Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: La Cannabis può proteggere il fegato dai danni del Cadmio

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Il cadmio è una diffusa tossina ambientale e un ingrediente comune nei pesticidi bassa qualità.  (Foto: civileats.com)

La Cannabis può offrire protezione contro gli effetti nocivi di una diffusa tossina chimica secondo una nuova ricerca proveniente dall’Arabia Saudita.

I risultati sono stati pubblicati online nel Journal of Trace Elements in Medicina e Biologia .

Si è concluso che il cannabidiolo può rappresentare una possibile opzione per proteggere il tessuto del fegato dagli effetti dannosi della tossicità del cadmio.

Il cadmio è un metallo pesante altamente tossico che tende ad accumularsi nel fegato e nei reni e che porta a gravi lesioni e disfunzioni.

Tuttavia gli scienziati ritengono che un principio della Cannabis chiamato cannabidiolo (CBD) possa prevenire gli effetti dannosi del cadmio grazie alla sua ” attività antiossidante e anti-infiammatoria.”

L’esposizione al cadmio è spesso legata al lavoro industriale, ma le tracce si possono trovare anche nell’atmosfera, fonti d’acqua, nei fertilizzanti di bassa qualità, nelle vecchie batterie e nel fumo di sigaretta.

Utilizzando modelli di ratto i ricercatori hanno scoperto che il pre-trattamento con CBD “ha fornito un significativo effetto protettivo” contro le alte dosi di cadmio. In alcuni test il CBD addirittura sembrava ripristinare il fegato nella sua condizione normale.

Mentre il CBD deve ancora essere studiato in casi umani di intossicazione da cadmio, sembra avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti anche per una vasta gamma di malattie.

Alcune relazioni precedenti hanno dimostrato che il cannabidiolo potrebbe avere utilità terapeutica in un certo numero di condizioni che comportano infiammazione e stress ossidativo compreso il diabete mellito, l’artrite reumatoide e le malattie neurodegenerative.

Inoltre uno studio pubblicato all’inizio dello scorso anno suggerisce che fumare cannabis possa anche fornire sollievo dai sintomi associati alla malattia epatica .

Fonti:

LeafScience.com

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 446 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti