Conferenza di Francoforte: 122 Professori di Diritto Penale a favore della Legalizzazione della Cannabis

Ieri, in una conferenza a Francoforte, in Germania, gli esperti di diversi settori hanno discusso le possibilità di legalizzazione della cannabis.

E’ cominciata ieri a Francoforte una conferenza di esperti di diversi ambiti per confrontarsi sulla possibile legalizzazione della cannabis. A prendere parte al consesso sono politici di vari schieramenti, rappresentanti della polizia, scienziati, medici e associazioni operanti nel settore delle dipendenze.

Francoforte è la prima città tedesca affrontare ufficialmente il problema.

“Il dibattito è stato bloccato per anni ed è stato ideologicamente condizionato”, ha dichiarato Rosemarie Heilig (Verdi) e vice presidente del reparto di salute della città.

Questa conferenza può essere segno di come i tempi paiano ormai maturi anche in Europa per cominciare ad affrontare il tema della fine del proibizionismo delle droghe leggere.

La prima parte dell’incontro si concentra sulla situazione della ricerca sulla cannabis terapeutica, mentre la seconda affronterà i vari modelli di legalizzazione e depenalizzazione delle droghe leggere in atto in vari paesi mondiali.

L’incontro ha riunito le forze dell’ordine, gli scienziati, i medici e le organizzazioni di trattamento farmacologico.

Ulfrid Neumann , dell’Istituto di Criminologia e Filosofia del Diritto dell’Università di Francoforte, ritiene che il divieto per la cannabis non abbia più senso: “La mia ricerca si basa su un numero considerevole di politiche irrazionali”.

Neumann fa parte di un gruppo composto da 122 professori di diritto che hanno firmato una petizione in favore di politiche sulle droghe più liberali.

Neumann inoltre afferma: “L’obiettivo da perseguire con una criminalizzazione, cioè impedire il commercio e il consumo, non è stato raggiunto.”

“… il secondo punto è che gli effetti collaterali di criminalizzazione sono così spiacevoli che il saldo complessivo dell’utilizzo del diritto penale qui è chiaramente negativo. Il divieto criminale delle droghe ha fallito. Mi riferisco solo alle strutture criminali, che emergono inevitabilmente, quando un prodotto è messo in funzione della domanda: viene spinto verso il mercato nero “, aggiunge Neumann.

L’esperto continua: “Penso che in termini di legalità .. Sì, potrebbe essere legale come sigarette ed alcool, ma deve essere accompagnata da azioni che mettono in guardia circa l’abuso; il cambiamento è possibile attraverso l’educazione e questo, prima, è dovuto principalmente ad un cambiamento del clima sociale “

Al SPD di Francoforte vi è una coalizione di grandi e piccini: Giovani Socialisti e anziani SPD richiedono la sperimentazione di un nuovo modello: una nuova rotta per Francoforte.

 

Fonte: StonedSociety

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 103 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT