Cannabis & Proposte di Legge: le riflessioni della M.M.M. Italia

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Abbiamo di recente letto un articolo interessantissimo tradotto sul sito della Million Marijuana March Italia, anticipato da un comunicato del quale condividiamo ogni aspetto ed ogni analisi e che pertanto ci teniamo a riportare sulle nostre pagine.

Massimo supporto da parte di FreeWeed, per il raggiungimento di ideali comuni di libertà e giustizia.

_______________________________________________________________________________

Mentre in Canada, grazie al monopolio, il Dipartimento della Salute, la Monsanto e la Cannabis viaggiano già sullo stesso binario, in Italia quali saranno le multinazionali affiancheranno l’intergruppo nella nuova corsa all’oro? Hanno già deciso a chi affidare le poche concessioni del futuro monopolio e c’è chi già sa di farne parte, ancora prima che la legge venga varata?

Al fine di facilitarne la diffusione, oltre che per invitare tutti e tutte a riflettere, proponiamo di seguito la traduzione in italiano di un articolo da noi ritenuto molto descrittivo dello stato dell’arte, pubblicato lo scorso primo febbraio sul portale Cannabis in Canada, uno tra i più accreditati di tutta la comunità cannabica canadese.

Ciò che viene messo in evidenza nell’articolo è l’aggravarsi costante di una situazione già critica in precedenza e che, in passato, anche noi avevamo fatto il possibile per descrivere dal nostro sito web, attraverso la pubblicazione nel maggio 2014 di due approfondimenti sui pericoli della finanza che si avventa nella nuova corsa all’oro.

Esempio drammatico di come, oltre al danno, a volte capiti di dover subire anche la beffa, questi sciacalli senza alcun ritegno trasformano in lecito profitto per se stessi ciò che fino ad un attimo prima – e sempre per salvaguardare i propri interessi – ci hanno tenacemente vietato in nome del proibizionismo, persino a chi pareva essersene (temporaneamente) liberato (vedi:http://goo.gl/rnJNKO).

Stiamo parlando del monopolio della cannabis in Canada, uno stato federale assai lontano dalla nostra realtà, ma non abbastanza da non poter scorgere numerose analogie con l’Italia per quanto riguarda l’approccio dei rispettivi governi nei confronti della stessa tematica.

Fino all’entrata in vigore della normativa del 2013, con cui è stato definitivamente regolato l’impiego della medical cannabis in Canada, il precedente decreto del 2001 aveva infatti la stessa impostazione della proposta di legge recentemente depositata presso il parlamento italiano dal cosiddetto “Intergruppo Cannabis Legale”, caratterizzata da una (apparente) apertura allacoltivazione personale ed allo sviluppo dei Cannabis Social Clubs, seppur di fatto vincolata ad un regime di monopolioche, nel caso del Canada, non ha tardato a prendere il sopravvento.

Nell’aprile 2014, infatti, con un decreto promulgato per questione di sicurezza e salute pubblica – e grazie ad un archivio con le generalità di tutti i fruitori della “libera” coltivazione di cannabis e l’esatta ubicazione delle coltivazioni, che era obbligatorio comunicare per ottenere le concessioni – il nuogo governo di destra canadese, che da poco era cambiato, ha imposto a più di trentasettemila privati cittadini di distruggere le proprie piante, i semi ed eventuali scorte di cannabis legalmente detenute fino a quel momento, affidandone la produzione e la vendita a pochissime società concessionarie, ad oggi circa 27 in tutto il paese.

Quali avrebbero potuto mai essere le conseguenze più o meno immediate dell’accentramento dell’offerta nelle mani di un solo fornitore che opera protetto da barriere giuridiche impenetrabili, per tutti coloro che sono stati costretti ad accettarecompromessi definiti “necessari”, ma che palesemente corrispondono alla tutela degli interessi di pochi, in cambio della privazione dei diritti, della dignità e del benessere dei popoli, è abbastanza facile immaginarlo e, a tal proposito, nostro malgrado, il Canada né è la testimonianza concreta per tutti, fatta eccezione per chi preferisce far finta di non vedere.

Non solo il prezzo medio della cannabis canadese ha via via subìto un vertiginoso aumento (dai precedenti 3-4 dollari canadesi al grammo, agli attuali più di 12), con una diminuzione altrettanto drastica delle varietà fino a quel momento disponibili, ma c’è anche molto altro di ben peggiore. Alle pochissime società concessionarie di medical cannabis, infatti, vanno imputati l’impiego di tecniche di coltivazione pericolose e l’utilizzo di prodotti nocivi, con il tacito benestare del Dipartimento della Salute canadese ed il coinvolgimento di multinazionali del calibro della Monsanto.

Quanto sta avvenendo in Canada – che è possibile approfondire proseguendo la lettura dell’articolo di seguito tradotto – accorcia terribilmente le distanze tra noi ed una realtà (apparentemente) così lontana, non solo in virtù dell’empatia istintiva e solidale che in questo momento è impossibile non provare per la comunità cannabica canadese, costretta a dover spezzare catene ancora più corte da poco reintrodotte, ma anche per via di quelle analogie di cui sopra, che è inevitabile si trasformino inminacce tangibili e reali per noi, qui in Italia. Il nostro è un paese con la fama tristemente nota in tutto il mondo per essere uno tra i più corrotti e più collusi di sempre, dove la responsabilità e l’etica politica non sono di casa e tutto è in vendita al miglior offerente, compresi i Diritti dei cittadini.

Del resto, è bastato che la proposta di legge per il monopolio fosse semplicemente depositata in parlamento per assistere alla nascita “improvvisa” ed al rapito incalzare sulle principali testate giornalistiche online di una specie di brand nazionale della cannabis, con lo stesso nome di un marchio europeo registrato dalla Nestlé: (vedi:https://oami.europa.eu/eSearch/#details/trademarks/W10388333). Nessuno sa bene chi siano costoro e perché mai godano di tanta visibilità sui media, dato che per motivi incomprensibili hanno deciso di mantenere il più assoluto anonimato, ma il fatto che si ispirino al modello Eataly è già tutto un programma (vedi: http://goo.gl/4qYdkr).

Promettono di fare faville non appena sarà istituito il monopolio di stato per la commercializzazione della cannabis e, intanto, non avendo alcuna intenzione di perdere tempo, stanno già diffondendo attraverso il proprio sito web le condizioni commerciali per l’apertura dei franchising: 25.000 EURO in “diritti d’ingresso” ed almeno 40.000 EURO per l’arredamento uniformato dei punti vendita, con l’intento di introdurre ogni mese sul mercato nuove varietà di cannabis protette da copyright (vedi: http://goo.gl/gvehhQ).

https://www.facebook.com/NativaFranchising/

 esempi di brand di Nativa

 

Ci chiediamo chi ci sia dietro questo progetto e le ragioni di così tanta ed incondizionata fiducia, persino da quella rivista di settore che si definisce “LA PIÙ CORAGGIOSA D’ITALIA”, ma che di fatto si mostra accondiscendente e servile come al solito, proponendo un’intervista priva delle più elementari domande (vedi: http://goo.gl/0353tF). Perché mai un imprenditore che volesse investire nella “cannabis legale” dovrebbe affidarsi ad una formula di franchising (pure piuttosto esosa per affiliazione e arredi conformi al marchio)?

Questa formula sottintende uno scenario nel quale chi ambirebbe ad ottenere concessioni commerciali dovrebbe rivolgersi a loro per le sub concessioni, non potendo aprire un’attività di questo tipo se non esclusivamente affiliandosi ad uno dei pochi concessionari autorizzati dal monopolio, con l’obbligo di vendere ai loro prezzi, solo le varietà imposte e con le loro tecniche di coltivazione. C’è forse qualcuno che conosce questa legge e i suoi capitolati applicativi prima ancora che la legge stessa venga promulgata? C’è chi già oggi sa quante e a chi verranno affidate le concessioni e, grazie alla certezza di essere tra costoro, è già ora in grado di sviluppare il proprio business plan raccogliendo prenotazioni per i suoi futuri sub-appalti?

Per quanto ci riguarda, fatto salvo il DIRITTO IRRINUNCIABILE di ognuna/o di coltivare le proprie piante di cannabis, individualmente oppure in forma associata, come ben chiarito nella Carta di Genova 2014 agli ARTT. 12, 13 e 14 (vedi:http://goo.gl/DUMgd3), noi non avremmo nulla in contrario – e lo abbiamo ampiamente spiegato – se, chi preferisse comunque acquistare piuttosto che autoprodurre, si rivolgesse ai concessionari del mercato governativo, ai tabaccai, ai negozi specializzati o “franchising” che dir si voglia.

Non siamo contro il mercato e neppure contro i controlli qualitativi delle società concessionarie che si occuperebbero della produzione su larga scala, tant’è che sono espressamente nominate le aziende negli ultimi righi dell’ART. 13 della citata “Carta di Genova 2014”, che così recita: “… Inoltre, per tutte le associazioni o aziende che producono per conto terzi, vanno previsti standard qualitativi nel rispetto dei dettami dell’agricoltura biologica, da verificare con analisi periodiche e certificate …”.

Tuttavia, fatte queste premesse, qualora il senatore Benedetto Della Vedova (& Co.) non volessero prenderle in seria considerazione, confidando illusoriamente in una nostra rassegnazione alla beffa di dover comprare in un regime di monopolio e ai loro prezzi, solo le varietà imposte dalle multinazionali e con le loro tecniche di coltivazione, probabilmente rimarrebbero molto sorpresi nel constatare quanto siano numerose le persone che sbarrerebbero loro la strada.

Non siamo gli unici al mondo a rifiutare e contrastare il monopolio e i suoi oligopoli sottoprodotti e, infatti, proprio per questi stessi motivi, nel novembre 2015 il 64% dei residenti in Ohio ha bocciato tramite referendum la “Issue 3”, che avrebbe affidato produzione e distribuzione al monopolio. Bocciarono il referendum pro monopolio non perché proibizionisti, ma proprio perché l’opinione pubblica dell’Ohio, in larghissima maggioranza a favore della legalizzazione, decise così scegliendo di non proibire la coltivazione personale (vedi: http://goo.gl/XTJjmb).

OHIO ISSUE 3 REFERENDUM

Se non tolgono la comunicazione obbligatoria del luogo delle coltivazioni e se non avremo nel testo garanzie sufficienti che le coltivazioni personali, casalinghe o in associazione sul modello dei CSC non verranno mai più cancellate alla successiva finanziaria, noi ci metteremo di traverso, mentre, invece, se facessero retromarcia ascoltandoci, dando a noi ciò che già ci appartiene come il diritto alla autoproduzione, invece di contrastarli riempiremmo le piazze a favore di una proposta che diverrebbe una mediazione accettabile.

Del resto, seppur inascoltati, noi abbiamo iniziato a riempire le piazze contro la legge Fini-Giovanardi molti anni prima che divenisse legge e fino alla sua cancellazione, ad opera della Corte Costituzionale e non certo per merito del parlamento, che sotto la “guida” del governo Letta, tentò addirittura di salvarla, chiedendo l’intervento dell’Avvocatura Dello Stato (vedi:http://goo.gl/px9gCG).

Dove erano questi intergruppisti e cosa hanno fatto in questo ultimo decennio per tentare di cancellarla?

Il loro coordinatore e primo estensore di quella che oggi è definita la proposta per la cannabis legale, il senatore Della Vedova, è stato eletto nel 2006, alle elezioni di pochi mesi dopo il decreto per le olimpiadi di Torino, nel quale fu inserita la Fini-Giovanardipoi trasformata in legge che non a caso è la 49/06.

Della Vedova fu candidato come indipendente nelle liste di Forza Italia, nella circoscrizione Piemonte 1, subito dopo la sua elezione aderì al gruppo parlamentare di Forza Italia (vedi: https://goo.gl/nMC7WJ), formazione propulsiva di quella destra allora di governo che volle fortemente, ottenne e difese quella legge non più in vigore dal febbraio 2014 e che procurò innumerevoli sciagure.

Tranne rare eccezioni come Luigi Manconi, dov’erano i parlamentari del PD che ora affollano l’Intergruppo Cannabis Legale, quando persone innocue e pacifiche come Aldo Bianzino venivano arrestate per poche piante personali nel proprio orto, in località remota e isolata tra i monti umbri, morendo in carcere a poche ore di distanza? E cosa fecero per cancellare quella legge dal 2006 al 2014?

Cosa fece l’attuale PD che, seppur con nomi diversi, in quegli anni fu più volte al governo? Dal 2006 al 2008 erano l’Ulivo diProdi, dal 2011 al 2013 nel governo Monti e dal 2013 al 2014 nel governo Letta, che cadde il 14 febbraio del 2014, all’indomani della sentenza della Corte Costituzionale che cancellò la Fini-Giovanardi. Cosa fece Pippo Civati nel PD, dalla fondazione nel 2007 fino alla sua recente fuoriuscita, per fondare un “nuovo” partito “Possibile”? Cosa facevano prima della loro elezione i senatori e deputati del Movimento 5 Stelle aderenti all’Intergruppo, dei e delle quali non ci risultano personali e precedenti impegni antiproibizionisti?

Possibile che ora si scoprono tutti pro legalizzazione e quanto questo dipende dal fatto che si tratta di un mercato stimato in diversi miliardi di euro annui?

Diffidiamo dai politici per professione, lautamente pagati con denaro pubblico, imbonitori per lavoro che mai hanno coltivato e mai si coltiverebbero una sola pianta rischiando la galera e domandatevi quale possa essere la cannabis migliore e più sicura per il vostro consumo, quella coltivata personalmente e/o da persone di propria fiducia oppure quella che vorrebbero, con l’inganno, costringervi ad acquistare dai concessionari del monopolio.

Come avrete modo di leggere nell’articolo che segue, l’autoproduzione e la cannabis bene comune sono oramai divenuti presupposti inderogabili oltre che per motivi etici anche per questione di sicurezza e salute pubblica.

Buona lettura,

MILLION MARIJUANA MARCH (Italia)

___________________________________________________________________________________________________

Dipartimento della Salute canadese

MONSANTO and Health Canada Cannabis

di Freddie Pritchard

Fonte: http://cannabisincanada.ca/monsanto-and-health-canada-cannabis

Quando gli attivisti della comunità cannabica diventano ben informati, non impiegano molto tempo a comprendere chi sia il principale nemico della cannabis libera: i governi.

Subito dopo, si comincia facilmente a realizzare che ci sono anche altri gruppi che combattono la legalizzazione della cannabis, compresa quella “industriale”. Le compagnie petrolchimiche, le grandi aziende farmaceutiche, l’industria del legno ed i principali produttori di plastica e nylon e le forze dell’ordine, solo per nominarne alcuni. I veri attivisti cercano in continuazione di far affiorare la verità, diventando via via sempre più informati sulle organizzazioni che si oppongono alla legalizzazione e sulla loro agenda.

MONSANTO è un’azienda multinazionale americana di biotecnologie agrarie con una storia molto controversa, non solo per il proprio, discutibile operato in campo agronomico, ma anche per via dell’attività di lobbying con il governo e con la medicina generale. MONSANTO, infatti, modifica geneticamente frutta ed ortaggi che puntualmente vengono approvati come “sicuri per il consumo”.

Nel corso del tempo, sono circolate numerose segnalazioni secondo cui MONSANTO avrebbe realizzato cannabis modificata geneticamente, sebbene, finora, esse rimangano solo ipotesi. Ufficialmente, MONSANTO ha sempre risposto che «non ha mai lavorato, né sta lavorando alla cannabis OGM», definendo tutte le segnalazioni al riguardo «voci di corridoio su internet e bugie».

Tuttavia, poiché è stimato che l’industria della cannabis possa sviluppare un fatturato quantificabile in parecchi miliardi già entro il 2020 (vedi: https://goo.gl/YxOahf), diventando così una delle più grandi operazioni agricole in America, è abbastanza improbabile che multinazionali del calibro della MONSANTO si limitino ad aspettare che i governi legalizzino la cannabis.

Ad ogni modo, piuttosto che discutere di tutto ciò che le multinazionali potrebbero fare, in questo momento è urgente parlare di quello che già stanno facendo oggi, puntando i riflettori su come MONSANTO ed altre società siano già coinvolte nell’industria della “Medical Cannabis” in Canada

Come indicato all’ART. 54 della normativa canadese SOR/2013-119 – Regolamentazione della Cannabis per scopi medici(vedi: http://goo.gl/OgEGT1): «La marijuana non deve essere trattata – prima, durante e dopo il processo di essicazione – con pesticidi, ad eccezione dei prodotti specifici per il trattamento della marijuana od altrimenti autorizzati in base a quanto riportato nel “Pest Control Products Act”».

Il Dipartimento della Salute canadese ha recentemente approvato sette pesticidi per il trattamento della cannabis medica (vedi: http://goo.gl/fcqh4K):

  • MILSTOP fungicida fogliare
  • ACTINOVATE SP fungicida
  • PAL sapone insetticida
  • NEUDOSAN COMMERCIAL pesticida
  • KOPA sapone insetticida
  • ROOTSHIELD HC fungicida biologico in polvere idrosolubile
  • ROOTSHIELD WP fungicida biologico

Questi pesticidi e fungicidi sono stati realizzati ed approvati per il consumo commestibile, cioè non è stato fatto alcun test sulla reazione di queste sostanze chimiche quando il prodotto con le quali è stato trattato viene poi combusto ed inalato, come molto frequentemente accade per la cannabis.

Insieme al 15% di “altri ingredienti”, il fungicida fogliare MILSTOP (vedi: http://goo.gl/sYC66P) contiene l’85% di bicarbonato di potassio, che è molto pericoloso quando viene riscaldato ed inalato e può causare gravi effetti collaterali come confusione, battito cardiaco irregolare, mal di stomaco, vomito, diarrea ed ansia (vedi: http://goo.gl/TRmXZZ).

Il sapone insetticida KOPA (vedi: http://goo.gl/ziyLUe) è composto dall’47% di sali di potassio degli acidi grassi, una sostanza per la quale gli scienziati hanno notato «effetti indesiderati sull’apparato riproduttivo e sullo sviluppo quando somministrata ad alte dose agli animali da laboratorio» (vedi: http://goo.gl/qcxnK9).

Il fungicida ACTINOVATE SP (vedi: http://goo.gl/3qzbld), che è prodotto dalla MONSANTO, elenca tra i suoi principi attivi lo 0.0371% di streptomyces ed un incredibile 99.9629% di “ALTRI INGREDIENTI”.

I principali produttori sono stati autorizzati ad effettuare in autonomia il controllo della qualità sulla cannabis, cosa di cui io non ho fiducia, dato che gli stessi sono già stati ufficialmente chiamati a ritirare dal mercato alcuni loro prodotti contaminati o non corrispondenti alla descrizione fornita (vedi: http://goo.gl/MNM29I).

Del resto, risulta alquanto improbabile poter testare componenti indicati come “altri ingredienti” e nessuno, in questo momento, è in grado di stabilire quali possano essere gli effetti collaterali in caso di combustione ed inalazione di questi “ingredienti sconosciuti” (insieme agli ingredienti “conosciuti”) sull’organismo umano, anche se assunti in minime quantità ma costantemente.

I produttori sono autorizzati a spruzzare con queste sostanze chimiche le proprie colture anche in fase di fioritura, fino alla raccolta, sebbene chiunque coltivi, ha coltivato oppure semplicemente conosce come si coltiva la cannabis, sa benissimo che un coltivatore scrupoloso non utilizzerebbe mai alcun tipo di spray sulla cannabis durante la fioritura.

Nonostante ai produttori commerciali non dovrebbe essere assolutamente permesso di trattare la cannabis con nessuno di questi prodotti, almeno finché non siano stati condotti dei test esaurienti, questa cannabis trattata chimicamente va a finire nelle mani dei pazienti con il benestare del Dipartimento della Salute canadese, senza considerare il sistema immunitario particolarmente debole di queste persone, i problemi respiratori ed un lungo elenco di altre complicazioni.

La cannabis prodotta in un regime di licenze governative dovrebbe essere testata da organismi esterni, in maniera indipendente ed imparziale, essendo questo l’unico modo per stabilire con certezza cosa essa contiene.

Nel corso della mia esistenza ho assistito in prima persona alla storia della cannabis in Canada, guardando Big Pharma, il Dipartimento della Salute, il Governo e tutti gli altri, che ancora oggi non la stanno coltivando nel modo giusto. Non mi fido di loro e tantomeno di MONSANTO e penso che nessuno di noi dovrebbe fidarsi, a maggior ragione dato il controllo completo della NOSTRA cannabis tramite il monopolio.

E mentre i 27 produttori con licenza federale ed anche altre realtà della comunità cannabica continuano ad affermare che la cannabis viene coltivata illegalmente da trafficanti e criminali vari per spingere ulteriormente l’opinione pubblica all’accettazione di una società controllata dal monopolio, proprio queste organizzazioni utilizzano sostanze chimiche nocive sulle piante da loro prodotte.

Vi fidate?

Freddie Pritchard per Cannabis in Canada

Freddie è un attivista di Burnaby con 17 anni di esperienza nella comunità cannabica canadese. Fondatore nel 2011 del primo ed unico CSC a Winsor, ha ospitato anche il magazine “One Man Skoke Shop” in diretta su YouTube. Con oltre 10 anni di esperienza nella coltivazione, Freddie combatte per un mercato equo che includa tutti i canadesi.

_____________________________________________________________________________________________________

Non abbiamo prove certe per affermare connessioni tra il gruppo imprenditoriale “all’indirizzo web” www.cannabisnativa.it e laNestlé, quindi esponiamo quanto trovato in rete senza giungere a conclusioni, ma ciò che è indiscutibile è che marchio“NATIVA” risulta registrato in Europa nel 1972 e rinnovato nel 2006 fino al 2022 dalla NESTLÉ con classi 5 e 29, come riportato dall’Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno (Marchi, Disegni e Modelli)

NATIVA brand - https://oami.europa.eu/

Al seguente link è possibile scaricare consultare il pdf del nono bollettino della classificazione di Nizza, recante indicazioni per gli utilizzi possibili con le diverse classi, in particolare abbiamo estratto dalle classi 5 e 29 solo gli usi attinenti ad un marchio che potrebbe commercializzare cannabis, eliminando il resto e la coincidenza è sorprendente. Non traiamo conclusioni e pur non affermando certezze crediamo spetti agli imprenditori di “NATIVA” doverci spiegare non solo questa coincidenza ma anche dover rispondere ai quesiti posti nella parte dell’articolo che li riguarda.http://oami.europa.eu/pdf/mark/ITEuronice_notes.pdf

CLASSE 5:

Prodotti farmaceutici e veterinari..prodotti igienici per scopi medici..sostanze dietetiche per uso medico… …La classe 5 comprende essenzialmente i prodotti farmaceutici e gli altri prodotti per uso medico… …Questa classe comprende in particolare: ..le sigarette senza tabacco, per uso medico…

Nota Bene: La virgola tra tabacco e per uso medico, significa due possibili utilizzi, sigarette senza tabacco e oppure se preferite anche, anche per uso medico. Per onestà vi avvisiamo che nel successivo bollettino, il numero 10 in vigore dal primo gennaio 2012, la dicitura “..le sigarette senza tabacco, per uso medico..” non è più presente ma nulla cambia, visto che vi era dalla registrazione nel 1972 e nel successivo rinnovo nel 2006 fino a gennaio 2012 mentre attualmente rimane tutto il resto, estratto e copiato sotto.

Prodotti farmaceutici e veterinari; prodotti igienici per scopi medici; alimenti e sostanze dietetiche per uso medico o veterinario..complementi alimentari per umani ed animali….

CLASSE 29

frutta e ortaggi conservati, essiccati e cotti.. gelatine, marmellate, composte.. oli e grassi commestibili… …La classe 29 comprende essenzialmente le derrate alimentari di origine animale, nonché le verdure e altri prodotti orticoli commestibili preparati per la consumazione o la conservazione.

Nota bene: la classe 29 comprende “..ortaggi conservati, essiccati e cotti..” ed anche”.. nonché le verdure e altri prodotti orticoli commestibili preparati per la consumazione o la conservazione..” ed è attualmente in vigore essendo tutto quanto sopra estratto ancora presente nel bollettino 10 consultabile al seguente link: http://www.po.camcom.it/doc/brevetti/class_Nizza_sint.pdf

 

FONTE: Million Marijuana March Italia

Redazione
Associazione Nazionale FreeWeed Board, 100% Noprofit, Apartitica ed Indipendente.
(Visited 186 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

104 Responses so far.

  1. Legalizzala ha detto:
    In Colorado e in California hanno già regolamentato la cannabis biologica. Informarevi prima di parlare a vanvera. Siete nemici della maria e dei sui utilizzatori, altro che freeweed! Dovreste chiamarvi galeraweed! Ma tanto sono sicuro che non vi cagherà nessuno e l’erba verrà legalizzata.
     
    • Mefisto ha detto:
      In California che tu citi, quanto hanno ottenuto è stato possibile grazie al fatto che avevano bocciato anni fa il referendum “proposition 19” che avrebbe messo tutto sotto monopolio come stanno tentando di fare ora in Italia con la finta legalizzazione del famoso intergruppo per il monopolio. Informati te piuttosto prima di emettere insensate sentenze, se trovi qualche appiglio che ti consentirebbe di smentire quanto scritto in questi tre articoli facci sapere, altrimenti rimandiamo al mittente i tuoi insulti.
       
      • Piergiorgio Liverani ha detto:
        vabbeh si ma intanto adesso sono riusciti a riottenerla la coltivazione
        in canada
         
        • Mefisto ha detto:
          A parte che se in Canada sono riusciti a tentare di risolvere il danno non è per l’impostazione della pessima legge simile alla proposta dell’intergruppo ma per il ricorso dei cittadini alla loro Corte costituzionale per rimuoverla.
          Poi che invece la Consulta, ossia la nostra Corte Costituzionale, possa decretare la incostituzionalita del divieto di coltivazione ho seri e fondati dubbi anche se spero di sbagliarmi.
          Comunque se ciò avvenisse, se ( con moltissimi se…) la nostra Corte Costituzionale il 9 marzo decretasse la incostituzionalità del divieto di coltivazione personale, casomai di inutile ci sarebbe solo il tentativo di questa pericolosa PL, che tenta di mettere la cannabis sotto monopolio e non le giuste opposizioni a questo ennesimo obbrobrio, non pensi?
          Ma poi a te che cosa interessa? Sei minorenne e non punibile se non come previsto dalla nostra legge in maniera blanda per i minorenni. Però neanche potresti acquistare in quei negozi governativi che tanto ti piacciono, quindi perché insisti a intervenire in una vicenda che in nessun modo può riguardanti almeno finché non raggiungi la maggiore età? Poi successivamente potresti sempre tentare di salvarti appellandoti alla semi infermità mentale e non è escluso che te la concedano, visto il tuo insensato agire, quindi smettila di giocare a questo che per gli adulti non è un gioco e quando finiscono in galera a volte non ne escono vivi, piuttosto prova a crescere senza costringerci di avvisare i tuoi genitori delle cazzate che scrivi.
          Ma questi dell’ intergruppo stanno così a pezzi da assoldare soldatini bambini?
           
          • Piergiorgio Liverani ha detto:
            vuoi che ti mando la foto della mia prescrizione per il bedrocan ?!?
            sai quanto me li farebbero pagare 5 grammi in farmacia ??? 190euro non rimborsabili ora scusami se voglio che passi una legge che mi renda più facile la vita perché e questo il punto ci si deve sbrigare tu non so se fumi per divertirti o per curarti ma una cosa che non puoi negare e che noi malati in sta situazione attuale stiamo dimmerda e francamente spero possa cambiare il prima possibile
             
          • Mefisto ha detto:
            Si Piergiorgio Liverani, invia la foto della prescrizione con nome leggibile del medico cosi controlliamo, la prescrizione non è la tua. Comunque che questa legge possa rendere più facile la vita ai pazienti ho seri dubbi, nell’articolo che hai tentato di contestare si parla degli effetti negativi del monopolio In Canada per esempio, dove il prezzo della cannabis è aumentato e la qualità è quella di una cannabis intossicata dai veleni della Monsanto.
            Poi forse ti sfugge, ma se il betrocan ha questo prezzo è perché gia ora lavora in regime di monopolio, oppure ti risulta che, non te ovviamente, ma chi ne ha veramente bisogno terapeutico, possa attualmente rifornirsi da altre marche oltre questa?
            Ma non te lo hanno mai detto che le bugie hanno le gambe corte?
            Ripeto, torna a giocare e non disturbare oltre, non è un gioco questo e della gente è morta in galera a meno di 24 ore dell’arresto per coltivazione, come Aldo Bianzino, torna a giocare con i tuoi coetanei oppure, ultimo avviso, informiamo i tuoi genitori che immagino ignoriamo le cazzate che scrive il loro figlio minorenne.
             
          • Piergiorgio Liverani ha detto:
            ecco con questo messaggio si capisce quanto sei coglione e maleducato checcazzo ne sai di chi so io e diversamente da quanto dici la prescrizione ce lho sul serio me l’ha fatta il dottor simone fagherazzi sulla prescrizione non c’è il mio nome c’è un codice per privacy se proprio non ci credi puoi anche chiedere a stefano di freeweed o a quelli del cip di roma mi conoscono e confermeranno ora non ho niente da nascondere quindi sta zitto e cerca di evitare altre figuracce
             
          • Mefisto ha detto:
            A parte che nulla prova che quella prescrizione sia la tua e non quella di un tuo conoscente, resta il fatto che il monopolio che difendi tanto accanitamenente non è un bene per nessuno. L’esempio del Canada è molto eloquente in ciò, li tutti e tutte, sono costretti a comprare dalle poche ditte concessionarie la cannabis trattata con veleno dalla Monsanto, pericolosa per chiunque è ancora di più per i pazienti. Inoltre forse ti sfugge che se il betrocan ha questo prezzo è perché gia può beneficiare di un regime di monopolio, visto che sono i soli attualmente autorizzati a produrre betrocan e bediol, quindi i prezzi li stabiliscono loro. Nel tentare di difendere il monopolio, inconsapevolmente e lamentandotene, ne hai descritto un aspetto tipico, come il fatto che il prezzo lo decidono loro, perche o mangi sta minestra o ti butti dalla finestra, come dice il vecchio proverbio. Noi non vogliamo ne quella minestra e neanche gettarci da quella finestra, reclamiamo semplicemente il nostro diritto alla autoproduzione della nostra cannabis ed è questo è null’altro, che ti infastidisce tanto da arrivare a mentire e insultare chi difende il diritto alla autocoltivazione.
             
          • Piergiorgio Liverani ha detto:
            allora prima cosa appunto se non ci credi vieni il 9 a roma puoi chiedere di me a stefano mi conosce due non ho mai detto di essere contro l’autocoltivazione come dici tu ce differenza nel sostenere una legge che seppur con il monopolio mi posso coltivare la mia maria anche se con restrizionirispetto ad una che mi sbatte detro se mi beccano in qualsiasi caso le cose migliorerebbero anche se restasse l’assurdo divieto di coltivareperche la pena sarebbe di sicuro minore e se mi riconosci il 9 (cosa che io non posso fare con te visto che io ci metto la faccia in quello che dico a differenza tua)
            saro ben felice di sbatterti in faccia la prescrizione

            e poi a na certa rompi proprio lcazzo ce

            prima dici che mi pagano
            e fidati sei lontano
            poi che so nragazzino non sapendo che so malato
            poi te lo faccio notare e mi dai del bugiardo
            allora ti dico cazzo non ci credi ti mando la foto e se non ti basta puoi pure chiede a stefano lpresidente di freeweed che mi conosce

            e mi dici che arrivo a mentire e insultare?!?!?
            ce io apparte difendere la mia idea, che questa legge si deve fare il prima possibile costi quel che costi non ho fatto niente sei tu che hai iniziato ad insultare

             
          • Mefisto ha detto:
            Continui a tentare di difendere ad ogni costo il monopolio affermando che sarebbe comunque meglio di ora nonostante ti sia stato ampiamente spiegato che così non è. Continui ad insultare solo perché difendo il diritto alla autocoltivazione che con il monopolio ha poco a che fare, anzi, assolutamente nulla, o monopolio o diritto alla autocoltivazione. Sarei anche io curioso di sapere se Stefano conferma di conoscerti e di sapere che fai uso terapeutico della cannabis, come affermi e del quale io dubito. In ogni caso ribadisco, che se il betrocan ha ora dei prezzi proibitivi è grazie al fatto che già ora per gli usi terapeutici la società che lo produce agisce in regime di monopolio.
             
          • Stefano A. ha detto:
            Ho capito però cerchiamo di evitare di continuare a tirare in mezzo persone che si conoscono in due o forse una occasione per qualche minuto. Cerchiamo di esporre FATTI e non opinioni. e soprattutto cerchiamo di attenerci agli argomenti tematici.
             
    • Stefano A. ha detto:
      Che venga legalizzata è quasi chiaro, ormai; il punto che si affronta qui è “come”, ma evidentemente sei troppo impegnato a pensare a come essere simpatico invece che ragionare su questa tematica sulla quale ti invito a riflettere ulteriormente, magari rileggendo ed approfondendo.
       
      • Ams Bundem ha detto:
        Lascia perdere. E’ sempre quel “simpaticone” di @Flohlc:disqus che scrive con un altro account, perchè il primo è stato bloccato per mancanza di argomentazioni…
         

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti