Ecco il Comitato Ristretto che deciderà le sorti (ed il nuovo testo) del DDL “Cannabis Legale”

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Con qualche giorno sulla tabella di marcia (doveva essere pubblica e depositata il 24 marzo) è stata diffusa la composizione del Comitato Ristretto dei componenti delle Commissioni Giustizia ed Affari Sociali che dovrà analizzare gli emendamenti al DDL “Cannabis Legale” e presentare un “nuovo testo-base” che andrà presumibilmente alla Camera verso la fine di Giugno 2017.

Ecco la composizione del Comitato ristretto:

La composizione, come vediamo e come preannunciato, è proporzionale, quindi la “maggioranza” è sempre dalla parte del PD, anche se le decisioni che contano normalmente vengono “condivise” con i “centristi”, che in questo caso sono contro alla proposta di legge, specie alla parte della coltivazione personale.




 

Riportiamo di seguito le nostre proiezioni sull’eventuale “voto” interno del “comitato” sul tema specifico “COLTIVAZIONE PERSONALE”:

 

Ferranti: CONTRARIA

Farina: FAVOREVOLE

Bazoli: CONTRARIO

Berretta: FAVOREVOLE

Ermini: FAVOREVOLE

Verini: FAVOREVOLE

Ferraresi: FAVOREVOLE

Agostinelli: FAVOREVOLE

Sarro: CONTRARIO

Sannicandro: FAVOREVOLE

Marotta: CONTRARIO

D’Alessandro: CONTRARIO

Dambruoso: CONTRARIO

Piepoli: CONTRARIO

Molteni: CONTRARIO

Marzano: FAVOREVOLE

__________________

Marazziti: CONTRARIO

Miotto: CONTRARIA

D’Incecco: CONTRARIO

Pini: CONTRARIA

Piccione: CONTRARIA

Patriarca: CONTRARIO

Lorefice: FAVOREVOLE

Mantero: FAVOREVOLE

Gullo: CONTRARIO

Fossati: FAVOREVOLE

Calabrò: CONTRARIO

Borghese: CONTRARIO

Monchiero: CONTRARIO

Gregori: FAVOREVOLE

Meloni: CONTRARIA

Rondini: CONTRARIO

Binetti: CONTRARIA (presentato emendamento)

 

 

Al netto possiamo vedere 4 rappresentanti favorevoli alla coltivazione personale nella Commissione Affari Sociali, contro 13 rappresentati contrari alla condotta; nella Commissione Giustizia invece a favore sono 8 contro 8 rappresentati contrari.

Sembra una situazione già decisa, verso l’eliminazione della coltivazione personale dalla proposta di legge.

Tutto questo, purtroppo, era già stato anticipato quasi due anni or sono dalla Rete Nazionale Antipro e ribadito anche dalla nostra Associazione nel dettaglio, e grazie anche alle analisi del collettivo MMM ITALIA, abbiamo sempre “smascherato” le reali intenzioni celate dietro a questa proposta di legge; seppur molti rappresentanti si stiano comunque impegnando per renderla sensata, essa nasce e cresce con l’intento della maggioranza di garantire un mercato economico monopolistico sulla cannabis.

Ed ora che il testo deve “chiudere la corsa”, non si potrà più giocare a carte coperte.

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 1.457 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti