Cannabis e Radioterapia: un aiuto medico

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


La radioterapia è un termine comune tra i pazienti con cancro. Circa la metà di tutti i pazienti oncologici riceve qualche tipo di radioterapia ad un certo punto durante il corso del trattamento, ossia l’uso di radiazioni per uccidere le cellule tumorali nel corpo della persona.

Gli effetti collaterali della radioterapia dipendono dalla parte del corpo esposta alle radiazioni e la quantità di radiazione usata.

La maggior parte degli effetti collaterali sono temporanei, possono essere controllati e di solito scompaiono nel corso del tempo una volta che il trattamento è terminato.

Cannabis e cannabinoidi come aiuto medico

La ricerca ha dimostrato che la cannabis può aiutare a controllare o alleviare alcuni dei sintomi di cancro cervicale o effetti collaterali dei trattamenti contro esso.

I cannabinoidi che si trovano nelle piante di cannabis agiscono in alcune cellule del corpo, in particolare quelle del sistema nervoso centrale, cervello e midollo spinale, per controllare le funzioni del corpo.

Gli studi hanno accertato prove di proprietà anti-cancro del THC e CBD, cannabinoidi che si trovano naturalmente nella cannabis.

Questi agiscono in modo utile per ridurre e inibire la crescita tumorale.

Il cannabidiolo (CBD) ha la possibilità di disattivare il gene che è responsabile per le metastasi in molte forme aggressive di cancro.

Si può prevenire il cancro, oltre a ridurre il diabete insulino-dipendente del 58 per cento e attacchi di cuore del 66 per cento.

La Cannabis è stata trovata utile per alleviare la nausea e il vomito, entrambi effetti collaterali associati con il trattamento del cancro con la radioterapia.

I composti di marijuana vengono estratti per la produzione di forme sintetiche di marijuana medica per aiutare questa causa. Il nabilone è un farmaco in forma di compresse che ha cannabinoidi sintetici, approvato per il trattamento della nausea e del vomito indotti da trattamenti contro il cancro.

La ricerca ha anche dimostrato che la cannabis può aumentare l’appetito.

La perdita di appetito è un problema comune per le persone con il cancro. Diversi studi clinici hanno trovato che il THC aiuta ad aumentare l’appetito nei pazienti affetti da cancro, per non parlare della capacità di alleviare il dolore; la cannabis è utile per i sintomi associati alla radioterapia per curare il cancro.

Fortunatamente la cannabis può essere un trattamento efficace per i sintomi del cancro e una buona alternativa a molti farmaci attualmente utilizzati.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 168 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti