Come aprire un Cannabis Social Club? Nota di Encod per la costituzione dei CSC in Europa


Cannabis Social Club: come funziona e come aprirlo

I Cannabis Social Club sono a tutti gli effetti delle Associazioni No-profit regolarmente costituite, con uno Statuto, un’organizzazione interna e la massima apertura al dialogo con le Autorità, che intendono svilupparsi nei Paesi dove il consumo personale della cannabis è depenalizzato, proprio con l’obiettivo di poterne praticare la coltivazione collettiva e soddisfare – in maniera legale e senza scopo di lucro – il consumo personale dei soli soci adulti che ne fanno parte, stabilendo così un circuito chiuso tra coltivatori e consumatori, dove l’intero processo di produzione, distribuzione e consumo venga sottoposto alla supervisione delle Autorità e, soprattutto, sia svincolato dal traffico illecito di stupefacenti e da ogni altra attività illegale da cui dipendono i maggiori rischi per i consumatori, anche per quanto riguarda l’abuso e l’uso problematico di cannabis ed altre sostanze.

Sebbene al momento, in tutta Europa, ci siano Cannabis Social Club che operano in maniera legale solo in Spagna ed in Belgio, dove la coltivazione personale della cannabis non è reato, secondo Encod, è lecito ipotizzarne la costituzione anche in tutti quei Paese dove, essendo il consumo personale depenalizzato, sarebbe teoricamente possibile poter organizzare un’adeguata difesa legale dei CSC che intendono praticare l’auto-produzione della cannabis per soddisfare il proprio consumo personale, senza più essere vincolati all’approvvigionamento sul mercato nero, cioè adoperandosi in funzione di un mutamento normativo necessario per non infrangere la legge e tutt’altro che improponibile, soprattutto con un adeguato lavoro di lobby, attivismo e campagne di informazione. Le Convenzioni Internazionali sulle droghe, infatti, pur vietando il commercio di sostanze stupefacenti illegali, non sanciscono l’obbigo di punire la coltivazione ed il consumo personale della cannabis: i Paesi firmatari avrebbero perciò la piena facoltà di depenalizzare e regolamentare l’intero processo di produzione, distribuzione e consumo personale, senza incorrere in alcun tipo di sanzione internazionale.

L’Associazione FreeWeed Board NON intende per nessuna ragione istigare all’uso di Cannabis, nè tantomeno ad infrangere la normativa sugli stupefacenti che – vogliamo ricordarlo – considera la coltivazione di cannabis un reato penale molto grave, anche nel caso di una sola pianta ed anche se la coltivazione è finalizzata all’esclusivo uso personale. Tuttavia, per completazza di informazioni sui CSC ed al fine di comprendere come lo scopo del modello dei Cannabis Social Club proposto da Encod NON sia infrangere la Legge, quanto quello di voler contribuire allo sviluppo di un nuovo paradigma di Legalità, riteniamo importante pubblicare la seguente Nota Informativa di Encod, che ipotizza il percorso da seguire per la costituzione dei CSC in Europa, nei Paesi dove il consumo personale della cannabis è depenalizzato.

L’avvio di un Cannabis Social Club in 4 fasi

In base all’Articolo 12 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea: “ognuno ha il diritto alla libertà di riunione pacifica e di associazione a tutti i livelli” e, finché le proprie attività non minacciano la salute e/o l’ordine pubblico, le Autorità non hanno alcun motivo per interferire.

Volendo ipotizzare la costituzione di un Cannabis Social Club, è fondamentale evitare qualsiasi connessione con il mercato nero, perchè un CSC che si possa definire tale, non solo deve sembrare legale, ma deve anche esserlo realmente, in modo da poterlo dimostrare nel corso di un eventuale processo a proprio carico. Pertanto, è bene non dimenticare mai che l’organizzazione e la gestione di un CSC necessitano di molta serietà e di una rigida disciplina.

Per funzionare, ogni Cannabis Social Club ha bisogno di soci che partecipino attivamente all’organizzazione ed alla gestione, in varie forme e con diverse responsabilità. Le norme di condotta all’interno del CSC devono essere chiare e semplici, rispettate e controllate in maniera democratica. Fin dall’inizio, è consigliabile richiedere l’assistenza legale di un avvocato che possa offrire la propria consulenza in merito ai passi da compiere prima, durante e dopo l’avvio del CSC, olre che prepare una linea di difesa legale nell’eventualità che essa fosse necessaria.

Inoltre, ancora prima di prendere in considerazione l’idea eventuale di avviare un Cannabis Social Club, è bene verificare il quadro giuridico riguardo il consumo di Cannabis in vigore nel proprio Paese: qualora esso non sia considerato un crimine penalmente perseguibile, la cui detenzione personale, entro certi limiti, è sanzionata “solo” amministrativamente (come è il caso dell’Italia), in teoria dovrebbe essere possibile organizzare una adeguata difesa legale del Cannabis Social Club. Per maggiori informazioni, vedi l’elenco della quantità soglia legale nei paesi dell’UE.

Fase 1: presentazione pubblica dell’iniziativa

Il primo passo da compiere verso l’avvio di un Cannabis Social Club è la presentazione della propria iniziativa attraverso una conferenza stampa e/o la pubblica diffusione della notizia (social network, sito web, magazine, giornali e TV locali, etc…). Il modo migliore per farlo è cercando di coinvolgere una personalità nota (politici, artisti, sportivi, etc…), in modo da beneficiare di una adeguata visibilità e ridurre il più possibile l’eventualità di essere perseguiti per la detenzione – sempre nei limiti del consumo personale – di semi, piante o quantità di cannabis durante le fasi di presentazione della propria iniziativa.

Inoltre, sempre nell’ambito di tale presentazione, è importantissimo sottolineare (nella maniera più chiara ed incisiva possibile) come l’unico scopo del Cannabis Social Club sia quello di intraprendere la condotta coltivativa per l’esclusivo consumo personale dei soci adulti del CSC e per offrire un’alternativa legale, sicura e trasparente al traffico illecito di stupefacenti.

Qualora non ci fosse nessuna reazione da parte delle attività giuridiche che possa lasciar presagire l’intento di perseguire l’iniziativa, è possibile passare alla “fase 2”.

Fase 2: costituzione del Cannabis Social Club

La fase successiva è la costituzione ufficiale del Cannabis Social Club: una associazione no-profit , formata da consumatori (ESCLUSIVAMENTE ADULTI) di Cannabis, che coltivano collettivamente, attraverso un circuito chiuso, la quantità necessaria al proprio consumo personale.




Occorre creare un comitato esecutivo che includa almeno le figure del Presidente, del segretario e del tesoriere e stabilire un processo decisionale democratico e trasparente, in modo che tutti i soci del club possano essere consapevoli dei passaggi principali dell’organizzazione, l’adozione di accordi finanziari, etc.

Lo statuto deve necessariamente contenere lo scopo dell’associazione: ridurre ed evitare i rischi per la salute che potrebbero derivare dall’uso irresponsabile e/o dall’abuso di Cannabis, nonché ridurre ed evitare i rischi connessi all’approvvigionamento sul mercato nero, in termini legali, e sanitari (adulterazione della Cannabis, istigazione all’uso di droghe pesanti, etc.). Gli obbiettivi possono anche essere correlati allo studio della pianta per scopi di ricerca, all’utilizzo di metodi di coltivazione che rispettino esclusivamente gli standard dell’agricoltura biologica ed alla promozione di un dibattito sociale sullo status legale della Cannabis e sulla riqualificazione dei consumatori. Su richiesta, è possibile ottenere il modello di statuto già adottato da Encod per i Cannabis Social Club in Spagna ed in Belgio.

Lo statuto di un Cannabis Social Club, come quello di una qualsiasi altra associazione no-profit, dovrebbe essere regolarmente registrato e legalmente riconosciuto dalle autorità competenti.
Per iniziare, occorre consentire agli utenti di iscriversi al club (assicurandosi che si tratti di adulti già consumatori di Cannabis e/o che abbiano una riconosciuta condizione medica in base a cui il consumo di Cannabis non può essere dannoso, se non terapeutico).

A questo punto, abbia inizio la coltivazione! È necessario stabilire a priori la quantità di piante necessaria al consumo personale dei soci ed organizzare la produzione collettiva in una piantagione comune. La coltivazione dovrebbe essere esclusivamente biologica e garantire una adeguata varietà di piante disponibili, in modo che i soci del club possano sperimentare continuamente nuove specie di Cannabis ed individuare quelle più adatte alle proprie esigenze.

Accertarsi che le persone che conducono la coltivazione ed eventualmente effettuano il trasporto di piante, infiorescenze e/o altri derivati pronti all’uso siano sempre in possesso della documentazione che specifica l’attività dell’associazione e che faccia riferimento ai legali antecedenti. La documentazione dovrebbe essere tale da risultare che la Cannabis nella piantagione collettiva è stata coltivata a nome dei soci del club, identificabili in una anagrafica ufficiale (per esempio una scheda contenente una copia dei documenti d’identità). Questa documentazione potrebbe essere cruciale per evitare la persecuzione delle persone principalmente coinvolte nell’associazione, nell’eventualità in cui l’autorità giudiziaria potesse decidere di intervenire.

Se la distribuzione ed il consumo della Cannabis può avvenire all’interno del club, dipende tutto dalla legislazione nel proprio Paese e dalla corretta interpretazione in caso di processo.

Fase 3: rendere maggiormente professionale il proprio club

Con il tempo, la quantità di soci del club crescerà e l’organizzazione della produzione, del trasporto, dei pagamenti, etc., dovrà diventare più professionale. Al fine di consentire all’associazione di gestire bene la coltivazione è consigliabile allestire diverse piantagioni di piccola scala.

Ogni club può avere le proprie regole, che integrano ed estendono quelle sullo statuto, per disciplinare l’uso degli ambienti a disposizione dei soci per consumare la propria Cannabis, le modalità di pagamento della quota associativa, i metodi di coltivazione, il buon spirito di gruppo del club, etc. In queste regole è possibile includere il codice di condotta per i soci, ad esempio il divieto assoluto di vendere la Cannabis prodotta al di fuori dei soci, a maggior ragione se minorenni.




Per evitare problemi e fraintendimenti, può essere una buona regola quella di informare le autorità in merito alla condotta di coltivazione collettiva. Alcuni club in Europa hanno informato le autorità giuridiche nella propria zona, il più vicino ufficio di Polizia o il comune, altri hanno semplicemente redatto un comunicato stampa.

Il proprio status di associazione no-profit non implica il divieto delle transazioni commerciali. Per produrre Cannabis di buona qualità ed in modo sano e sicuro, è richiesto duro lavoro che deve essere remunerato e continui costi di gestione da coprire. Per operare come una associazione, occorre sostenere delle spese e prevedere un salario per le persone addette ai lavori.

Il prezzo della Cannabis dovrebbe essere sempre stabilito in maniera trasparente e democratica, considerando tutte le spese che possono essere incluse: affitto degli spazi comuni, acqua, elettricità, materiali, salari, costi di ufficio, benzina e costi generali dell’associazione.

In Spagna ed in Belgio, ottimizzando il lavoro, è stato possibile arrivare ad un prezzo che oscilla tra i 3 ed i 4 euro al grammo. La maggior parte dei club più sviluppati opera in base ad un bilancio annuale, così che il prezzo possa essere adeguato ogni anno. In altri casi, il calcolo esatto può avvenire anche in occasione di ogni raccolto (3-4 mesi).

Nel caso in cui si dovessero realizzare profitti, questi non vengono in nessun caso ripartiti tra i soci, ma utilizzati per portare avanti gli obbiettivi dell’associazione. L’ipotesi più semplice, in caso in cui il bilancio annuale del club si chiuda con dei profitti, è quella di ridurre in maniera proporzionale la quota associativa dei soci per l’anno successivo.

Le transazioni finanziare devono essere documentate sempre, sia i pagamenti in uscita, con fattura, sia quelli in entrata, con le ricevute. Ciò è molto importante per dimostrare, in un eventuale processo a carico, che il club non è stato coinvolto in alcun tipo di attività illecita o sommersa ed aiuta anche a garantire la trasparenza finanziaria dell’associazione.

È una buona idea quella di stabilire un meccanismo di controllo esterno all’organizzazione, operato da qualcuno che non è un socio del club e che perciò abbia la capacità di giudicare se i metodi utilizzati soddisfino le norme (eventualmente) previste per questo genere di attività.

Fase 4: Fare pressione per ottenere una regolamentazione legale dei Cannabis Social Club nel proprio paese

Una volta che un Cannabis Social Club funziona correttamente, ciò che rimane è quello di convincere le autorità politiche e giuridiche di installare un quadro normativo giuridico per i club, per quanto riguarda le licenze, le tasse, il controllo esterno.
Nella maggior parte dei casi, i politici, giuristi, giudici o poliziotti semplicemente non sanno come iniziare a regolamentare un mercato legale della Cannabis. Questo può aiutare il processo: quando non ci sono nessun antecedenti, i modelli che vengono proposti dai consumatori stessi possono diventare più facilmente accettati.

Fonte: http://www.encod.org/info/MANUAL-TO-CREATE-A-CANNABIS-SOCIAL.html

Sviluppo dei Cannabis Social Club in Europa

Ad oggi, Encod registra lo sviluppo di varie iniziative dal basso per la costituzione dei primi CSC in Austria, Francia, Italia, Slovenia e Olanda ed ipotizza che sia solo questione di tempo prima che venga ufficialmente intrapresa una battaglia legale e politica per il riconoscimento legale dei diritti di tutti i consumatori adulti di cannabis. Per maggiori informazioni, consulta il Bollettino Encod N° 116 – Ottobre 2014 .

Mappa del progetto Cannabis Social Club in Europa

Torna alla sezione principale oppure consulta altri approfondimenti sul modello dei Cannabis Social Club proposto da Encod:

Il 9 Dicembre 2011, Encod presenta il seguente Codice di condotta per i Cannabis Social Club Europei, che è stato elaborato da membri di Encod in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Spagna e Regno Unito.

il 29 Gennaio 2013, Encod pubblica una nota informativa circa la possibilità concreta di istituire un Cannabis Social Club in tutti quei Paesi europei dove il consumo personale di Cannabis è stato depenalizzato.

Avvocato Carlo Alberto Zaina: A proposto del rapporto fra decisione 2004/757/GAI della UE – la madre di tutte le norme, introduce principi basilari e linee guida che devono essere recepite dagli ordinamenti interni aderenti alla UE – e DPR 309/90 in tema di stupefacenti.

Fin dal 1993, ENCOD – Coalizione Europea per le Politiche sulle Droghe Giuste ed Efficaci – ispira e raccoglie l’adesione di organizzazioni, gruppi e singoli cittadini in Europa che intendono mettere fine alla «guerra alle droghe», rappresentando e dando forza alla loro voce presso le Nazioni Unite, l’Unione Europea e sul territorio, a livello Nazionale e locale.

Il 15 marzo del 1998, 14 NGO (Organizzazioni Non Governative) provenienti da Europa, Africa e America Latina si sono incontrate a Vienna per l’adozione del Manifesto per le politiche sulle droghe giuste ed efficaci, che è stato firmato da centinaia di organizzazioni in tutto il mondo e rappresenta la visione della Coalizione Internazionale delle NGO in materia di politiche sulle droghe.

(Visited 29.125 times, 12 visits today)

3 Responses so far.

  1. info news ha detto:
    a lecce sembra esista gia’ un cannabis social club. mentre a firenze la distribuiscono ugualmente, con prescrizione medica, anche se non sembra usino la stessa formula. sembra che le delibere regionali prendano il sopravvento sulle leggi statali. forse si sta disgregando una nazione partendo dalla cannabis…
  2. Dejan Di Martino ha detto:
    Per chi fosse intenzionato ad aprire un Cannabis Social Club in Spagna invitiamo a seguire la guida offerta direttamente dal sito del ministero dell’interno http://www.interior.gob.es/es/web/servicios-al-ciudadano/asociaciones

    Qui troverete tutte le informazioni utili, le guide e i modelli indispensabili per completare il percorso burocratico. A tutti quelli che ci chiedono quanto costa invitiamo a seguire il link ufficiale del ministero:

    http://www.interior.gob.es/web/servicios-al-ciudadano/tasas/asociaciones

    Come potrete verificare la tassa di iscrizione per una associazione è di 37€ e di 18€ per ogni ulteriore modifica. Dovrete avere una buona conoscenza dello spagnolo (fatevi aiutare da un traduttore per la stesura dello statuto) comporre una giunta direttiva di almeno 3 persone, compilare tutti i moduli necessari e spedire a Madrid. Dovrete richiedere il nie (una documento spagnolo provvisorio) e affittare un locale che diventerà la sede legale da apporre nello statuto.

    Telefonando direttamente allo 060 sarete aiutati nel vostro percorso che per legge può concludersi in 3 mesi. Niente paura per eventuali errori che potrete commettere sarete sempre seguiti e riuscirete a risolvere i problemi che incontrerete. Molto utile potrebbe essere farsi aiutare da un commercialista che vi seguirà anche per la futura apertura della partita iva e codice fiscale vostra e dell’associazione. I prezzi sono molto onesti non come in Italia.

LEAVE A COMMENT