Il CBD nell’allenamento fisico

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Riportiamo dal sito enecta.com un articolo interessante che analizza il rapporto tra CBD ed allenamento fisico

Gli studi sono in corso e parecchia strada è ancora da percorrere però sempre più sportivi usano prodotti a base di CBD per contrastare infiammazioni, dolori e come ‘strumento’ per accelerare la fase di recupero post allenamento o post gara.

Il CBD è in grado di intervenire sul sistema muscolare riducendo infiammazioni e dolori e ciò fa capire quanto può essere importante il suo utilizzo in ambito sportivo.




Il CBD ha proprietà analgesiche, è indicato per persone che soffrono di dolori cronici o malattie infiammatorie. Molto dipende dai singoli casi tuttavia per quanto riguarda il mondo dello Sport possiamo indicare esempi che provengono dal football americano, la NFL, una disciplina in cui l’impatto fisico tra i giocatori ha avuto nel tempo conseguenze molto pesanti sullo stato di salute di tanti atleti.

L’ex quarterback Jake Plummer si è fatto portavoce con altri atleti di una battaglia per l’utilizzo della marijuana medica per curare le gravi lesioni riportate al termine della carriera dalla stragrande maggioranza dei giocatori.

“Gli infortuni a cui posso andare incontro durante gli allenamenti e le gare possono essere sia di natura articolare che muscolare – afferma Pierluigi Catalano, atleta Enecta – Assumo il CBD ogni sera prima di andare a dormire e la mattina prima di andare a lavoro. Mi ha portato tantissimi benefici sul sonno, mi accorgo di dormire più rilassato e in maniera più profonda”.

 

 




Siamo tutti d’accordo nel dire che fare Sport è un toccasana per il corpo, contribuisce a prevenire patologie come obesità, malattie cardiovascolari, diabete, aiuta a combattere stati di stress e non solo.

Contrariamente al pensiero popolare, non sono solo le endorfine (i composti che ti fanno sentire bene dopo l’esercizio fisico) che rendono l’attività fisica così straordinaria.Citando uno studio del 2003 condotto dall’Università di Washington, l’esercizio attiva il sistema endocannabinoide in maniera similare alla pianta di Cannabis. Il sistema endocannabinoide è un gruppo di lipidi (grassi) e recettori delle cellule ai quali i cannabinoidi (come il THC e CBD) si legano all’interno del corpo. Questo contribuisce ad alleviare il dolore, il controllo dell’appetito, ed influenza l’umore e la memoria.

Il corpo produce naturalmente i propri cannabinoidi durante l’esercizio fisico e nello studio citato i ricercatori hanno scoperto che i cannabinoidi prodotti dall’uomo aumentano con l’aumento dell’esercizio.

 

Fonte: Enecta.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 346 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti