Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: I Consumatori di Cannabis ricreativa non hanno conseguenze negative sulla Salute

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
(Foto: ShutterStock)

Una nuova ricerca fuori dagli Stati Uniti ha trovato che non sussiste alcun legame tra l’uso di Cannabis in ambito ricreativo e i problemi di salute.

Gli Specialisti di Tossicodipendenza dal Boston Medical Center e Boston University School of Medicine hanno studiato 589 adulti che davano screening positivo per uso di Cannabis durante la loro visita alla clinica di cure primarie di un ospedale cittadino.

Dopo aver valutato la loro frequenza di uso di Cannabis, lo stato di salute generale e la storia dei ricoveri, i ricercatori non sono riusciti a trovare alcuna indicazione che l’uso di Cannabis sia stato un impatto negativo sulla salute del gruppo.

I risultati sono apparsi online nel Journal of General Internal Medicine .

“Questi risultati suggeriscono che la frequenza di uso di Cannabis tra i pazienti che risultano positivi allo screening per i farmaci nelle cure primarie non può essere associato ad identificabili risultati sanitari negativi come valutato da misure globali di utilizzo salute, qualsiasi comorbidità e lo stato di salute.”

È interessante notare che i risultati non hanno mostrato alcuna differenza tra la frequenza di uso di Cannabis e la frequenza di impatto sulla salute, il che porta gli autori a suggerire che “abbattere l’uso può avere poco effetto misurabile sullo stato di salute”

In breve, non si sta meglio per forza se si usa meno Cannabis.

Lo studio, condotto da Daniel Fuster, MD, uno studioso post-dottorato del Clinical Addiction Unità di Ricerca e Formazione in BMC e BUSM, è stato uno dei primi a considerare l’impatto dell’uso di Cannabis sull’utilizzazione del sistema sanitario.

Gli autori hanno rilevato l’importanza delle loro scoperte alla luce di questo fatto.

“A nostra conoscenza, le conseguenze mediche di uso di Cannabis sono state raramente esplorate in pazienti adulti nelle cure primarie.”

Mentre lo studio ha reclutato soggetti screening positivo per una lista di farmaci comunemente abusati – 84% Cannabis, il 25% cocaina, 23% oppiacei e l’8%  altri farmaci – il Dr. Fuster ha confermato i risultati in materia della sola Cannabis in questo comunicato stampa .

“Anche se non abbiamo potuto confrontare i consumatori di Cannabis a coloro che hanno usato droghe in numero uguale, i nostri risultati suggeriscono che l’uso di Cannabis ha un effetto misurabile sulla salute (o sanità) auto-riferito negli adulti che utilizzano farmaci identificati in una clinica di cure primarie”, ha concluso Fuster , quindi con danno pari a zero.

Lo studio è stato pubblicato davanti alla stampa e ha ricevuto un finanziamento dal National Institute on Drug Abuse (NIDA)

 

Fonte:

LeafScience.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 321 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

7 Responses so far.

  1. […] Per quanto riguarda i danni poi, Tirelli faccia riferimento semplicemente a questo articolo: http://freeweed.it/cannabis-ricreativa-non-conseguenze-salute/ […]
     

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti