Cosa influenza la degradazione della Cannabis? Ecco i fattori da controllare


La cannabis è deperibile, nel senso che ad un certo punto può perdere freschezza e dunque arrivare ad una specie di “scadenza”. Quello che una volta era un verde vivace, un fresco profumo dei germogli di cannabis, finirà per perdere quegli aromi pungenti, nonché quella vibrante tonalità.

Tale è la natura del degrado, e la vostra cannabis deve giocare secondo le stesse regole di qualsiasi altro prodotto raccolto.

Fortunatamente i fattori che influenzano la degradazione dei fiori di cannabis sono facili da capire e relativamente semplici da controllare.

La freschezza della Cannabis

Forbici Taglio maturo Indoor Marijuana Bud per Harvest

Non appena una pianta di cannabis è stata raccolta, si comincia a degradare.

Non solo la pianta stessa non è più viva e non riceve le sostanze nutritive dalla radice ma anche le vie biosintetiche dei cannabinoidi sono state interrotte. In questo processo, cannabinoidi e terpeni sintetizzano in altri composti, successivamente alterando le proprietà psicoattive.

Ad esempio la temperatura ha la capacità di portare il THCA a decarbossilizzazione e diventare THC (che è altamente psicoattiva), ma il calore e luce possono causare degradazione di THC in CBN nel tempo.

Una volta che una pianta di cannabis è stato raccolta, essiccata e indurita, la sua zona ottimale di freschezza diventa una finestra finita che può essere estesa solo controllando attentamente vari elementi che includono non solo la temperatura e l’umidità relativa , ma anche i raggi UV ed i livelli di ossigeno ambientali.

Come Temperatura ha impatto sulla Degradazione

Pannello impostazione del forno moderno.  Profondità di campo sui pulsanti

La temperatura può influenzare la degradazione di cannabis in diversi modi.

Idealmente la cannabis deve essere conservata ad una temperatura non superiore a 70F gradi. Più in alto si va e questo comincia a introdurre un ambiente favorevole alla crescita batterica e muffe all’interno dei vostri fiori.




Inoltre i monoterpeni volatili cominciano a polimerizzare a sorprendentemente basse temperature, il che significa che il sapore e il profilo aromatico dei vostri fiori di cannabis potrebbe cambiare. Quando esposti ad alte temperature prolungate, i cannabinoidi cominciano a decarbossilare e / o degradare.

Il THCA dapprima perderà il suo anello carbossilico in questo processo, lo convertirà in THC, che alla fine può degradare a CBN mediante esposizione prolungata a temperature elevate.

Viceversa la cannabis tenuta troppo al freddo, in un congelatore per esempio, può rischiare, elevando livelli di umidità relativa, che possa forzare l’umidità sulla superficie di una pianta e quindi abbattere i tricomi in questo processo.

Come umidità ha impatto sulla degradazione

Vapor da umidificatore nella luce del mattino

L’Umidità relativa elevata di per sé può influenzare la degradazione della cannabis con l’introduzione di elevati livelli di umidità nuovamente dentro i fiori.

La Cannabis Raccolta sperimenta un rapido rallentamento del trasferimento dei fluidi durante l’essiccazione e la fase di stagionatura. In modo ottimale la cannabis deve essere conservata con un’umidità relativa nella gamma 59-63% per evitare il degrado negativo in entrambe le direzioni.

Con la reintroduzione di elevate quantità di umidità, i fiori non solo rischiano, ma possono anche portare con sé i sapori di ammoniaca a causa della circolazione dell’aria ristretta.

Dall’altra estremità, la bassa umidità può avere un impatto negativo nel degrado della cannabis con l’essiccazione delle foglie e fogliame al di fuori dei fiori, causando loro fragilità.

Come la luce UV e ossigeno hanno impatto sulla degradazione

Cielo blu.

Come la temperatura e l’umidità sono molto influenti nel degrado della cannabis, una elevata esposizione ai raggi UV ed ossigeno può causare forse il più alto tasso di degrado nel lasso di tempo più breve.

I raggi UV possono abbattere la materia organica ad un ritmo rapido, causando il degrado e la perdita dei cannabinoidi. Questo processo può essere rallentato solo limitando l’esposizione alla luce dei fiori.

L’esposizione elevata all’ ossigeno può anche causare la degradazione dei cannabinoidi in modo rapido. Il THC, se lasciato in ambienti altamente ossidati, convertirà più rapidamente a CBN, ed è per questo che è importante controllare entrambi i livelli di ossigeno e di umidità relativa, quando curiamo i germogli di cannabis.

Per riassumere, la temperatura, l’umidità, il flusso d’aria, e la luce sono i quattro principali fattori che influenzano la degradazione della cannabis.

Tutte e quattro le variabili rappresentano uno spettro importante da controllare.

Il Controllo di queste variabili ed il loro mantenimento di livelli adeguati è in grado di prolungare in modo significativo la durata di conservazione dei vostri fiori di cannabis; è fondamentale limitare l’esposizione ai processi che influenzano il degrado non solo dei grappoli di fiori stessi, ma dei cannabinoidi e terpenoidi contenuti al loro interno.

Anche se il degrado dei cannabinoidi è una fatalità e la tua cannabis finirà per scadere, il mantenimento di un ambiente altamente controllato è il modo migliore per combattere i processi naturali che renderanno la vostra scorta indesiderabile, lasciandovi con fiori freschi più a lungo di quanto si possa fare senza queste accortezze.

 

FONTE: Leafly

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 1.899 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT