Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Cannabis come Cura: Cancro al Pancreas

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

STUDIO SPAGNOLO: I CANNABINOIDI POTREBBERO GIOCARE UN RUOLO IMPORTANTE NEL TRATTAMENTO DEL CANCRO AL PANCREAS.

Come sappiamo un crescente numero di studi ha mostrato un legame tra cannabis e cancro.

Un certo numero di persone ha optato all’utilizzo di questa pianta come aiuto per i loro malanni, e molte sono le storie di soggettivi successi che stanno venendo alla luce con crescente prevalenza. Di contro, la considerazione della cannabis come valido trattamento contro il cancro rasenta il fondo.
Nel 2006 un team di ricercatori dell’Università Complutense in Spagna ha pubblicato uno studio sul periodico Cancer Research che fa ulteriormente luce sul tema. Tale studio mostra che i cannabinoidi potrebbero contribuire nel trattamento dell’ ademacarcinoma pancreatico, una delle tipologie di cancro più aggressive.
Riconosciuto come la quarta forma di cancro diagnosticato più pericoloso, si stima che il cancro al pancreas uccida circa 37 mila Americani ogni anno. Partendo da ciò, il gruppo di ricercatori spagnoli ha cercato di determinare se le capacità della cannabis ad inibire la crescita del tumore possano influire nell’accrescimento della prognosi della malattia.
Curiosamente i ricercatori hanno determinato sulla coltura sperimentale di una cellula, che le cellule cancerogene pancreatiche mostrano un accresciuto numero di recettori dei cannabinoidi.
Ulteriormente, la somministrazione di cannabinoidi sembra indurre l’apoptosi (morte cellulare programmata) delle cellule cancerogene.
Investigando ulteriormente, il team di ricercatori spagnoli ha determinato che l’apoptosi indotta dai cannabinoidi si verifica tramite l’attivazione dei recettori CB2 – uno dei due recettori dei cannabinoidi largamente conosciuti.
Il gruppo di ricerca ha pure indagato sugli effetti dei trattamenti con cannabinoidi su modelli di animali vivi. Per prima cosa, hanno indotto lo sviluppo del tumore in un gruppo di topi color carne. Poi hanno proseguito con la cura del tumore per mezzo di una delle tre opzioni: il Tetraidrocannabinolo (THC), il JWH (un cannabinoide sintetico), o un placebo, per confrontarle. Stando a quanto scoperto, la somministrazione dei cannabinoidi era in grado di inibire la crescita del cancro prevenendo la sua diffusione, e ancora, inducendo l’apoptosi delle cellule cancerogene anche nel modello animale in vita.
Concludendo, i ricercatori spagnoli hanno determinato che “i cannabinoidi causano l’apoptosi delle cellule tumorali pancreatiche tramite i recettori CB2”, ed hanno proseguito riferendo che le loro scoperte potrebbero incentivare l’inizio di “un nuovo approccio terapeutico per il trattamento del cancro al pancreas”.
E’ vero che le persone hanno fatto uso a lungo di marijuana “medica” e degli gli estratti di cannabis come aiuto nel trattamento di una varietà di cancri per molto tempo, perciò non c’è da stupirsi.

Sugar Marley

Fonte: MedicalJane

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 863 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti