CBN: alla scoperta del cannabinoide che allevia l’insonnia.

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Prima che le persone usassero THC o CBD per la guarigione, usavano il CBN. Questo cannabinoide aiuta a dormire e si sviluppa a partire da THC deteriorato.

Nessun cannabinoide è più frainteso del cannabinolo, o CBN come è meglio conosciuto.
Una volta veniva pensato per essere la fonte primaria degli effetti psicoattivi associati alla marijuana, il CBN ha un antico legame con il primo concentrato di cannabis, l’hashish, e ora viene esplorato e isolato per dare sollievo a condizioni come l’insonnia.

I misteri della canapa indiana
Quando il Regno Unito assunse il controllo sull’India a metà del 1850, era inevitabile che i sudditi della corona britannica incontrassero e consumassero la cannabis in una delle regioni di coltivazione primarie delle piante.

Il successivo interesse e preoccupazione della nazione nei prodotti resinosi della pianta portò alla formazione della Commissione indiana sulle droghe di canapa nel 1893. Questa commissione rappresenta il primo importante tentativo occidentale di comprendere la cannabis, gli umili inizi del percorso che, con l’attuale tolleranza sociale, permette la ricerca e il suo accesso che ora vediamo essere appena spianato in una “superstrada ultramoderna”.

Negli anni successivi alla commissione, alcuni scienziati furono abbastanza incuriositi da mettere da parte i misteri della “Canapa indiana”. Il CBN fu il primo cannabinoide isolato con successo tramite la “charas” (altrimenti noto come hashish strofinato a mano) dai ricercatori britannici nel 1896 e, nel 1933 fu il primo cannabinoide ad aver chiarito con successo la sua struttura chimica.

Un cannabinoide in decomposizione
Nei primi anni della ricerca sulla cannabis, CBN fu immediatamente ed erroneamente individuato come l’istigatore primario degli effetti psicoattivi della cannabis. Questa confusione permane fino a quando il dott. Raphael Mechoulam ha isolato il THC nel 1964. Nel 1975, Mechoulam e i suoi associati avevano pienamente spiegato l’esistenza del CBN come un prodotto della degradazione del THC dal calore e dalla luce.

Approfondimento:  Come avviare una coltivazione di Canapa in Italia

In questo modo, il CBN è quasi il “fantasma” del THC. Anni dopo, nel 2008, quando il dottor Ethan Russo e un team internazionale di scienziati esaminarono un campione ben conservato di fiori di cannabis che avevano circa 2.700 anni, dedussero che i fiori avevano un contenuto di THC relativamente alto perché trovarono una grande quantità di CBN durante i test.

Dato che il CBN è un prodotto del decadimento del THC, ci si potrebbe chiedere quale sia lo scopo del CBN, ma – come con tutti i cannabinoidi – sembra avere una buona dose di potenziale terapeutico. Quei primi ricercatori non avevano completamente torto su ciò che il CBN stava facendo al nostro corpo, anche se un po ‘confuso riguardo al suo posto nell’entourage, per così dire. Scrivendo nel 1907, lo scienziato inglese David Hooper affermò: “Il cannabinolo se assunto internamente induce il delirio e il sonno”. La ricerca moderna ha sostenuto questa affermazione.

“Tra tutti i cannabinoidi, il CBN sembra essere il più sedativo”, afferma Steep Hill Labs.

Una buona notte di riposo
Alta California, una compagnia di tintura di cannabinoidi, offre una tintura “Insomnia Relief” pubblicizzata come 50% di THC e 50% di CBN. Le altre proprietà per il benessere del CBN comprendono la capacità di mitigare le condizioni di ansia e PTSD, che è ciò per cui sono progettate le capsule P4 e le tinture sublinguali di Prana Bio Medicinal. E, naturalmente, come con quasi tutti i cannabinoidi, il CBN è efficace con le condizioni del dolore come per tale cerotto transdermico: CBN di Mary’s Medicinals può essere una potenziale fonte di sollievo.

Approfondimento:  I vantaggi della Cannabis per la salute delle Donne

Mentre continuano ad aumentare gli usi di questo cannabinoide un tempo sottovalutato, l’industria della cannabis presenterà una nuova sfida: l’approvvigionamento di CBN. Il cannabinoide non si presenta senza degradare il THC e quindi deve essere ottenuto da un vecchio prodotto o trattando il nuovo prodotto per trasformare il THC in CBN. Quest’ultima potrebbe rivelarsi una soluzione costosa per le nascenti aziende che desiderano esplorare il potenziale del CBN, ma sicuramente con l’aumento del livello di produzione di cannabis, il prezzo per CBN alla fine raggiungerà un livello accessibile per tutti. Mentre si potrebbe chiamare il cannabinoide un fantasma, data la sua applicazione per la medicina moderna, forse il CBN potrebbe essere meglio inteso come lo “spirito benevolo che il THC lascia dietro di sé”.

Fonte: CannabisNow.com

(Visited 394 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT