Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Cannabis come trattamento per le lesioni cerebrali perinatali

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La cannabis sta aprendosi la sua strada verso la legalizzazione a livello nazionale e parallelamente gli scienziati continuano a condurre ricerche sui cannabinoidi come potenziali forme di trattamento per una vasta gamma di disturbi.

Un recente studio  suggerisce la cannabis come una valida opzione di trattamento per chi soffre di lesioni cerebrali perinatali.

Mentre ci sono molte cause per i traumi al cervello infantile, sono disponibili trattamenti molto limitati ad oggi. La cannabis potrebbe essere la risposta che alcune famiglie stanno disperatamente cercando.

Lesioni cerebrali perinatali e la mancanza di opzioni di trattamento

Le cause dell’arco delle lesioni cerebrali perinatali possono essere dovute a qualsiasi degli eventi traumatici che si verificano durante o subito dopo la nascita, come l’asfissia neonatale, neonatale ipossia-ischemia, e / o ischemia focale ictus-indotti. Il danno derivante porta alla morte cellulare e le opzioni per questi neonati sono tristemente poche ed inefficaci.

come funziona

Secondo lo studio, “Vi è la necessità drammatica di sviluppare nuove terapie efficaci, volte a prevenire i danni cerebrali acuti e migliorare i meccanismi endogeni di riparazione del cervello a lungo termine. Il sistema endocannabinoide è un sistema neuromodulatorio endogeno coinvolto nel controllo di più funzioni centrali e periferiche. Il sistema endocannabinoide è stato descritto come un sistema neuroprotettivo endogeno che una volta attivato può impedire l’eccitotossicità del glutammato, l’accumulo di calcio intracellulare, l’attivazione di percorsi di morte cellulare, l’attivazione della microglia, la reattività neurovascolare e l’infiltrazione dei leucociti circolanti in tutto il sangue. ”

“Loro [i cannabinoidi] possono  modulare  una vasta gamma di percorsi cellulari e dei meccanismi patologici che partecipano alla generazione di danno cerebrale perinatale [ 34 ] .”

Come per gli endocannabinoidi naturalmente prodotti nel latte materno , sta diventando un pensiero comune che l’uso di cannabinoidi (nella corretta impostazione e metodo di consumo) è di fatto un trattamento sicuro per i bambini appena fuori del grembo materno.

“Loro [i cannabinoidi] possono modulare una vasta gamma di percorsi cellulari e dei meccanismi patologici che partecipano alla generazione di danno cerebrale perinatale [ 34 ] . I cannabinoidi sono anche noti per il controllo del ciclo cellulare e la proliferazione, la sopravvivenza e la differenziazione delle cellule staminali neurali [ 35 , 36 ] , capacità che li introduce come farmaci sperimentali interessanti per la valorizzazione degli endogeni di riparazione del cervello in risposta ad un danno cerebrale perinatale. ”

Quindi non solo l’uso di cannabis può aiutare a prevenire ulteriori morte cellulare, potrebbe anche aiutare nella riparazione del cervello.

FONTE: MedicalJane.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 445 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti