Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Nuovo studio: Il CBD può curare il Cancro al Colon

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

STUDIO: GLI ESTRATTI DI CANNABIS RICCHI DI CANNABIDIOLO (CBD) POTREBBERO EFFETTIVAMENTE CURARE IL CANCRO AL COLON

Articolo di Sugar Marley, inviato Progetto FreeWeed

Come sappiamo gli estratti di cannabis sono stati indicati per il trattamento di numerosi malanni. C’è stato
un numero di storie aneddotiche positive, che hanno portato ad un accresciuto interesse verso i
concentrati di cannabis ( RSO, BHO, etc.) come fattibile trattamento alternativo.
Fa lo stesso un recente studio che getta benzina sul fuoco. Parzialmente finanziato dalla GW Farmaceutica,
questo studio suggerisce come gli estratti di cannabis ricchi di cannabidiolo (CBD) potrebbero
rappresentare una terapia efficace per il cancro al colon.
Ricercatori curano il cancro al colon nei topi con estratti ricchi di CBD
E’ vero che la ricerca ha proposto la cannabis medica come un possibile beneficio per i pazienti di cancro.
Viene spesso utilizzata per contrastare gli effetti negativi della chemioterapia, e gli studi indicano che
questa pianta potrebbe, da sola, esser utile come effettiva cura contro il cancro.
Il cannabidiolo (CBD) che sembra essere stigmatizzato meno del tetroidrocannabinolo (THC), un
cannabinoide psicoattivo a cui viene accreditato lo “sballo” della cannabis, e si promette come una
possibile cura per diverse tipologie di cancro. Quindi il CBD ha ricevuto una grande attenzione negli ultimi
anni.
Oggi un team di ricercatori Italiani e Britannici riporta che gli estratti di cannabis con alta percentuale di
cannabidiolo (CBD) può esser d’aiuto nel prevenire la formazione e la diffusione del cancro al colon nei
topi. Il loro studio è stato pubblicato su Phytomedicine del 27 dicembre.
Stando ai risultati, un “composto di droga botanica” (BDS) con elevati livelli di cannabidiolo (CBD) ha inibito
la crescita delle cellule tumorali, ma non quella delle cellule sane. I ricercatori hanno concluso che questa
azione è stata mediata dall’attivazione dei recettori CB1 e CB2 delle cellule.
Nello studio si è anche investigato l’effetto del cannabidiolo (CBD) puro sul cancro al colon. Stando agli
elementi raccolti, il CBD puro ha anch’esso inibito la crescita del tumore. Curiosamente lo ha fatto
attraverso l’attivazione dei soli recettori CB1.
Gli estratti ad ampio spettro potrebbero essere la più efficace cura con cannabis
E’ stato suggerito di isolare il cannabidiolo (CBD) dalla pianta di cannabis così da offrire un’efficace opzione
al trattamento per coloro che non desiderano lo stigmatizzato “sballo”. Tuttavia, la suddetta scoperta trova
una falla in questa logica.
Il cannabidiolo (CBD) certamente ha i suoi benefici, ma non è il solo in tal senso. Il tetroidrocannabinolo
(THC), il cannabicromene (CBC), la tetraidrocannabivarina (THCV), e i rimanenti cannabinoidi sono a loro
modo anch’essi legati ad una varietà di benefici terapeutici. Si ritiene inoltre che i Terpeni che si trovano
nella cannabis, aumentino la loro efficacia.
Di conseguenza, è probabile che un estratto che incorpora ogni componente della pianta di cannabis
fornisca il miglior sollievo. Sicuramente, sarà necessario fornire i cannabinoidi in un diverso rapporto per
ogni individuo, ma questo è del tutto un altro discorso.
Sugar Marley
Fonte: MedicalJane

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 760 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti