Australia: la grande azienda leader nel mercato della cannabis è ottimista sulla legalizzazione a livello ricreativa

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Una delle più grandi compagnie di cannabis al mondo è posizionata sul consumo legale di marijuana ricreativa in Australia, nel bel mezzo del dibattito politico sulla riforma proposta.

La canadese Canopy Growth Corporation , con un valore di 5,6 miliardi di dollari, ha ottenuto brevetti australiani per una gamma di prodotti, tra cui il marchio globale “Tweed – feel free” incentrato sulla cannabis medicinale e ricreativa.

La società ha ingaggiato la società di ricerca e di difesa politica Crosby Textor per aiutarli con i governi federali e statali, dopo che l’Australia ha legalizzato la cannabis per uso medico nel 2016.

Una ricerca di Four Corners sulla fiorente industria farmaceutica australiana della marijuana rivela che i principali attori del settore sono ottimisti riguardo alla legalizzazione della cannabis ricreativa in Australia.

La cannabis medica è legale in Canada dal 2001 e l’uso della marijuana ricreativa sarà legalizzato per gli adulti a partire da agosto .

Bruce Linton è il fondatore di Canopy Growth Corporation, una delle più grandi compagnie di cannabis del settore e le sue aspettative per il mercato australiano sono alte.

Mr. Linton ha detto che l’opinione di Canopy è che una volta che un paese consente la cannabis medica, arriva inevitabilmente la legalizzazione ricreativa.

” Paesi che sono legalmente federali, crediamo che un giorno inizieranno come medicinali ” , ha affermato Linton. “E la ragione è che non si presenta come qualcosa di nuovo.” ” Esiste ovunque in un grande volume e pensiamo che sia una progressione naturale.” “Quindi Australia, Germania, ovunque … è una specie di mandato.” “Preparati per il futuro, prepara le cose”.

“La cannabis medicinale è il cavallo di Troia”

L’analista del settore della cannabis Matthijs Smith , la cui banca d’investimento Canaccord Genuity detiene partecipazioni in una delle più grandi società australiane di marijuana medica, Cann Group, ha affermato che questo cambiamento si è verificato in alcuni paesi.

“È stato interessante che in diverse giurisdizioni, come il Canada, l’Uruguay e gli Stati Uniti. Una volta che la cannabis è stata commercializzata per scopi medici, hanno visto che non ha prodotto un totale deterioramento della società, e sono diventati molto più liberali contemplando o addirittura promulgato l’uso ricreativo “, ha detto Smith.

Un fondatore dell’industria australiana della cannabis, il venture capitalist Ross Smith , ha detto a Four Corners: “Non ho alcun dubbio che la cannabis medicinale sia il cavallo di Troia per la cannabis ricreativa e non penso che sia male”.

In Nuova Zelanda, il primo ministro  Jacinda Ardern si è impegnato a tenere un referendum sulla legalizzazione della cannabis ricreativa prima delle prossime elezioni nazionali del 2021.

Alla domanda se avesse un’opinione sulla legalizzazione dell’uso di cannabis ricreativo, il ministro della sanità federale Greg Hunt ha dichiarato a Four Corners :  “Non è qualcosa che il Commonwealth propone, è una questione di stati, secondo il costituzione. “

La scorsa settimana, il signor Hunt ha denunciato la politica di legalizzazione della marijuana ricreativa annunciata dal leader federale dei Verdi , Richard Di Natale  .

Il senatore Di Natale ha proposto di regolare la vendita e l’uso di marijuana da parte degli adulti in Australia, che, ha detto, avrebbe sollevato centinaia di milioni di dollari in tasse.

Il mese scorso, una commissione parlamentare ha raccomandato al governo di Victoria di istituire un consiglio consultivo per esaminare una serie di questioni relative alla politica in materia di droga.

Ha detto che il consiglio dovrebbe “indagare sugli sviluppi internazionali nell’approvvigionamento regolamentato di cannabis per uso adulto e consigliare il governo di Victoria sulle politiche in aree come i tassi di prevalenza, la sicurezza pubblica e ridurre l’entità e la portata del mercato delle droghe illecite. “.

“La tolleranza è aumentata per l’uso di cannabis, con una percentuale maggiore di persone che sostengono la legalizzazione e una percentuale minore che sostiene le sanzioni per la vendita e l’offerta”, afferma il rapporto dell’Australian Institute of Health and Welfare.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 83 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT