I cittadini di Detroit voteranno sui regolamenti della Cannabis

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gli elettori della città di Detroit avranno un’opportunità di far pesare le proprie scelte nell’industria della cannabis della regione nel mese di novembre, quando i nuovi regolamenti proposti appariranno nel ballottaggio locale. Le modifiche, che modificherebbero le norme mediche esistenti in materia di cannabis, includono il consentire ai dispensari di aprire presso negozi di liquori e di ampliare la coltivazione nelle aree industriali della città.



Secondo la Detroit Free Press , gli emendamenti dovrebbero:

  •  stabilire norme per regolamentare i centri di assistenza attraverso l’edificio della città, l’Ingegneria della sicurezza e il Dipartimento ambientale per quanto riguarda l’emissione, il rinnovo e la revoca. Rimuove altresì la competenza della commissione di ricorso per la zonizzazione di Detroit.
  • Modificare la definizione di una zona scolastica priva di droghe per corrispondere alla legge federale e statale che richiede che i dispensari siano almeno 1.000 metri dalle scuole, dai college e dalle biblioteche pubbliche
  • Permetterebbe ai dispensari di aprire entro 500 metri da un altro dispensario. Saranno inoltre autorizzati ad aprire entro 500 metri di istituzioni religiose esenti in cui i servizi religiosi vengono condotti regolarmente. L’ordinanza attuale richiede che le strutture siano più di 1.000 metri dalle chiese e da altri dispensari.
  • Permetterebbe agli dispensari di aprire presso liquori, negozi di birra / vini, centri per bambini, portici e parchi. L’attuale ordinanza non consente loro di essere aperti vicino a nessuno di essi.
  • Permetterebbe agli ospedali di rimanere aperti fino alle 21.00 Attualmente, sono tenuti a chiudere entro le ore 20.00

Le restrizioni di zonizzazione attuali a Detroit hanno reso difficile per gli operatori dispensari che potrebbero chiudere una posizione appropriata.




Una delle modifiche proposte aiuterà ad affrontare tale ostacolo modificando le regole per consentire ai coltivatori e ai “trasportatori sicuri” di aprire nei distretti industriali della città M1-5.

A Detroit, M1 o distretti industriali limitati si trovano lungo grandi e piccoli corsi d’accesso con edifici più anziani, di solito vacanti. In generale, questo distretto è inteso come un buffer tra distretti commerciali e residenziali con impieghi industriali più intensi.

Il gruppo di difesa della cannabis Citizens for Sensible Cannabis, che ha diffuso petizioni per le iniziative, ha presentato una denuncia il mese scorso contro il procuratore della città di Detroit Janice Winfrey e la commissione elettorale della città di Detroit, dopo che i funzionari hanno dichiarato che una misura per modificare le norme di zonizzazione non apparirebbe sul Il ballottaggio di novembre, secondo la Free Press.

Il direttore elettorale Daniel Baxter, tuttavia, ha confermato alla Free Press il venerdì che le due proposte andranno davvero agli elettori locali il 7 novembre.

FONTE: LEAFLY

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 15 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti