Cannabis come Cura: Disturbi Gastrointestinali

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Traduzione di Stefano Auditore

I Disturbi Gastrointestinali (GI) , tra cui le malattie intestinali funzionali come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn (MC) e la colite, affliggono più di un americano su cinque, in particolare le donne.

Mentre alcuni disturbi gastrointestinali possono essere controllati con la dieta e farmaci farmaceutiche, gli altri sono scarsamente moderati da trattamenti convenzionali. I sintomi di disturbi gastrointestinali spesso includono crampi, dolore addominale, infiammazione del rivestimento del grande e / o piccolo intestino, diarrea cronica, sanguinamento rettale e perdita di peso.

I pazienti con questi disturbi spesso riferiscono uso di cannabis terapeutica.

Secondo i dati del sondaggio pubblicato nel 2011 nella rivista European Journal of Gastroenterology & Hepatology , “Il consumo di cannabis è comune tra i pazienti con IBD per il sollievo dei sintomi, in particolare tra quelli con una storia di chirurgia addominale, dolore addominale cronico e / o una bassa qualità della vita indice. “[1] Diversi rapporti aneddotici[2-3] e una manciata di case report[4-5] esistono anche nella letteratura scientifica.

Gli studi preclinici dimostrano che l’attivazione dei recettori CB1 e CB2 esercitano funzioni biologiche sul tratto gastrointestinale.[6] Effetti della loro attivazione in animali includono soppressione della motilità gastrointestinale,[7] inibizione della secrezione intestinale,[8] ridotta reflusso acido,[9] e la protezione da infiammazione,[10] , così come la promozione di guarigione epiteliale delle ferite nel tessuto umano.[11]

dis

Più di recente, uno studio osservazionale pubblicato nel 2011 il Journal of Medical Association israeliano ha riferito che l’uso di terapia di cannabis è associato ad una riduzione dell’attività di malattia di Crohn e ricoveri correlati alla malattia.

I ricercatori del Meir Medical Center, Istituto di Gastroenterologia ed Epatologia hanno valutato l’attività della malattia, uso di farmaci, la necessità di un intervento chirurgico, e l’ospedalizzazione’ prima e dopo l’uso di cannabis in 30 pazienti con CD. Gli autori hanno riferito, “Tutti i pazienti che hanno dichiarato di consumare cannabis hanno avuto un effetto positivo sulla loro attività di malattia” e documentato “significativo miglioramento” in 21 soggetti.

Nello specifico, i ricercatori hanno scoperto che i soggetti che hanno consumato cannabis hanno “significativamente ridotto” il loro bisogno di altri farmaci. 

I partecipanti allo studio hanno inoltre riferito che richiedeno un minor numero di interventi chirurgici dopo il loro uso di cannabis.

“Quindici dei pazienti hanno avuto 19 interventi chirurgici nel corso di un periodo medio di nove anni prima che l’uso di cannabis, ma solo due hanno richiesto l’intervento chirurgico nel corso di un periodo medio di tre anni di uso di cannabis”, gli autori hanno segnalato.

Ed hanno concluso: “I risultati indicano che la cannabis può avere un effetto positivo su attività di malattia, come risulta da una riduzione dell’indice di attività della malattia e nella necessità di altri farmaci e la chirurgia, studi controllati con placebo potenziali sono garantiti per valutare appieno l’efficacia ed eventuali effetti collaterali della cannabis nel cd “. [12]

Oggi, molti esperti ritengono che i cannabinoidi e / o modulazione del sistema cannabinoide endogeno rappresentino un nuovo approccio terapeutico per il trattamento di numerose patologie gastrointestinali – tra cui le malattie infiammatorie croniche intestinali, malattie intestinali funzionali, le condizioni di reflusso gastro-oesophagael, diarrea secretoria, ulcere gastriche e cancro del colon.[13-15]

Gli studi clinici in questo campo sono ora in corso.[16]

 

 

RIFERIMENTI
[1] Lal et al. 2011. Consumo di cannabis tra i pazienti con malattia infiammatoria intestinale . European Journal of Gastroenterology & Hepatology 23: 891-896.
[2] Gahlinger, Paul M. 1984. malattie gastrointestinali e del consumo di cannabis in una comunità rurale canadese . ufficiale di psicofarmaci 16: 263-265.
[3] Swift et al. 2005. Indagine di australiani usare la cannabis per scopi medici Harm Reduction Journal 4: 2-18.
[4] Baron et al. . 1.990 colite ulcerosa e marijuana . Annals of Internal Medicine 112: 471.
[5] Jeff Hergenrather. . 2.005 Cannabis allevia i sintomi della malattia di Crohn . del O’Shaughnessy 2: 3.
[6] Massa e Monory. 2006. Gli endocannabinoidi e il tratto gastrointestinale . Journal of Investigation Endocrinological 29 (Suppl): 47-57.
[7] Roger Pertwee. . 2.001 Cannabinoidi e il tratto gastrointestinale . Gut 48: 859-867.
[8] DiCarlo e Izzo. . 2.003 cannabinoidi per le malattie gastrointestinali: potenziali applicazioni terapeutiche .parere di esperti su farmaci sperimentali 12: 39-49.
[9] Lehmann et al. . 2.002 agonismo recettore dei cannabinoidi inibisce transitori inferiori rilassamento dello sfintere esofageo e reflusso nei cani . Gastroenterologia 123: 1129-1134.
[10] Massa et al. Del 2005. del sistema endocannabinoide nella fisiologia e fisiopatologia del tratto gastrointestinale . Journal of Molecular Medicine 944-954: 12.
[11] Wright et al. 2005. espressione differenziale dei recettori dei cannabinoidi nel colon umano: cannabinoidi promuovere la guarigione delle ferite epiteliale . Gastroenterologia 129: 437-453.
[12] Naftali et al. 2011. Trattamento della malattia di Crohn con la cannabis: uno studio osservazionale . ufficiale israeliano Associazione Medica 13: 455-458.
[13] Massa e Monory. 2006. op. cit.
[14] Izzo e Coutts. 2005. Cannabinoidi e il tratto digerente . Manuale di Farmacologia Sperimentale 573-598: 168.
[15] Izzo et al. . 2.009 non-psicotropi cannabinoidi vegetali: nuove opportunità terapeutiche da un’erba antica .tendenze delle Scienze Farmacologiche 30: 515-527.
[16] http://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01040910?term=cannabinoids&rank=26
Fonte: http://norml.org/library/item/gastrointestinal-disorders?category_id=560
Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 6.276 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti