Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: Gli assuntori di Cannabis hanno meno problemi di Alcolismo

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I Ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da un sondaggio nazionale su alcol e droghe.

Coloro che consumano cannabis due o tre volte alla settimana hanno meno probabilità di impegnarsi in comportamenti a rischio di alcolismo , secondo i dati pubblicati on-line nel The American Journal of Dipendence .

I ricercatori dell’Università di Lund in Svezia , nel Dipartimento di Scienze Cliniche , hanno analizzato i dati provenienti da un sondaggio nazionale su alcol e droghe condotto dal National Institute of Public Health: Oltre 22.000 intervistati di età compresa tra i 15 ei 64 anni hanno partecipato al sondaggio .

I ricercatori hanno riferito che i consumatori abituali di cannabis ( definiti dall’aver usato cannabis due o tre volte alla settimana) erano meno propensi a impegnarsi in pratiche di consumo alcolico pericolosi rispetto agli utenti occasionali (coloro che hanno riferito di aver consumato cannabis meno di quattro volte al mese ) .

Hanno infine concluso nel loro Studio, dicendo: ” Nel presente studio è stato dimostrato che , nella popolazione generale svedese , tra i consumatori di cannabis , l’uso di cannabis frequente è associato ad una minore prevalenza di uso di alcol in modo pericoloso, specie se confrontato con i consumatori di cannabis occasionali . …… La relazione inversa tra la frequenza di uso di cannabis e il consumo pericoloso non è stata segnalata a nostra conoscenza. … Questo potrebbe indicare che i consumatori di cannabis e consumatori di alcool sono in diversi gruppi , anche se con un elevato grado di sovrapposizione tra gruppi , con diverse caratteristiche ed esigenze cliniche . ”

Un documento di revisione pubblicato nel mese di febbraio sulla rivista “alcool e l’alcolismo” ha analogamente riconosciuto che alcuni consumatori di cannabis possono sostituire il desiderio e ricerca per l’alcol . Ed il documento conclude che “Mentre più ricerca e disegni di studio sono necessari per identificare meglio la portata e l’impatto della sostituzione della cannabis su persone colpite da AUD ( disturbi da uso di alcol ) , la cannabis sembra essere un potenziale sostituto per l’alcol . Forse, cosa ancora più importante , la cannabis è più sicura e potenzialmente meno coinvolgente rispetto al benzodiazepine e ad altri prodotti farmaceutici che sono stati valutati come sostituti per l’alcol . ”

Questo articolo è apparso sul NORML blog – Traduzione di Stefano Auditore

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 95 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti