Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studi confermano: la Cannabis può contrastare l’Artrite

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nuovi risultati confermano che la Cannabis potrebbe essere utile per i pazienti che soffrono di artrite.

Pubblicato il mese scorso sulla rivista Rheumatology , lo studio rivela numerose prove di come la Cannabis combatte l’infiammazione delle articolazioni.

La Cannabis può fare ciò, attivando percorsi noti come recettori CB2, che sono presenti a livelli molto elevati nei tessuti articolari di pazienti affetti da artrite.

I Recettori CB2 sono uno dei due tipi di percorsi attivati ​​dai principi attivi della Cannabis. Tuttavia, solo i recettori CB1 sono responsabili del cosiddetto “sballo”.

“Storicamente, la terapia con la Cannabis è stata utilizzata per alleviare i sintomi di un ampio spettro di malattie, tra cui l’artrite reumatoide”, ha spiegato il coautore dello studio dottor Sheng-Ming Dai della Cina Second Military Medical University in una recente intervista.

Ma uno dei principali ostacoli alla diffusione dei trattamenti a base di Cannabis è il loro effetto psicoattivo, osserva il Dottore. Di conseguenza gli scienziati sono alla ricerca di metodi per ottenere gli stessi benefici senza lo “sballo”.

Obiettivo dello Studio: Recenti studi hanno suggerito effetti immunomodulatori e anti-infiammatori di cannabinoidi recettore 2 (CB2R) attivazione, che non mostra psicoattività. Tuttavia, non è ancora chiaro se CB2R è espressa in fibroblasti come sinoviociti (FLS), del RA. In questo studio abbiamo valutato se CB2R è espressa in FLS di RA, e se l’attivazione CB2R modula la funzione di RA-FLS.

Conclusione dello Studio: Una nuova ricerca mette in evidenza i recettori dei cannabinoidi come un nuovo potenziale bersaglio terapeutico per l’artrite reumatoide (RA). I risultati confermano che il recettore dei cannabinoidi 2 (CB2R) è espresso in tessuto sinoviale e colte fibroblasti come sinoviociti (FLS) di pazienti con AR, e che l’attivazione CB2R potrebbero avere effetti immunomodulatori e anti-infiammatori in questa impostazione.

Nel nuovo studio, il Dott. Dai e il suo team hanno confermato la presenza di recettori CB2 nei campioni di tessuto prelevati da pazienti affetti da osteoartrite ed artrite reumatoide.

Inoltre, utilizzando una sostanza chimica che attiva solo i recettori CB2, i ricercatori sono stati in grado di sopprimere le molecole infiammatorie che pensano essere coinvolte con l’erosione della cartilagine.

Il team sta ora lavorando per capire il modo migliore per indirizzare questi recettori esclusivamente nel trattamento dell’artrite.

Studi recenti suggeriscono che i composti di Cannabis possono anche aiutare a gestire il dolore da malattie articolari .

 

Fonti:

Gui, H. et al . espressione del recettore dei cannabinoidi 2 e dei suoi effetti inibitori sulla fibroblasti sinoviali nell’artrite reumatoide . Rheumatology (Oxford) doi: 10.1093/rheumatology/ket447

http://www.nature.com/nrrheum/journal/v10/n3/full/nrrheum.2014.9.html

http://www.leafscience.com/2014/02/11/study-confirms-marijuana-can-help-arthritis/

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 60 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti