Cannabis e Emicrania: una possibile nuova opzione di trattamento?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La cannabis come medicina ha una storia antica con aneddoti risalenti al periodo vedico (1500 circa aC) in India e Nepal.

Non è stato fino al 1839 che William Brooke O’Shaughnessy ha introdotto il potenziale terapeutico della cannabis per l’emisfero occidentale, e altri 75 anni sono passati fino a che Sir William Osler, il padre della medicina moderna, ha proposto il suo utilizzo per il trattamento di emicranie e mal di testa .

La criminalizzazione della cannabis da allora ha ostacolato la nostra capacità di ricercare il suo potenziale; anche oggi gran parte di ciò che intendiamo è in gran parte aneddotica o evidenziato sulla base di esperimenti di coltura di tessuti animali.

Tuttavia non appena i paesi legalizzaranno la cannabis ed avverranno i cambiamenti di opinione pubblica, la ricerca sulla cannabis fiorirà; quello che già sappiamo della sua capacità di trattare le emicranie ed i mal di testa è promettente.

Cosa è l’emicrania e quali sono i sintomi?

sintomi di emicrania

Un emicrania è una condizione complessa con una serie di sintomi tra cui:

  • doloroso mal di testa
  • disturbi della vista
  • La sensibilità alla luce (fotofobia) e suoni (fonofobia)
  • Nausea e vomito
  • Disorientamento
  • Problemi con il coordinamento

Questi sintomi possono durare da diverse ore a diversi giorni, e nei casi più gravi possono verificarsi paralisi o perdita di coscienza reversibile.

Le emicranie sono attivate ​​da una varietà di variabili interne (somatica, fisiologico) ed esterne (chimici, ambientali).

Le persone che soffrono di emicranie si pensa abbiano una predisposizione genetica nelle cellule anomale nel tronco cerebrale.

Che cosa causa l’emicrania e come la può fermare il sistema endocannabinoide

MRI del cervello risultati di scansione di teste e teschi

L’evidenza suggerisce che l’emicrania è il risultato di una serie di inneschi che interagiscono con una disfunzione nel centro del tronco cerebrale coinvolto nella regolazione del dolore.

Questi trigger attivano il sistema trigeminovascolare (neuroni nel nervo trigemino che forniscono i vasi sanguigni cerebrali con i nervi), e di conseguenza portano alla dilatazione dei vasi sanguigni cerebrali, che a loro volta attivano circuiti cerebrali connessi con il dolore e l’infiammazione.

L’Anandamide e il 2-arachidonylglycerol (2-AG) sono cannabinoidi endogeni naturalmente presenti nel sistema nervoso che, insieme con i recettori dei cannabinoidi, formano il  sistema endocannabinoide (ECS).

Quando l’anandamide e il 2-AG interagiscono con i recettori dei cannabinoidi, inibiscono la dilatazione dei vasi sanguigni e modulano i meccanismi del dolore attivati dal trigger di un individuo (ad esempio cambiamenti nella pressione atmosferica, cioccolato, o caffeina).

Quali sono le attuali opzioni di trattamento di emicrania?

trattamenti farmacologici emicrania corrente

Le Emicranie sono trattate con una varietà di acuta (insorgenza di un attacco) e farmaci profilattici o preventive.

La frequenza e la gravità di una emicrania, così come lo stile di vita e costituzione di un individuo, sono tutti fattori da considerare quando si sceglie il farmaco corretto.

Esempi di farmaci per alleviare il dolore acuto (analgesici) includono paracetamolo, oppiacei, triptani , glucocorticoidi (ormoni steroidei), e la segale cornuta . In generale i farmaci di prevenzione includono una varietà di farmaci cardiovascolari (beta bloccanti dei canali del calcio), anti-depressivi, anti-convulsivi, e farmaci anti-infiammatori non steroidei.

Gli effetti collaterali di questi farmaci possono includere nausea, vertigini, sonnolenza e debolezza muscolare.

La Mayo Clinic raccomanda anche una varietà di terapie complementari, tra cui lo yoga , tai chi, l’agopuntura, massaggi , biofeedback, ipnosi, terapia cognitivo-comportamentale, così come una selezione di erbe, vitamine e minerali.

Non sorprende che non si fa menzione della cannabis come un approccio potenzialmente praticabile per il trattamento e la prevenzione delle emicranie.

La cannabis può essere usato come trattamento per l’Emicrania e soprattutto come prevenzione?

cannabis per il trattamento e la prevenzione sintomi di emicrania

La gestione del dolore è il più noto beneficio terapeutico della cannabis, in particolare dei cannabinoidi come il CBD , che è studiato per avere proprietà analgesiche che possono contribuire a ridurre la dipendenza da oppiacei di prescrizione di un paziente  , nonché utile per gestire una serie di effetti collaterali negativi dei farmaci tradizionali. I pazienti affermano anche che fanno uso di cannabis per aiutarli a dormire , stimolare il loro appetito , e gestire l’umore e ansia livelli.

Chi soffre di emicrania può sperimentare dolore debilitante, nausea e vomito. Questi sintomi sono potenzialmente gestibili Risultati immagini per migraine cannabiscon la cannabis grazie alle proprietà antiemetiche (vomito e nausea-prevenzione) e le proprietà antidolorifiche associate con cannabinoidi specifici, tra cui il THC e CBD, prevalentemente anti-infiammatori.

Come per il trattamento di qualsiasi condizione attraverso la cannabis, ci sono una serie di fattori da considerare, tra cui disturbi confondenti, la dose, l’amministrazione e la tensione, il quadro socio-economico, precedenti esperienze con la cannabis, e l’uso di altre sostanze come la prescrizione di farmaci, tabacco, e alcool.

 

 

 

Riferimenti

  • Baron, EP 2015. Comprehensive Review of Medical Marijuana, cannabinoidi, e implicazioni terapeutiche in emicrania e mal di testa: Che un lungo viaggio strano stato … American Headache Society.
  • Greco, R., V. Gasperi, M. Maccarrone, e C. Tassorelli. 2010. Il sistema endocannabinoide e emicrania.Experiemental Neurologia 224: 85-91.
  • Greco, R. E C. Tassorelli. 2015. Encocannabinoids ed emicranie. In Fattore, L. Editor. I cannabinoidi nelle malattie neurologiche e mentali. Cagliari (Italia): Elsevier inc. Pg 173-184.
  • La Mayo Clinic
Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 1.186 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti