Cannabis Terapeutica: La situazione in Europa

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’articolo che segue è ripreso dal sito Leafly.com.

Per i pazienti che usano cannabis medica negli Stati Uniti e in Canada è previsto l’accesso a centinaia di varietà di cannabis, da cui si può scegliere il più efficace per il trattamento della loro specifica condizione; quale è la situazione in Europa?

In Europa, dove i programmi sulla cannabis medica hanno solo di recente guadagnato l’attenzione politica, la scelta è invece estremamente limitata. In alcuni paesi, solo THC purificato (e spesso sintetizzato) è disponibile, mentre in altri – come l’Italia, la Germania, o nei Paesi Bassi – solo un esiguo numero di pazienti è in grado di ottenere i fiori di cannabis come terapia.
Indipendentemente dal fatto che un paziente sia in una farmacia a Roma, Amsterdam, o a Berlino, il contenuto del vasettino di plastica non è molto diverso; ci sono attualmente solo una manciata di varietà di cannabis utilizzate legalmente in tutta l’UE.

Tutte queste limitate varietà hanno la loro origine nel programma federale della cannabis olandese, ma a volte può essere fatta risalire al mercato nero.

Nuove operazioni colturali a livello medico in Italia e nella Repubblica Ceca stanno lavorano esclusivamente con la genetica dei Paesi Bassi, le stesse varietà sviluppate dalla società olandese Bedrocan.

Fino al 2003 la SIMM, società olandese (Stichting Institute of Medical Marijuana), aveva offerto più varietà, ma la licenza del produttore è stata revocata, e ciò è dovuto in parte perché SIMM non voleva che la sua cannabis venisse sterilizzata con raggi gamma, come invece è richiesto dalla legge olandese in tema di medicinali.

Nella Repubblica Ceca e in Italia, i governi hanno concesso licenze per gruppi di coltivazione con nessuna precedente esperienza con la cannabis, ed hanno dovuto lottare per produrre medicine di qualità sufficiente. Germania e Finlandia non hanno una produzione nazionale. Per anni entrambi i paesi hanno fatto affidamento sulle importazioni dal limitato magazzino dei Paesi Bassi, che ancora oggi porta a difficoltà di approvvigionamento regolari.

Senza una maggiore concorrenza nel mercato ulteriori difficoltà di approvvigionamento e di selezione scarsa di ceppi rischiano di persistere.

In Canada e negli Stati Uniti che hanno legalizzato la cannabis medica, l’introduzione di programmi è dotato di libera concorrenza di mercato. Il risultato? Risultati migliori per i pazienti a costi ridotti.

In Germania i pazienti che usano cannabis come terapia attualmente devono pagare € 15,45 ($ 17) per ogni grammo, in media.

In Italia, è oltre i € 30 ($ 33).

Un grammo di estratto di grado medico o THC purificato in uno dei due paesi dell’Unione europea può costare fino a 4-8 volte tanto quanto la cannabis in forma di fiore.

Questi dati sono in netto contrasto con i dati del Canada, dove i pazienti pagano tra i € 4 e € 10 per grammo e la carenza di fornitura semplicemente non esiste.

Per far fronte a queste carenze i legislatori tedeschi stanno discutendo un disegno di legge che ampliare l’accesso e consentire maggiori importazioni di cannabis. Ma il destino del disegno di legge è ancora molto vago.

 

I prodotti disponibili nei mercati europei:

Bedrocan THC: 22% CBD: <1% Origine: stabilizzato ibridi F2 di Jack Herer

Bedrobinol THC: 14.5% CBD: . <1% Origine: Bred da Jack Herer e Afghani

Bedica THC: 14% CBD: <1% Origine: genetica Principalmente Indica, allevati da Afghani e Herijuana offerto solo come granuli.
Bediol THC: 6.5% CBD: 8% Origine: Unknown (segreto commerciale) venduto in forma granulare.
Bedrolite THC: <1% CBD: 9% Origine: Unknown (segreto commerciale) venduto in forma granulare.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 547 times, 3 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti