Studio: I Cannabinoidi potrebbero rallentare la crescita del tumore al Cervello

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


Il nuovo Studio ha scoperto che alcuni componenti della cannabis possono contribuire a rallentare la crescita dei tumori cancerosi se utilizzati insieme a trattamenti di radioterapia.

Due componenti chimici attivi presenti nelle piante di cannabis, il tetraidrocannabinolo (THC) ed il cannabidiolo (CBD), sono stati testati come parte della ricerca nel trattamento dei tumori del cancro al cervello.

Questo tipo di cancro è notoriamente molto difficile da trattare ed ha una particolare prognosi infausta. Il tasso di sopravvivenza per i pazienti cinque anni dopo la diagnosi è solo del 10 per cento.

Un team della San Giorgio University of London, ha studiato i tumori cerebrali nei topi in una varietà di modi; sia senza alcun trattamento, sia i cannabinoidi da soli, sia irraggiamento da solo, sia con cannabinoidi ed irraggiamento contemporaneamente.

Dall’analisi è emerso che i tumori che crescono nel cervello dei topi sono stati drasticamente rallentati quando i cannabinoidi THC e CBD sono stati combinati con l’irradiazione.

Il team sta ora discutendo se testare questo tipo di trattamento in studi clinici in cui siano presenti umani.

Il Dr. Wai Liu, Senior Research Fellow e ricercatore responsabile del progetto, ha descritto i risultati come “estremamente emozionanti”:

“Quelli trattati sia con irraggiamento e cannabinoidi hanno visto più risultati positivi ed una drastica riduzione delle dimensioni del tumore”.

“In alcuni casi i tumori sono efficacemente scomparsi negli animali. Questo è di buon auspicio per ulteriori ricerche sugli esseri umani, in futuro, essendo questa una malattia principalmente fatale al momento.”

“I benefici degli elementi della pianta di cannabis erano conosciuti prima, ma la drastica riduzione dei tumori cerebrali, se utilizzato con l’irradiazione, è qualcosa di nuovo e potrebbe rivelarsi promettente per i pazienti che si trovano in gravi situazioni con tali tipi di cancro.”

Lo studio è stato pubblicato sul Molecular Cancer Therapeutics.

 

Fonte: The Indipendent

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 151 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti