Comunicato Ufficiale del CSOA Gabrio relativo al Blitz del 18 agosto 2016

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Riportiamo il Comunicato Ufficiale del CSOA Gabrio di Torino che effettua una completa e chiara analisi della vicenda.

FreeWeed si espone a supporto del CSOA Gabrio e ne condivide le parole, forti ma necessarie, volte a provare a dare una scossa all’immobilismo politico italiano.

__________________________________________________________________________________________________

Dopo il blitz del 18 Agosto al Gabrio, che ha portato al sequestro di alcune piante di cannabis e alla denuncia di due compagni al momento presenti all’interno del centro,  sono necessarie alcune riflessioni. L’autoproduzione è un percorso politico che pratichiamo e rivendichiamo da più di 16 anni allo scopo di superare  l’ipocrisia del modello proibizionista vigente  che da un lato criminalizza le sostanze non facendo educazione e prevenzione, e dall’altro permette a organizzazioni criminali di venderle,   contribuendo a far crescere il mostro del narcotraffico.

Se oggi siamo uno dei Paesi del mondo dove la percezione di corruzione è tra le più alte, lo dobbiamo anche alla presenza nel nostro territorio di solidi cartelli che dallo spaccio di droghe ricavano quella liquidità a loro necessaria per comprare amministratori e dipendenti pubblici compiacenti.. Quelle stesse mafie che infiltrandosi poi tra  appalti e progetti lucrano su disgrazie ed emergenze dirottando nelle proprie casse ingenti quantità di denaro pubblico.

Nonostante i cospicui  investimenti fatti per contrastare il fenomeno, si parla di circa 1,5 miliardi di euro ogni anno, il mercato nero delle sostanze sembra più florido che mai con sempre più droghe sconosciute e pericolose che inondano le piazze di vendita: i dati esposti nell’ultimo libro bianco sulle droghe (http://www.fuoriluogo.it/blog/2016/06/28/libro-bianco-sulle-droghe-2016/) confermano anche quest’anno la tendenza  che con l’attuale legislazione ad andare in galera siano di fatto assuntori e piccoli spacciatori, principalmente di cannabis in quanto sostanza il cui uso è prevalente.

Ed effettivamente ogni anno appena arriva l’estate scatta l’assurda caccia alle streghe nei confronti di chi  si cimenta nella per altro non difficile e ormai  diffusa pratica della coltivazione di cannabis. E visto che tale pratica, nei secoli appannaggio dell’umanità, è oggi considerata  reato penale in quanto, a detta del legislatore, in grado di aumentare le scorte di sostanze stupefacenti presenti sul territorio, si finisce nella rete proibizionista e senza una valida difesa si rischia una condanna fino a 6 anni di carcere indipendentemente dal fatto che la condotta possa essere finalizzata al lucro piuttosto che all’uso personale.

In questo panorama, ed anche in peggiori nel passato in cui la Fini/Giovanardi prevedeva fino a 20 anni di carcere, decidere di coltivare cannabis in condivisione e no profit è stata per noi una provocazione  che rappresentava un tentativo di sottrarsi a questo ricatto proibizionista: le feste del raccolto e della semina sono  in quartiere momenti liberati, dove al mercato e alle piazze di spaccio si sostituisce la condivisione e l’autoproduzione, modelli che negli anni abbiamo sempre rivendicato come possibili alternative nonostante l’indifferenza di buona parte della politica.

Oggi siamo noi ad essere accusati dalla Procura di Torino di qualcosa che abbiamo nei nostri ragionamenti e nelle nostre pratiche sempre avversato, e tale assurda contraddizione ci obbliga e ci anima a rispondere con forza e con tutti i mezzi a nostra disposizione a questa irruzione poliziesca   di metà Agosto.

Non siete venuti a prendere mafiosi o spacciatori, ma avete attaccato un’esperienza reale di condivisione che come tale difenderemo in tutte le sedi opportune, dove tutto il prodotto della coltivazione veniva usato insieme e senza profitto per il narcotraffico; per altro in un momento in città dove l’esordio della nuova sindaca penta stellata  in tema di contrasto allo spaccio  non sembra certo promettente…  la possibilità di denunciare con una App infame il proprio vicino che spaccia o coltiva sembra infatti una di quelle proposte non solo inutili rispetto al contrasto del fenomeno, ma anche potenzialmente dannose!

La politica istituzionale d’altronde,  non riesce a partorire di meglio che una proposta di legge sulla cannabis tutta incentrata sul monopolio di stato, ultra tassato e quindi  non  in grado di essere competitivo rispetto al mercato nero e al contrabbando:  il meccanismo della vendita di alcool e tabacco, sostanze decisamente più dannose della cannabis, descrivono molto bene questa dinamica.

Lo specchio per allodole della coltivazione personale o associata si sta inoltre sciogliendo alla luce degli emendamenti presentati da membri stessi dell’Intergruppo parlamentare promotore, che hanno fiutato bene il business  che rapidamente si sta diffondendo anche da noi.

Senza una riforma radicale della 309/90, l’attuale legislazione sulle droghe, e con l’avvento del monopolio sulla cannabis, potremmo trovarci messi peggio di prima, in quanto le coltivazioni ad uso personale non sarebbero solamente illegali, ma anche concorrenti. Crediamo pertanto che oggi più che mai serva difendere quelle esperienze spesso nascoste di condivisione che tradizionalmente fanno parte della cultura della cannabis e che, lontane dalle logiche del mercato nero, rappresentano l’unico strumento che possediamo per superare il dogma proibizionista con tutti i danni che provoca ed i costi inutili che porta con sé.

Ideologie fallimentari e leggi liberticide non potranno impedire a lungo di determinare le nostre vite, dalle sostanze che ci piace usare in modo consapevole alle piante che coltiviamo, e riappropriarci della canapa non è che un primo passo verso la costruzione dal basso di politiche sulle droghe differenti e  sensate, in grado di mettere in campo la relazione e non la repressione come strumento privilegiato d’intervento.

Per chi pensa che basti una segnalazione anonima fatta da chi  è convinto che una realtà  come il Gabrio possa dare fastidio in una  città che assurde logiche speculative vorrebbero trasformare in un centro commerciale a cielo aperto e senza spazi di socialità, se qualcuno crede che una perquisizione della Polizia avallata dalla Procura oggi su una pratica che in 20 anni non abbiamo mai nascosto possa farci desistere e abbandonare le lotte che quotidianamente mandiamo avanti si sbaglia alla grande.

Siamo motivati più che mai, l’autunno è appena alle porte!

CSOA GABRIO

__________________________________________________________________________________________________

Per ulteriori approfondimenti: finedelmondoproibizionista.net

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 423 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti