Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

CBD potrebbe proteggere dal Virus Ebola

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ebola Virus cause, sintomi, trattamento e prevenzione

Articolo di David Allen MD

Vi è una buona evidenza scientifica che i cannabinoidi, ed in particolare il cannabidiolo (CBD), possono offrire il controllo del sistema immunitario e a sua volta fornire protezione da infezioni virali (4). La cannabis è già stata riconosciuta inibire funghi e batteri e può essere considerata una nuova classe di antibiotici grazie al diverso meccanismo d’azione di altri antimicrobici. (1)

Ebola è un organismo virale RNA complesso che induce la cellula a fagocitare dal pinocitosi, e quindi il virus dirotta la cellula nel replicarsi. Questa replica può coinvolgere molte mutazioni nel codice RNA che rendono difficile, se non impossibile, creare un vaccino efficace. Ci sono brevetti USA che mostrano prove che i cannabinoidi hanno una attività anti-virale significativa. (3) (4)

Normalmente tutte le cellule infettate da virus producono proteine ​​di superficie che sono identificate come straniere. Il sistema immunitario attacca le cellule quando la proteina di superficie è identificata come straniero. L’infezione da virus Ebola provoca la cellula a produrre proteine ​​che nascondono il virus dal sistema immunitario. Le proteine ​​virali sono stericamente schermate, cioè “nascoste” alla vista, ostacolando così la distruzione cellulare (e quindi virale) da parte del sistema immunitario. Questo meccanismo permette al virus RNA di nascondere la cellula infettata proteggendolo dalla vista dal sistema immunitario.

La causa di morte per questo virus è proprio la risposta immunitaria del corpo all’infezione virale. Questo è ciò che provoca la mortalità e la morbilità di questa infezione. Successivamente, il virus attiva le cellule killer del sistema immunitario a rilasciare gli enzimi (citochine) in loro possesso. Questo rilascio di enzimi provoca altri linfociti a liberare ancora più citochine in una tempesta di rilascio. Questa è correttamente definita “tempesta di citochine”.

Questo provoca piccoli coaguli di sangue che si formano in tutte le arteriole: la DIC, o coagulazione intravascolare disseminata.
In seguito porta ad una coagulopatia massiccia in cui il sangue non coagula correttamente, in contemporanea con il DIC (sanguinamento e coagulazione si verificano allo stesso tempo). La sindrome da shock tossico si verifica quando il rilascio di citochine induce i vasi sanguigni a dilatarsi ad una tale misura in cui si presenta uno stato di shock.

I cannabinoidi hanno dimostrato di poter ridurre e prevenire lo shock tossico e la DIC (2)

o-EBOLA-facebook

Il virus Ebola attacca anche le aderenze tra cellule causate dalle cellule killer del sistema immunitario al rilascio di VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor), che comporta la distruzione della giunzione stretta tra le cellule e provoca una perdita di liquido tra le cellule fino a quando si verifica il sanguinamento. L’inibizione di VEGF da parte dei cannabinoidi può prevenire le giunzioni cellulari da emorragia.

I cannabinoidi portano all’inibizione del VEGF e possono inibire la crescita dei tumori cerebrali. (6) È ragionevole prevedere che l’inibizione del VEGF e di altre citochine da parte dei cannabinoidi durante un’infezione Ebola potrebbe aiutare la sopravvivenza contro questa malattia mortale. (6 e 7) Fermare il rilascio di citochine è una caratteristica fondamentale per il trattamento di questa malattia mortale.

La scoperta e l’applicazione del sistema di segnalazione endocannabinoide sta dimostrando di essere un punto per il controllo di quasi tutte le malattie del genere umano. I cannabinoidi stanno emergendo come una nuova classe di farmaci che cura le infezioni di batteri, funghi e virus con diversi meccanismi di azione che non si trova in qualunque altra classe di farmaci. (1)

I cannabinoidi stanno dimostrando di avere significative possibilità di fermare l’attività di molti virus, tra cui l’epatite C e il virus HIV; I cannabinoidi inibiscono la risposta immunitaria all’infezione (2) (3). I brevetti statunitensi citati (3 e 4) sono la prova che i cannabinoidi inibiscono molti ceppi di virus diversi. Questi brevetti rivelano che i cannabinoidi riducono l’impatto immunitario del corpo sovra-stimolato dalla risposta all’infezione virale. I reclami che sono fatti in questi brevetti statunitensi sono i seguenti:

  • Un metodo di trattamento della malattia da HIV dalla inibizione diretta della replicazione virale utilizzando un derivato cannabinolo della rivendicazione 2 (vedi brevetto)
  • I derivati ​​cannabinolici della rivendicazione in cui il derivato cannabinolo della rivendicazione è usato per trattare la malattia da HIV dalla inibizione diretta della replicazione virale. (Vedi brevetto)
  • Un metodo di cura delle malattie di disfunzioni immunitarie che sono il risultato di origine infettiva, come Simian Immunodeficiency Virus, Feline Immunodeficiency Virus, virus Herpes simplex, virus di Epstein-Barr, citomegalovirus, l’epatite B e C, virus dell’influenza, rinovirus e infezioni da micobatteri utilizzando i derivati ​​cannabinolici della domanda 2 (vedi brevetto)
  • Questo brevetto negli Stati Uniti, dimostra come i cannabinoidi trattano questa disfunzione immunitaria che diventa ciò che è noto come una tempesta di citochine causato da infezioni virali differenti. (4)

In sommatoria: I brevetti US dimostrano che la regolazione del sistema immunitario da parte dei cannabinoidi può essere una chiave nella sopravvivenza del virus HIV e possono effettivamente tradursi in sopravvivenza per i pazienti Ebola. L’uccisione diretta (o effetto Cidal) dei cannabinoidi è dimostrato in infezioni da HIV, (4), ma non ancora in Ebola. L’inibizione del VEGF è fondamentale per evitare perdite endoteliali ed emorragia.

Poiché la cannabis è molto sicura soprattutto sotto controllo medico, credo che sia fondamentale per la comunità medica per iniziare la sperimentazione umana sulla capacità di sopravvivenza dei pazienti con infezione da Ebola indipendentemente dai vincoli politici.

David B. Allen MD
Chirurgo Cardiotoracico e Vascolare in pensione
Direttore Medico, Cannabis Sativa, Inc. ( Cali215doc@gmail.com )

Riferimenti e Fonti

1) antibatterico cannabinoidi da Cannabis sativa: A Structure-Activity studio antibatterico cannabinoidi dalla Cannabis sativa: uno studio struttura-attività;Giovanni Appendino et al. La Facoltà di Farmacia, Università di Londra

2) Protezione contro shock settico e la soppressione del fattore di necrosi tumorale α e ossido nitrico Produzione per Dexanabinol (HU-211), un cannabinoide non psicotropi Ruth Gallily1,
Aviva Yamin1, Dipartimento di Immunologia The Hebrew University, Facoltà di Medicina, Gerusalemme, Rehovot, Israele .

3) derivati ​​cannabinoidi brevetto US 20070179135 A1

4) Il trattamento di HIV e malattie di disregolazione immunitaria statunitensi 20080108647 A1

5) Curr Pharm Des. 2006; 12 (24): 3135-46. I cannabinoidi, il sistema immunitario e la rete di citochine. Massi PVaccani AParolaro D, Università degli Studi dell’Insubria, Via A. da Giussano 10, 21052 Busto Arsizio (VA), Italia

6) Cancer Res 15 agosto 2004 64; 5617 I cannabinoidi inibiscono la Vascular Endothelial Growth Factor Pathway in gliomi Cristina Blázquez HYPERLINK “http://cancerres.aacrjournals.org/content/64/16/5617.full”1 ,

7) Come Cannabis potrebbe mantenere Coronary Stent aperto più a lungo
www.cbds.com/…/how-cannabis-potrebbe-mantenere-coronarico-stent-open-lungo
10 giugno 2014 David Allen MD

Per saperne di più sull’Autore: Dr. David Allen

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 149 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti