Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: i consumatori di Cannabis hanno meno probabilità di soffrire di sindrome metabolica

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I consumatori di cannabis hanno il 50 per cento in meno di probabilità di soffrire di sindrome metabolica rispetto a coloro che non hanno mai usato la sostanza, secondo i risultati pubblicati on-line, prima della stampa, nel The American Journal of Medicine.

La sindrome metabolica crea un gruppo di fattori di rischio, tra cui l’ipertensione, glicemia alta, livelli di colesterolo cattivo, e il grasso addominale, che sono collegati ad un aumento nel rischio di malattie cardiache e / o diabete di tipo 2, tra le altre gravi conseguenze per la salute.

I ricercatori presso l’Università di Miami “Leonard M. Miller School of Medicine” hanno analizzato l’associazione tra uso di cannabis e la sindrome metabolica in una coorte di circa 8.500 soggetti di età 20-59 che hanno partecipato ai 2005-2010 National Health and Nutrition Examination Surveys (sondaggi americani).

I ricercatori hanno classificato come soggetti affetti da sindrome metabolica coloro che possedessero più di tre dei seguenti sintomi: livelli elevati di glucosio a digiuno, trigliceridi alti, colesterolo HDL basso, elevata pressione sistolica / diastolica di pressione sanguigna, e aumento della circonferenza nella vita.

Tra i soggetti senza storia di consumo di cannabis, il 19,5 per cento ha riscontrato i criteri per la sindrome metabolica. Al contrario, il 17,5 per cento degli ex consumatori e solo il 13,8 per cento dei consumatori attuali ha rilevato criteri negativi.

“Tra gli adulti emergenti, i consumatori di cannabis attuali avevano il 54 per cento in meno di probabilità rispetto ai non utenti di presentare sindrome metabolica”, i ricercatori hanno riportato.

In particolare, i livelli medi di glucosio a digiuno erano significativamente più bassi tra i consumatori di cannabis in corso rispetto ai mai utenti, mentre la circonferenza della vita era significativamente più bassa tra i maschi che hanno segnalato l’uso di cannabis corrente rispetto a quelli senza storia di uso di cannabis.

“Questi risultati hanno importanti implicazioni per la nazione su come l’uso di cannabis diventi più accettato e possiamo contemporaneamente affrontare molteplici epidemie di obesità, malattie cardiovascolari e diabete”, hanno concluso gli autori.

I risultati sono in linea con quelli di precedenti studi osservazionali che mostrano una relazione inversa tra uso di cannabis e marcatori diabetici, e supportano i dati della popolazione precedenti che mostrano che coloro che usano cannabis in genere possiedono una più piccola circonferenza della vita ed un indice di massa corporea più basso rispetto a quelli che non usano cannabis.

Un abstract dello studio, “sindrome metabolica tra i consumatori di cannabis negli Stati Uniti: Un’analisi della National Health and Nutrition Examination Survey,” è online qui.

 

Fonte: Norml

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 325 times, 2 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti