ancora non vi è alcuna industria nazionale di cannabis medica, come ha iniziato l’Uruguay ed il Cile, dice Carlos Laje.

Attualmente questa attività, così come i prodotti di cannabis per scopi medicinali, sono ai margini della legalità a causa della regola di diritto 23,737, possesso e il traffico, punendo la coltivazione, il possesso e l’uso di cannabis .

“Quando la salute è in gioco, il benessere e l’angoscia di una famiglia, non è tanto una questione di legalità, ma legittimità. Quindi penso che l’Argentina ffarebbe un grande passo sociale e della salute, se dovessimo permettere la cannabis medica senza confini. Se qualcuno crede che i medici ed i pazienti infrangano la legge, bene, dovremo giudicare o la storia ci giudicherà ” ha superato Calos Laje

Carlos Laje lavora con le famiglie che vogliono l’auto-coltivazione, “perché sono spazi terapeutici che vengono creati, ed è un modo semplice e sicuro e molto più conveniente per accedere all’olio di cannabis. Oggi i pazienti trovano come tutti possono, attraverso i contatti internet, amici, agricoltori o gruppi di genitori che fanno uso di cannabis per i loro figli. Non vi è nessun canale pulito ed affermato. “

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 87 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti