Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Cbd come Medicina

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il CBD, o cannabidiolo, sta rapidamente cambiando il dibattito che circonda l’uso della Cannabis come medicina.

Molte persone hanno sentito parlare di una sostanza chimica chiamata THC, che è uno dei principi attivi della Cannabis che viene maggiormente elevato dagli utenti. Ma di recente l’attenzione si è spostata su un altro principio chiamato CBD.

Mentre i medici non riescono a guardare oltre alcuni effetti collaterali del THC, il CBD non sembra presentare questo problema.

Qui di seguito elenchiamo 5 fatti che dovete sapere su questo principio unico nel suo genere:

1. Il CBD è un ingrediente chiave nella cannabis

Il CBD è uno dei più di 60 composti presenti nella cannabis che appartengono ad una classe di molecole chiamate cannabinoidi. Di questi composti, CBD e THC sono di solito presenti nelle più alte concentrazioni, e sono quindi i più riconosciuti e studiati.

I Livelli di CBD e THC tendono a variare tra i diversi ceppi e varietà di cannabis. Ad esempio, utilizzando tecniche di allevamento selettivo, i coltivatori di cannabis sono riusciti a creare varietà con alti livelli di CBD e con livelli di THC vicini allo zero.

cbd

2. Il CBD è non-psicoattivo

Diversamente dal THC, il CBD non causa uno “sballo”. Anche se questo rende il CBD una scelta sbagliata per gli utenti di uso ricreativo, dà un vantaggio significativo come una medicina, dal momento che gli operatori sanitari preferiscono trattamenti con effetti collaterali minimi.

Il motivo per cui il CBD è non-psicoattivo è dovuto alla mancanza di affinità per i recettori CB1. I Recettori CB1 si trovano in alte concentrazioni nel cervello, e sono i percorsi responsabili degli effetti psicoattivi del THC.

3. Il CBD ha una vasta gamma di prestazioni mediche

Nonostante un diverso percorso di azione, il CBD sembra possedere molti degli stessi benefici del THC. Secondo una revisione pubblicata nel British Journal of Clinical Pharmacology nel 2013, gli studi hanno trovato il CBD in grado di possedere le seguenti proprietà mediche:

Proprietà mediche del CBD Effetti
Antiemetico Combatte nausea e vomito
Anticonvulsivante Combatte attività convulsiva
Antipsicotici Combatte i disturbi psicosi
Antinfiammatorio Combatte disturbi infiammatori
Anti-ossidante Combatte le malattie neurodegenerative
Anti-tumorale/Anti-cancro Combatte le cellule tumorali
Ansiolitico / Anti-depressivo Combatte i disturbi d’ansia e depressione

Purtroppo, la maggior parte di queste prove viene da studi su animali, essendo pochi gli studi clinici condotti utilizzando la chimica.

4. Il CBD riduce gli effetti negativi del THC

Il CBD sembra offrire una protezione naturale contro l’high (“sballo”) della Cannabis.

Numerosi studi suggeriscono che il CBD agisce per contrastare gli effetti inebrianti del THC, tra cui i disturbi della memoria e paranoia.

Sia il CBD che il THC sono stati dimostrati come non-presentanti rischi di sovra-dosaggio letale.

Tuttavia, per ridurre i potenziali effetti collaterali, gli utenti a scopo medico possono al meglio utilizzare ceppi di cannabis con alti livelli di CBD.

5. NONOSTANTE TUTTO QUESTO Il CBD è ancora illegale

Anche se il CBD si mostra molto promettente come medicina rimane illegale in molte parti del mondo. Il CBD è classificato come una droga dalla Tabella I negli Stati Uniti e come farmaco in Tabella II in Canada.

D’altra parte, la FDA statunitense ha recentemente approvato una versione farmaceutica del CBD per la sperimentazione clinica in epilessia pediatrica. Le prove sono cominciate all’inizio di quest’anno.

Un brevetto assegnato alla Salute e Servizi Umani degli Stati Uniti nel 2003 ( US6630507 ) riguarda anche l’uso del CBD come trattamento per una varietà di malattie neuro-degenerative e infiammatorie.

 

Fonte: http://www.leafscience.com/2014/02/23/5-must-know-facts-cannabidiol-cbd/

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 1.414 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

2 Responses so far.

  1. Marco Galli ha detto:
    Bisogna stare molto attenti a parlare di una sola molecole per questa
    pianta miracolosa, la cosa potrebbe ritorcesi contro di noi e vi spiego il
    perchè.

    Siccome abbiamo a che fare con gente che specula
    sulla medicina, idioti che per quanto esistano medicine naturali, e
    praticamente prive di effetti collaterali, tendono a riprodurre chimicamente una
    singola molecola ed a creare dei “mostri”.

    La scusa spesso è che “in
    medicina servono delle certezze” ed il dottore deve sapere che dose dare ai pazienti, non basta più “anche se la sostanza è gestibile e non è affatto
    pericolosa, come in questo caso” l’esperienza umana di 5000 anni e di chi la sta usando.

    Allora non basta più, come dice Lester Grinspoon “quando una persona fuma marijuana, si può regolare
    per quanto basta a fermare la nausea o quello che sta cercando di raggiungere e
    poi non prenderne più”:

    http://www.abc.net.au/quantum/poison/marijuan/lester.htm

    Allora
    diventa una cosa legale, di autorizzazioni, o almeno qualcosa da monopolizzare e di cui ci
    si può approfittare “creandoci dei farmaci e chiedendone dei brevetti”:

    Io invece parlerei di cannabis ad alto contenuto di Cbd e bassissimo di THC.

    Tantopiù che qualcosa del genere esiste già e non servono ne altre autorizzazioni ministeriali “oltre alla legalizzazione”, ne altri anni di ricerca e sperimentazioni farmaceutiche..

    Perchè, anche se il cannabidiolo è molto poco tossico “praticamente ha un LD50 simile a quello del THC e di circa 1000 mg/kg” è molto più tossico della pianta di cannabis, e per questo “anche per quanto è già successo con il THC” potrebbe diventare una causa per sconsigliarne vivamente “o proibirne definitivavamente” l’uso al di fuori di una prescrizione medica..

    Come se noi fossimo degli idioti impulsivi “e da controllare a vista, come dei bambini piccoli”,
    perciò ci si vietasse di autoregolarci:
    O come in questo, come se ci
    proibissero il caffé o il thè a causa della tossicità della caffeina “invece di limitarsi soltanto, a consigliarci di non abusarne..”.

     

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti