Cannabis e Benessere: la ricerca della felicità

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


Il sentirsi bene grazie alla cannabis è uno dei sintomi più ripetuti riscontrato da parte dei consumatori di tutto il mondo.

Molti intenditori di cannabis si sono resi conto che la cannabis li aiuta ad essere più sociali nei rapporti, a migliorare il comportamento o la creatività, ad espandere il senso di consapevolezza.

Uno studio della Università di Columbia e Johns Hopkins ha trovato in questi legami fenomeni osservabili tra i sessi: la differenza su  come i cannabinoidi colpiscono gli uomini e le donne, in particolare in relazione alle funzioni ormonali ed ai neurotrasmettitori.

Questi recettori dei cannabinoidi nel cervello sono legati a una selezione di tutti gli aspetti dimensionali del benessere umano; dimensioni fisiche, emozionali, intellettuali, sociali, spirituali, ambientali ed occupazionali.

Queste dimensioni del benessere sono state identificate da  Bruce Lee  come il modo per l’ottimizzazione della vita in tutti gli aspetti.

Il lavoro della cannabis è così efficiente grazie al sistema endocannabinoide, presente in tutti gli esseri umani ed in molti animali.

Questo sistema è costituito da una serie di ricevitori che sono configurati per accettare solo i cannabinoidi, in particolare il tetraidrocannabinolo (THC) ed il cannabidiolo (CBD).

Questo sistema è una parte integrante della nostra fisiologia e è stato scoperto nella metà degli anni 1990 dal ricercatore israeliano Dr. Ralph Mechoulam  , che ha anche identificato il THC come il principale principio attivo della cannabis nel 1960.

Il sistema endocrino nel corpo umano è composto da ghiandole in tutto il corpo che regolano tutto, dai livelli di energia al metabolismo del comportamento sessuale.

I recettori CB1 possono essere trovati su questo sistema ed influenzano il rilascio di molti ormoni.

Il fatto che ci sia un sistema nel nostro corpo che produce cannabinoidi, che è specificamente progettato solo per accettarli, dovrebbe essere prova convincente dell’efficacia della cannabis.

La dopamina, la serotonina, l’ossitocina e le endorfine sono il quartetto responsabile nel cervello della sensazione di felicità.

Molte situazioni possono innescare questi neurotrasmettitori, ma invece di esprimersi individualmente, grazie alla cannabis è possibile una stimolazione diretta.




Un motivo per cui la cannabis avvantaggia il cervello è dovuto al ruolo neuro-protettivo dei cannabinoidi nel corpo.

Questo avviene in parte grazie alla presenza di fitoestrogeni come apigenina  , che aiuta a mediare la cannabis, la  crescita di nuove cellule cerebrali  e le  connessioni che si formano tra di loro  .

La ricerca, come ad esempio uno studio nel 2011  condotto dalla Università di Newcastle, in Inghilterra, ha osservato la correlazione diretta tra la disfunzione del sistema endocannabinoide e patologie correlate all’umore, e il modo in cui la cannabis può aiutare queste patologie.

“L’anandamide, il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD) sono combinati in vari modi antidepressivi, antipsicotici, ansiolitici, analgesici e con azioni anticonvulsivanti, suggerendo un potenziale terapeutico per disturbi correlati”, ha detto il ricercatore che si è occupato dello studio.

Il Dr. Sachin Patel della Vanderbilt University  ha pubblicato uno studio sul collegamento diretto della cannabis per l’area del cervello che regola la risposta di lotta o fuga.

Questa risposta è parte del processo generale del corpo che agisce per reagire ai fattori di minaccia o stress.

Bassi livelli dell’ormone serotonina rendono la persona come se fosse in modalità costante di “lotta o fuga” e non è in grado di ridurre la psicologica o fisica eccitazione provocata dallo stress, sottolinea il dottor Patel.

“La scoperta potrebbe aiutare a spiegare perché i consumatori di cannabis dicono che l’uso di cannabis sia soprattutto per ridurre l’ansia “; infatti, la cannabis ha ricevuto notevole interesse  come un possibile trattamento per il disturbo dello stress post-traumatico (PTSD) – un tipo di disturbo d’ansia grave.

La ricerca indica anche che l’uso regolare di cannabis può desensibilizzare i recettori dei cannabinoidi nel cervello nel corso del tempo. Forse questo potrebbe spiegare perché i consumatori di cannabis alle prime armi sono più propensi  rispetto agli utenti esperti di sentire lievi effetti collaterali paranoici.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 512 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti