Cannabis contro l’ipertensione: una serie di studi

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


L’alta pressione sanguigna, o  ipertensione  , è valutata per interessare un adulto su quattro negli Stati Uniti e in Europa.

Questa condizione di alta tensione nei vasi sanguigni nel cuore aumenta il rischio di ictus e malattie cardiache.

Una nuova ricerca indica che il  sistema endocannabinoide  gioca un ruolo nella regolazione della pressione sanguigna, anche se il suo meccanismo d’azione è non ben compreso. [1]

Gli studi sugli animali mostrano che l’anandamide e altri endocannabinoidi sopprimono la contrattilità cardiaca nell’ipertensione e possono normalizzare la pressione sanguigna [2-3]

Alcuni esperti hanno ipotizzato che la manipolazione del sistema endocannabinoide “può offrire nuovi approcci terapeutici in una varietà di disturbi cardiovascolari. “[4]

La somministrazione di cannabinoidi naturali ha prodotto effetti cardiovascolari nell’uomo e negli animali da laboratorio. [5-9]

La risposta vascolare negli esseri umani che hanno avuto la cannabis in condizioni sperimentali che portano un lieve aumento della frequenza cardiaca e della pressione sono tipicamente caratterizzativi del sangue. Tuttavia, una completa tolleranza a questi effetti si sviluppa rapidamente e potenziali rischi per la salute sembrano minimi. [10-11]

La somministrazione di cannabinoidi negli animali è normalmente associata con vasodilatazione, bradicardia transitoria e ipotensione, [12], e l’inibizione di aterosclerosi (indurimento delle arterie). [13-15] Studi hanno dimostrato anche che la somministrazione di cannabinoidi sintetici riduce la pressione sanguigna negli animali e non viene associata a cardiotossicità negli esseri umani. [16]

In questo momento la ricerca che sta valutando l’uso clinico dei cannabinoidi per l’ipertensione è al suo inizio [17] e potenzialmente le persone più a rischio sono avvertite in gran parte dagli esperti di astenersi comunque dal fumare cannabis. [ 18]

Riferimenti (in inglese)

[1] Franjo Grotenhermen. 2006. farmacodinamica clinici dei cannabinoidi. In Russo et al (Eds) Handbook of Cannabis Therapeutics . Binghampton, New York: Haworth Press.

[2] Batkai et al. 2004. endocannabinoidi agiscono a cannabinoidi-1 recettori regolano la funzione cardiovascolare nell’ipertensione . Circulation 110: 1996-220.

[3] Pacher et al. 2005. Il sangue regolazione della pressione da endocannabinoidi ei loro recettori (PDF) . Neurofarmacologia 48: 1130-1138.

[4] Ibid.

[5] Cecilia Hillard. 2000 endocannabinoidi e la funzione vascolare . Sperimentale Journal of Pharmacology and Therapeutics . 294: 27-32.

[6] Kunos et al. 2000 endocannabinoidi come modulatori cardiovascolari . Chimica e Fisica dei Lipidi 108: 159-168.

[7] Reese Jones. 2002. effetti sul sistema cardiovascolare di marijuana . Journal of Clinical Pharmacology . 42: 58-63.

[8] Ribuot et al. 2005 . effetti cardiaci e vascolari di cannabinoidi: Verso un uso terapeutico? Annales de Cardiologie et d’Angeiologie (Francia) 54: 89-96.

[9] Steven Karch. 2006. Cannabis e cardiotossicità. Scienza forense, Medicina e Patologia . 2: 13-18.

[10] Ibid.

[11] Rodondi et al. 2006. L’uso della marijuana, la dieta, indice di massa corporea e fattori di rischio cardiovascolare . American Journal of Cardiology 98: 478-484.

[12] Reese Jones. 2002. op. cit.

[13] Steffens e Mach. 2006. Verso un uso terapeutico di CB2 selettivo ligandi dei recettori dei cannabinoidi per l’aterosclerosi . Future Cardiologia 2: 49-53.

[14] Steffens et al. 2005. bassa dose orale cannabinoidi terapia progressione dell’aterosclerosi in voi ridurre topi . Nature 434: 782-786.

[15] Steffens e Mach. 2006. recettori dei cannabinoidi in aterosclerosi. Current Opinion in Lipidology 17: 519-526.

[16] Steven Karch. 2006. op. cit.

[17] Francois Mach. 2006. I nuovi agenti anti-infiammatori per ridurre l’aterosclerosi . Archivi di Fisiologia e Biochimica 112: 130-137.

[18] Thomas et al. 2014. avversi cardiovascolari, cerebrovascolari, e gli effetti vascolari periferici di inalazione marijuana: ciò che i cardiologi hanno bisogno di sapere . American Journal of Cardiology 113: 187-190.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 235 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti