Cannabis per trattare sintomi dell’Epatite C

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’ epatite C  è una malattia epatica virale che colpisce circa quattro milioni di americani.

L’epatite C cronica è tipicamente associata con sintomi quali stanchezza, depressione, dolori articolari e danni al fegato, compresa cirrosi e cancro del fegato.

I pazienti con diagnosi di epatite C spesso riferiscono l’uso di cannabis per trattare sia i sintomi della malattia sia la nausea associata alla terapia antivirale. [1-2]

Uno studio osservazionale condotto da ricercatori presso l’Università di California a San Francisco (UCSF) ha trovato che i pazienti con epatite C che fanno uso di cannabis avevano significativamente maggiori probabilità di aderire al loro regime di trattamento rispetto ai pazienti che non ne fanno uso. [3]

Tuttavia, nessuno studio clinico ha valutato l’uso di cannabinoidi per questa indicazione.

Dati preclinici indicano che il sistema endocannabinoide può moderare gli aspetti della malattia epatica cronica [4,5] e che i cannabinoidi possono ridurre l’infiammazione in modelli sperimentali di epatite. [6]

Alcune altre persone hanno riportato un’associazione positiva tra l’uso quotidiano di cannabis e la progressione della fibrosi epatica (eccessivo accumulo di tessuto) e steatosi (eccessivo accumulo di grasso) in alcuni pazienti con epatite C. [7-9 ] Tuttavia, i rapporti dati ottenuti dagli studi più recenti dicono che il fumo di cannabis non è associato con la promozione di malattia epatica nei pazienti con epatite C. [10]




Gli esperti hanno opinioni divergenti per quanto riguarda l’uso terapeutico dei cannabinoidi per il trattamento dell’epatite C.

Nella ricerca pubblicata nel numero di ottobre 2006 del European Journal of Gastroenterology, ricercatori provenienti da Canada e Germania hanno concluso che la cannabis porterebbe “potenziali vantaggi di una maggiore probabilità di successo del trattamento [per i pazienti con epatite C] e sembrano superare i [loro] rischi”. [11] al contrario, altri esperti sconsigliano l’uso di cannabis in pazienti con epatite cronica fino ulteriori studi. [12-16]

riferimenti

[1] Schnelle et al. 1999. I risultati di un sondaggio standardizzato sull’uso medico dei prodotti di cannabis in tedesco – zona di lingua . Forschende Komplementärmedizin (Germania) 3: 28-36.

[2] David Berstein. 2004. ” Epatite C – Stato attuale dell’arte e direzioni future .” Medscape oggi .

[3] Sylvestre et al. 2006. Il consumo di cannabis migliora la ritenzione e gli esiti virologici in pazienti trattati per l’epatite C . European Journal of Gastroenterology e Hepatology . 18: 1057-1063.

[4] Zamora-Valdes et al. 2005. Il sistema degli endocannabinoidi nella malattia epatica cronica (PDF) . Annali di Epatologia 4: 248-254.




[5] Gabbey et al. 2005. Il endocannabinoidi e malattie epatiche – opinione . Fegato Internazionale 25: 921-926.

[6] Lavon et al. 2003. Un nuovo cannabinoide derivato sintetico inibisce il danno infiammatorio fegato attraverso regolazione negativa di citochine . Farmacologia Molecolare 64: 1334-1344.

[7] Hezode et al. 2005. La cannabis quotidianamente fumo come fattore di rischio per la progressione della fibrosi nell’epatite cronica C . Hepatology 42: 63-71.

[8] Ishida et al. 2008. L’influenza della cannabis sulla gravità dell’infezione da HCV . Clinical Gastroenterology e Hepatology 6: 69-75.

[9] Parfieniuk e Flisiak. 2008. Il ruolo dei cannabinoidi nelle malattie del fegato . World Journal of Gastroenterology 14: 6109-6114.

[10] Brunet et al. 2013. Fumare marijuana non accelera la progressione della malattia epatica nei pazienti HIV-coinfettati con HCV: analisi di coorte longitudinale . Clinical Infectious Diseases 57: 663-670.

[11] Fischer et al. 2006. Il trattamento per l’epatite C e l’uso di cannabis in pazienti consumatori di droghe illecite: implicazioni e domande . European Journal of Gastroenterology and Hepatology 18: 1039-1042.

[12] Schwabe e Siegmund. 2005. op. cit.

[13] Hezode et al. 2005. op. cit.

[14] David Berstein. 2004. op. cit.

[15] Hezode et al. 2008. L’uso quotidiano di cannabis: un nuovo fattore di rischio per la gravità della steatosi nei pazienti con epatite C cronica . Gastroenterologia 134: 432-439.

[16] Purohit et al. 2010. Il ruolo dei cannabinoidi nello sviluppo della steatosi epatica (steatosi) . Journal AAPS 12: 233-237.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 130 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti