British Medical Journal: “tutte le sostanze dovrebbero essere legalizzate, regolamentate e tassate”

66 Condivisioni

Il British Medical Journal  (BMJ) ha pubblicato un documento in cui spiega perché sono “fermamente decisi a sostenere gli sforzi per legalizzare, regolamentare e tassare la vendita di droghe per uso ricreativo e medicinale”.

“La guerra alla droga costa a ogni contribuente del Regno Unito circa 400 sterline all’anno”, afferma il BMJ .

“Il Regno Unito è ora il più grande esportatore al mondo di cannabis legale, ma l’uso ricreativo e medicinale è criminalizzato. La Scozia ha il più alto tasso di morti per altre sostanze della UE, il doppio rispetto a 10 anni fa. “

Affermano che ” Il commercio mondiale di sostanze illecite vale 236 miliardi di sterline, ma questo denaro alimenta il crimine organizzato e la miseria umana. Perché non dovrebbe invece finanziare i servizi pubblici? “

Secondo il BMJ , “Un numero crescente di paesi sta prendendo una strada più illuminata, … In Portogallo, dove il possesso non violento di sostanze è stato depenalizzato, il consumo non è aumentato, ma i decessi per sostanze illecite sono diminuiti considerevolmente (cannabis sempre zero decessi nella storia).

Approfondimento:  La FDA invia lettere di avviso sulle specifiche dei prodotti contenenti CBD

Nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti e ora in Canada, i mercati regolamentati per la vendita di cannabis generano consistenti entrate fiscali. “

Nel frattempo, nel Regno Unito, “ingenti somme vengono spese per perseguire individui e tentare invano di interrompere il flusso di sostanze nelle città, trasportate lungo” linee di contea “da parte di bambini vulnerabili.”

Il  BMJ nota che la Law Enforcement Action Partnership “richiede legalizzazione e regolamento. Dicono che il denaro potrebbe invece essere speso per il controllo della qualità, l’istruzione, il trattamento per i tossicodipendenti e la protezione dei bambini. Le entrate potrebbero essere dirottate dalle bande criminali nelle casse del governo “.

Continuano: “Quando le forze dell’ordine chiedono che le sostanze siano legalizzate, dobbiamo ascoltarle. Così anche quando i medici parlano. Il mese scorso il Royal College of Physicians ha compiuto l’importante passo in avanti verso la depenalizzazione entrando a far parte della BMA, della Facoltà di sanità pubblica e della Royal Society of Public Health nel sostenere la riforma della politica sulle sostanze illecite “.

Il BMJ  dice che “Non si tratta di pensare che le sostanze siano buone o cattive. Si tratta di una posizione basata su prove del tutto in linea con l’approccio della salute pubblica al crimine violento “.

Approfondimento:  Trump firma la legge che potregge (per qualche mese) le leggi sulla cannabis ad uso medico

Il gruppo conclude affermando che “Il BMJ è fermamente alle prese con gli sforzi per legalizzare, regolamentare e tassare la vendita di sostanze per uso ricreativo e medicinale. Questo è un argomento sul quale i medici possono e devono far sentire la propria voce “.

 

FONTE: BMJ

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 116 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT