Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

La Cannabis può proteggere il Cervello dai danni dell’invecchiamento

Una nuova ricerca da un paio di neurologi presso l’Università di Dublino sostiene che la cannabis potrebbe essere la chiave per combattere i disturbi del cervello dati dall’ invecchiamento.

Come il cervello invecchia, diventa più suscettibile alle malattie degenerative come il Parkinson e l’Alzheimer. Sebbene diverse aree del cervello sono colpite, in entrambe le condizioni  vi è la progressiva morte delle cellule cerebrali.

Mentre un certo numero di terapie può essere prescritto, gli scienziati devono ancora sviluppare trattamenti che possono rallentare o curare questi disturbi. Tuttavia i ricercatori ora credono che dei composti che colpiscono alcune vie del corpo, conosciuto come il sistema endocannabinoide (‘endo’ sta per endogeno), potrebbero portare allo sviluppo di tali trattamenti.

“Modulazione del sistema cannabinoide endogeno sta emergendo come un’opzione potenzialmente valida nel trattamento della neurodegenerazione”, ha scritto un ricercatore dell’Università di Dublino Veronica Campbell, PhD e Steven Fagan, PhD nel British Journal of Pharmacology .

“Il sistema degli endocannabinoidi è stato identificato come un possibile punto terapeutico contro neurodegenerazione come numero di alterazioni del sistema endocannabinoide sono stati notati nella malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson e la malattia di Huntington,” hanno continuato.

Secondo la coppia, gli studi hanno già dimostrato la promessa del THC, il composto principale della cannabis , nella gestione di un numero di sintomi correlati con Alzheimer:

“Dronabinol, derivato dal THC fitocannabinoide, è utile nel ridurre anoressia, aumento del peso corporeo e nel migliorare il comportamento nei pazienti anziani con malattia di Alzheimer. Il Dronabinol è stato più recentemente valutato in uno studiopilota con i pazienti di Alzheimer, dove ha migliorato l’attività motoria notturna e ridotto l’agitazione e l’aggressività, senza effetti collaterali indesiderati. ”

Inoltre negli studi precedenti  è emerso che il THC potrebbe prevenire la perdita dei neuroni dopaminergici in modelli animali di Parkinson. “Il sistema endocannabinoide si crede essere un obiettivo terapeutico promettente per ritardare la progressione della malattia e dei sintomi parkinsoniani ameliorating”, osservano i ricercatori.

Allo stesso modo il Dott. Fagan e il dottor Campbell dicono ciò che gli studi indicano “l’alterazione di molteplici componenti del sistema endocannabinoide nella progressione della malattia di Huntington”, un disturbo del movimento che condivide un certo numero di somiglianze con la malattia di Parkinson.

Sebbene gli studi che coinvolgono cannabis come trattamento per il Parkinson o l’Alzheimer mancano, gli autori evidenziano la ricerca su un farmaco a base di cannabis, Sativex , come un esempio della sua promessa terapeutica.

“Gli studi preclinici hanno indagato le capacità anti-infiammatorie e antiossidanti del cannabidiolo fitocannabinoide (CBD), combinato con THC, nella forma della base di cannabis-farmaco Sativex, che è già utilizzato come agente terapeutico per la sclerosi multipla”, hanno scritto .

Il Sativex è stato studiato in pazienti con sclerosi multipla ed è attualmente disponibile in 25 paesi per il trattamento dei sintomi correlati alla SM. Ed inoltre il potenziale del farmaco per trattare il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson è gia stato osservato.

Precedenti ricerche hanno anche suggerito sia le proprietà anti-infiammatorie sia quelle antiossidanti della Cannabis come fattori chiave per i suoi effetti protettivi.

 

Fonte: LeafScience

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 251 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT