Calcolare il Dosaggio di THC nelle ricette degli alimenti

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Di tutte le domande che la gente mi chiede sulla cannabis in cucina, la somministrazione di THC è propriamente un argomento che provoca sempre più dibattito tra gli chef.

Quando ho iniziato a scrivere di cucina con la cannabis, ho insegnato alla gente come stimare un ragionevole range di THC  nel dosaggio da utilizzare nella loro cucina, proprio come i cuochi hanno fatto per migliaia di anni.

La determinazione di questa “finestra di dosaggio” coinvolge il bilanciamento di fattori quali la resistenza dell’impianto con i livelli di tolleranza delle persone che consumano il cibo.

Ma invece di una finestra di dosaggio ragionevole con variazioni di 10 – 15 milligrammi, non sarebbe bello sapere esattamente quanti milligrammi di THC usare per servire i vostri commestibili?

C’è una formula che è possibile utilizzare per ottenere una bella approssimazione, anche quando la materia vegetale che si sta utilizzando non è stata testata in laboratorio.

È questa formula del tutto infallibile? No, perché i livelli di THC possono variare ampiamente, ma vi darà una buona idea.

Tuttavia, se si cucina con la cannabis che è stata testata in laboratorio, è possibile utilizzare questa formula per calcolare con maggiore precisione quanti milligrammi di THC – e anche CBD – servire nei commestibili fatti in casa.

 

Determinare il THC in Percentuale

Per Per amor di discussione, diciamo che non si sa quanto THC vi sia nel materiale vegetale che si sta utilizzando, dal momento che la maggior parte delle persone non lo faranno.

Uno studio del governo degli Stati Uniti nel 2009 ha detto che la media nazionale di THC è del 10 per cento, ma sappiamo che non tutti le erbe sono uguali.

Secondo quanto ha riferito il governo, si è coltivata cannabis presso l’Università del Mississippi che viene fornita ai ricercatori che supera un misero 3 per cento di THC, mentre uno studio 2015 del Colorado che ha analizzato 600 campioni provenienti da tale Stato ha visto alcuni ceppi top shelf contenenti un enorme 30 per cento di THC.

Dal momento che lo zio Sam dice che la marijuana contiene in media il 10 per cento di THC, è quello che useremo nel nostro esempio. E’ anche un bel numero tondo che rende più facile per le persone afferrare il concetto.

La formula

Ecco come fare:

  • 1 grammo di cannabis = 1000 milligrammi
  • 10% di 1000 mg equivale a 100 mg

Ciò significa che, supponendo che stiamo usando la marijuana “media”, un grammo di cannabis contiene 100 milligrammi di THC.

MI stai seguendo?

Quindi, cerchiamo di calcolare quanti milligrammi vi sono in un lotto di burro alla marijuana.

Per fare un esempio diciamo che ho usato un’oncia (pari a 28 grammi) di marijuana media qualità per fare il burro. Ciò significherebbe 2800 milligrammi di THC che sono andati nel burro.

Ovviamente poi la quantità di THC in una determinata ricetta dipenderà dalla quantità di burro utilizzato.

Se Usando 1/2 burro per fare un lotto di 36 cookie, l’intera partita conterrebbe 1400 milligrammi.

Dividete 1400 mg per il numero di porzioni, in questo caso 36, per stabilire che ogni cookie conterrà circa 38,8 mg di THC.

Per ricapitolare, prima è necessario stimare la percentuale di THC nel materiale vegetale (o utilizzare i numeri da test di laboratorio) e dividere per 1000 per ottenere l’importo per milligrammo.

Successivamente, calcolate il numero di milligrammi in infusione e nella quantità di infusione che si intende utilizzare per la vostra ricetta.

Dividete per il numero di porzioni della vostra ricetta, e si ottiene la dose per porzione.

È possibile utilizzare questa formula per creare ricette che assicurino sempre una dose di THC che soddisfi le vostre esigenze.

 

FONTE: ZENPYPE

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 288 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti