Che cosa significa “Skunk” e dove nasce il termine?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Chiunque abbia viaggiato nella sua vita sa che le parole possono assumere significati diversi a seconda del posto in cui vengono usate.

Nel corso del tempo queste parole si evolvono con i cambiamenti per la società e delle persone.

 

“Skunk” negli Stati Uniti


Al fine di comprendere il significato della parola è importante fare un passo indietro e guardare l’etimologia della parola “skunk”.

Negli Stati Uniti il significato del termine è indissolubilmente legato alla puzzola.

Nonostante la battaglia di restauro della reputazione coraggiosa combattuta dalla soave Pepe Le Pew, le puzzole sono ancora in gran parte note per il possesso di un meccanismo di difesa straordinario, e per il loro forte odore.

Non sorprende che questa descrizione sia stata scelta come nome perfetto per alcune varietà di cannabis che sono emersi nel 1970 e sembra, negli Stati Uniti, almeno, aver mantenuto quel senso nella coscienza del pubblico.

“Skunky” significa odore “puzzolente”; questo è un termine che ha vecchia scuola nei riferimenti alla marijuana ed è probabilmente uno dei profumi più comuni associati con la cannabis .

“Skunk” nel Regno Unito

"Skunk" nel Regno Unito
La parola “skunk” è anche comunemente usata nel Regno Unito, ma non c’è termine ha assunto una nuova vita ed è di gran lunga più comunemente usato in un contesto diverso.

Quando i media del Regno Unito parlano di skunk, vogliono indicare tutte le varietà di alto contenuto di THC, indipendentemente dal loro patrimonio genetico.

Nel Regno Unito, la parola Skunk è ampiamente usata come termine generico per indicare i fiori senza semi, potenti varietà non-impollinate di cannabis coltivate per lo scopo ricreativo.

La Sinsemilla si diffuse nel Regno Unito nei primi anni 1990 dopo una rivoluzione nelle tecniche di crescita, tipicamente incorporando l’uso di illuminazione al sodio ad alta pressione (HPS) e altre ad alta intensità (HID), spesso in combinazione con l’uso di idroponica (coltivazione di piante in liquidi ricchi di nutrienti, piuttosto che nel suolo).

Il primo cenno della “Skunk” nella cultura della cannabis

Il primo "Skunk" in cultura della cannabis
Per alcuni fumatori la parola skunk è semplicemente diventata un altro termine generico per definire la cannabis.

Non solo la generalizzazione è inesatta, ma mina anche la vera identità genetica della pianta, dato che la vera skunk è un ceppo indipendente le cui origini risalgono al 1970.

Nel 1970 i coltivatori negli Stati Uniti hanno cominciato a incrociare veloci ceppi di montagna per fare hashish, per lo più provenienti da Afghanistan e Pakistan, con l’Alta, una potente sativa dal Centro e Sud America, e ceppi dall’Asia tropicale. Queste razze trasversali potrebbero essere coltivate all’aperto in climi marginali negli Stati Uniti, come la California settentrionale, in serra nei Paesi Bassi, e al chiuso sotto le lampade HID.

Più tardi venne chiamata  Skunk # 1 , il primo skunk che è stato stabilizzato come una vera e propria varietà da allevamento negli anni ’70 ed è ancora uno dei ceppi più coerenti e prevedibili oggi disponibili.

I coltivatori del prodotto vedono una pianta che è altamente adattabile, molto potente, e con un breve periodo di fioritura.

I ceppi originali Skunk di cannabis sono stati noti per avere un odore molto pungente, molto animalesco, che ricorda una puzzola.

Così, il nome è rimasto; perché è stato ritenuto corretto.

Skunk # 1 è un ceppo ibrido che ha influenzato la cannabis su scala globale, nelle genitorialità di un’orda di incroci di skunk.

Il ceppo è stato sviluppato nei primi anni 1970 in California da un gruppo di coltivatori e allevatori noto come Semi Sacri, guidato dal mitico David Watson, che è più ampiamente conosciuto con il suo soprannome Sam the Skunkman.

Dopo il suo rilascio dalla prigione nel 1982, Skunkman portato diversi chili di questi semi con lui quando si trasferì nei Paesi Bassi. Una volta lì ha fatto suo il metodo di Amsterdam, dove ha fondato la Coltivatori Scelta, una società sementiera. I coltivatori olandesi hanno raffinato ed incrociato gli impianti della skunk per la produzione di un certo numero di ceppi, tra cui Super Skunk , Early Girl, Northern Light , e Jack Herer .

"Skunk Cannabis" Riassunti
FONTE: Leafly.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 1.671 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti