Cannabis e percezione del tempo: un’analisi di Leafly.com

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sono sempre stato affascinato dall’effetto della Cannabis sulla percezione del tempo.

Nei consumatori di cannabis, infatti, potrebbero verificarsi distorsioni nella loro percezione del tempo, dove spesso i minuti possono sembrare estendersi per ore e ore. Ma fino a che punto questo è un fenomeno scientificamente provato?

I ricercatori sono stati incuriositi da questa domanda ed hanno condotto diverse indagini nel corso degli anni. Molti di questi esperimenti hanno confermato i singoli rapporti che il tempo rallenta mentre si è high, anche se questo è stato in gran parte misurato sulla scala dei secondi o minuti, non sull’estensione in ore.

La ricerca sulla marijuana e percezione del tempo

dose di marijuana, canapa medica

“Uno degli effetti più comunemente riportati della cannabis da parte degli utenti è quello che cambia la percezione del tempo”, dice Zerrin Atakan , uno psichiatra con sede a Londra, che ha esaminato tutti gli studi noti della cannabis e del tempo nel 2012.

“La nostra revisione dei documenti sull’argomento ha mostrato che il 70% degli studi ha rilevato che gli utenti hanno sperimentato sovrastima del tempo. In altre parole gli utenti hanno sentito che usare la cannabis li ha fatti sentire come se il tempo sia stato più lungo del tempo effettivo. ”

Eppure molti di questi studi sono stati pieni di limitazioni come campioni di piccole dimensioni, la mancata considerazione degli effetti dell’esposizione alla cannabis precedente, e l’uso di metodi di assuzione , come inalazione e somministrazione orale che producono ampie variazioni negli effetti del THC nel corso del tempo.

Nello stesso anno una squadra alla Yale School of Medicine ha cercato di affrontare queste carenze ed eliminare il fumo che circonda il legame tra cannabis e il tempo di intervento.

“Sono rimasto affascinato dalla constatazione che alcune sostanze possono alterare l’esperienza del tempo che passa, e che il fenomeno non è stato ben compreso”, afferma Deepak D’Souza , professore di psichiatria alla Yale e capo delle indagini.

“Sono rimasto particolarmente incuriosito dalla constatazione che solo in alcuni individui che hanno trovato gli effetti della cannabis sgradevole e anche dilatazione del tempo con esperienza, l’esperienza complessiva è stata ancora più sgradevole.”

Nel loro studio  44 persone che hanno avuto varie esperienze con la marijuana sono stati portati in laboratorio ed hanno chiesto di completare due prove di percezione del tempo, prima, durante e dopo il verificarsi dell’effetto di un dosaggio di THC che va da 0,015 mg / kg a 0,05 mg / kg (espresso attraverso un IV) o uno 0 mg / kg placebo.

Nella prima prova, chiamata “il compito stima del tempo”, ai partecipanti è stato più volte chiesto di approssimare quanto tempo fosse passato (che va da 5 a 30 secondi), mentre hanno completato un compito distrazione che ha impedito loro di contare attivamente a se stessi (per esempio, contare il numero di “B di” che appaiono tra un assortimento casuale di lettere sullo schermo del computer). Nel secondo test, chiamato “il compito di produzione del tempo”, i partecipanti hanno avuto la stessa assegnazione di distrazione, ma hanno dovuto tenere premuto un tasto del computer verso il basso per produrre una data quantità di tempo.




I risultati hanno mostrato che i partecipanti sotto l’effetto hanno sovrastimato il tempo di ben il 25 per cento e il tempo underproduced fino al 15 per cento rispetto ai loro livelli basali sobri.

Nel frattempo coloro che hanno ricevuto un placebo non hanno mostrato alcuna differenza significativa nella stima del tempo o di produzione rispetto ai propri livelli basali.

“La marijuana dilata il tempo, cioè, cinque minuti possono essere vissuti come una decina di minuti”, afferma D’Souza. “Così l’esperienza soggettiva è che il tempo passa lentamente, ma quel sentimento può avvenire solo se l’orologio interno è accelerato.”

In sintesi, il THC nel loro sistema ha sperimentato una accelerazione del loro, soggettivo, orologio interno del tempo facendoli sentire come se all’esterno il tempo oggettivo passasse più lentamente.

Dopo l’effetto high questi effetti sono scomparsi.

Questi effetti di accelerazione del tempo del THC sono stati anche rispecchiati in esperimenti su animali.

In uno studio del 2001 , per esempio, i ratti a cui sono stati date sostanze chimiche che attivano i loro recettori cannabinoidi mostravano una sottoproduzione del tempo simile al comportamento osservato nell’uomo, mentre i roditori che hanno ricevuto una sostanza chimica che stava bloccando questi recettori hanno mostrato una sovrapproduzione di tempo. Risultati simili sono stati osservati anche nelle scimmie.

Quali fattori influenzano la dilatazione del Tempo?

Giovane donna Profilo Primo piano

Come funziona esattamente la cannabis mentre preme l’acceleratore sui nostri orologi interni?

“Questo è un bel mistero”, e qualsiasi ipotesi su un meccanismo preciso sono speculativi, afferma D’Souza.

Tuttavia studi precedenti hanno dimostrato che una rete nel cervello chiamata circuito talamo-cortico-striatale è parte integrante della nostra percezione del tempo.

Questa raccolta di aree cerebrali è nota anche per contenere un gran numero di recettori dei cannabinoidi.

Così quando il THC dalla cannabis inonda il cervello potrebbe interrompere temporaneamente il normale funzionamento di questi recettori, con conseguente percezione del tempo distorta.

Questi effetti variano in base alla frequenza con cui si consuma cannabis?

Ulteriori analisi esposte da D’Souza e il suo team hanno rivelato che questi effetti sul tempo sono stati particolarmente forti tra coloro che raramente hanno consumato cannabis, con medie e alte dosi che portano alla sovrastima temporale e tutte le dosi con conseguente sottoproduzione temporale.

Nel frattempo i consumatori frequenti (da 2 a 3 volte a settimana o più) non hanno avuto ripercussioni significative sulla loro percezione del tempo, indipendentemente dalla quantità di THC nei loro sistemi. Erano immuni agli effetti di tempo-torsione della cannabis.

I ricercatori hanno offerto diverse spiegazioni possibili per questi risultati.

Anche se gli utenti abituali non sviluppano una tolleranza agli effetti euforici di THC, studi precedenti hanno dimostrato che l’uso regolare può attenuare gli effetti di percezione del THC e la sensibilità dei recettori del nostro corpo alla sostanza chimica.

Così coloro che utilizzano la cannabis costantemente possono eventualmente sviluppare una tolleranza biologica per gli effetti della sostanza sulla percezione del tempo.

Un’altra possibilità è che gli utenti regolari potrebbero aver appreso che la cannabis tende ad avere questo effetto sul loro senso del tempo e di conseguenza hanno “ricalibrato” i loro orologi interni.

Eppure un individuo avrebbe probabilmente dovuto trascorrere più tempo sotto l’influenza di quanto non al fine di produrre questi effetti.




Avrebbero inoltre dimostrato un cronometraggio anormale quando sobri, cosa però che i soggetti dello studio 2012 non hanno mostrato.

Quali implicazioni può portare questo effetto?

Ma se la cannabis deforma solo il tempo di pochi secondi, qual è il problema?

“Dato che il tempismo è tutto, non vi è alcun atto o comportamento che non richiede precisione di tempi, dice Atakan. “Quindi, se i tempi sono interrotti tramite l’uso di cannabis, questo può avere importanti implicazioni sul funzionamento normale.”

“Molti comportamenti umani di base si basano su giudizi temporali nei secondi”, aggiunge D’Souza. “Per esempio, decidere quando attraversare la strada in base a percezioni di avvicinamento del traffico, seguire una battuta in una composizione musicale, o tornare alla stufa appena prima del fischio bollitore.”

Mentre gli effetti distorsivi della cannabis possono sembrare banali e potrebbero essere solo utilizzati come strategia creativa per spremere un po’ di tempo in più della vostra giornata, ci potrebbero essere rischi significativi associati con una percezione del tempo leggermente modificata.

Un orologio interno interrotto durante la guida o l’uso di macchinari pesanti, per esempio, potrebbe comportare compromessi decisionali rischiosi.

Anche se la ricerca ha fatto luce sugli effetti di distorsione temporale di cannabis, siamo ancora lontani dal comprendere pienamente il suo impatto sulla percezione del tempo.

“Non ci sono ancora abbastanza studi per fornire informazioni più dettagliate sull’argomento”, dice Atakan. “Più ricerca con metodi robusti è necessaria per giungere a conclusioni circa l’effetto preciso della cannabis e dei suoi composti attivi sulla percezione del tempo.”

Negli studi futuri, i ricercatori sperano di utilizzare la tecnologia di imaging avanzata per ulteriori informazioni su come i circuiti cerebrali coinvolti nel cronometraggio sono influenzati dalla cannabis e se questi effetti di distorsione possono essere visti in scala di millisecondi o minuti.

 

FONTE: Leafly.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 926 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti