Cannabis Social Club: a favore dell'auto-produzione di Cannabis personale e collettiva

CSC in Spagna: Una breccia nel muro del Proibizionismo – Esclusiva

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’esperienza dei Cannabis Social Club in Spagna ha avuto inizio nel 1993.

In quel momento l’associazione ARSEC, di Barcellona, ​​ha inviato una lettera al procuratore antidroga della Catalunya, in cui si afferma che, già nel 1974 (in piena dittatura di Franco), la Corte Suprema ha ritenuto che il semplice uso di droghe non sia un crimine, e quindi di conseguenza dovrebbe esserlo la coltivazione per coprire il consumo personale.

Il procuratore ha poi riconosciuto che la coltivazione di marijuana in una quantità che non supera il consumo normale non dovrebbe essere considerato come criminale, ma non ha il coraggio di esprimersi “per mancanza di
fatti “.
I membri ARSEC hanno immediatamente fornito al procuratore i “fatti”.

Per farlo hanno affittato un campo in cui alcuni dei 100 membri dell’associazione hanno coltivato 200 piante per uso proprio. La terra venne segnalata con dei manifesti e giunse la notizia al pubblico ministero ed ai media.

Dopo l’intervento della Guardia Civil, la Corte provinciale di Tarragona ha chiuso il caso, visto che non c’era alcun reato. Tuttavia, l’accusa ha presentato ricorso all’Alta Corte ed il caso è arrivato alla Corte Suprema.

Mentre il caso ARSEC si stava risolvendo, è nato il Cordinamento Statale per la Regolamentazione della Cannabis, composto da associazioni “di studio di cannabis”, dato che il termine consumatori ancora non venne permesso.

La prima campagna, promossa dal coordinamento (“Io sono contro la proibizione”) è stata quella di realizzare piantagioni collettive come ARSEC.

Tuttavia, solo un gruppo ha effettuato la semina: L’associazione Kalamudia con sede a Bilbao e Martin Barriuso ne era presidente.

Dopo aver affittato un campo discreto, quasi 200 persone hanno piantato più di 600 piante alla presenza di stampa, radio e televisione. Tra i contadini c’erano molte persone conosciute nel paese Basco: Alcuni politici, sindacalisti, giornalisti, musicisti, scrittori, ecc, oltre a vari consumatori terapeutici.
I partecipanti hanno firmato una dichiarazione riconoscendo di essere consumatori di cannabis ed impegnandosi a dedicare i loro raccolti solamente per uso personale. Affinché la piantagione potesse essere trasparente finanziariamente, si è aperto un conto associativo in cui ogni membro donava la propria quota delle spese. Dopo una breve dichiarazione in tribunale, il caso venne archiviato. Il giudice aveva capito che non c’era crimine ed il procuratore antidroga ha deciso di non presentare ricorso, in modo che il prodotto finale venne raccolto senza problemi, in una cerimonia storica, alla presenza dei media.

Tuttavia, un paio di mesi dopo la Suprema Corte giudicò il caso ARSEC.

In una sentenza di connotazione politica e contrariamente alla sua giurisprudenza, la Suprema Corte condannò quattro membri del Consiglio di ARSEC a quattro mesi di carcere (in Spagna, la prima condanna, se meno di due anni viene lasciata in sospeso) e ad una multa di 3.000 € ciascuno. Questo è accaduto alla fine del 1997.

Tuttavia, nell’Associazione Kalamudia decisero di provare di nuovo.  Coltivarono in piantagioni collettive nel 1999 e nel 2000.

In entrambi i casi, l’accusa non si preoccupò di presentare accuse ed il raccolto venne raccolto senza intoppi.

Nel frattempo, Juan Muñoz e Susana Soto, dell’Istituto andaluso di Criminologia, avevano preparato un parere giuridico nel quale, dopo aver analizzato le sentenze della Corte di Cassazione sul cosiddetto “uso comune”, hanno concluso che la Spagna potrebbe aprire stabilimenti che producono la cannabis o altre piante per uso proprio, a condizione che rispettassero diverse condizioni:

1. che si trattava di un particolare gruppo di persone e ben determinato;

2. che erano di età maggiorenne ed in precedenza già consumatori;

3. che la sostanza ottenuta fosse destinata solo per l’uso personale dei membri;

4. che non ci fosse beneficio economico.

 

Questo è stato il punto di partenza dei clubs attuali.

In questo modo si riuscì ad usare la formula: “Associazione di consumatori” , dove le persone che volevano entrare nel corrispondente gruppo dovevano effettuare una dichiarazione firmata.

L’operazione era simile al Kalamudia: un circuito chiuso e la condivisione.

Così sono sorti 5 club nei Paesi Baschi.

Alcuni sono arrivati ad avere un proprio giardiniere, assunto dall’associazione.

Fino a quando, per caso fortuito, quattro membri dell’associazione Pannagh, compreso il Presidente Martin Barriuso, sono stati fermati dalla polizia locale a Bilbao, mentre stavano effettuando il raccolto 2005.

La loro detenzione ha avuto un grande impatto.

Inoltre Barriuso ha avuto l’annuncio del fascicolo del caso nel luglio 2006 da parte della Corte provinciale di Biscaglia, e che non era stato fatto appello, e che si basava sulla relazione di Soto e Muñoz.

Da qui circa 15 nuovi club sono stati formati in diverse parti della Spagna.

Tutti hanno applicato lo stesso modello legale ed aspettano di lanciare una nuova edizione della campagna “Io sto” al 10 ° anniversario della prima.

Si creò anche un club in Belgio, “Trekt Uw Plant”, che è attualmente in attesa della decisione dei giudici
dopo la breve detenzione dei suoi membri. Ed ENCOD Coalizione Europea (www.encod.org) sta promuovendo la creazione di questi club nei paesi europei in cui il consumo è legale.

Sarà il Cannabis Social Club un modello alternativo al proibizionismo?

Il tempo ci dirà questo, sicuramente, ma ciò che è chiaro è la necessità di prendere qualche rischio per indebolire il divieto. Così ora ci aspettiamo che più persone passino attraverso il divario ed aiutino il movimento ad allargarsi.

Il cambiamento è nelle nostre mani

Di Martin Barriuso - Traduzione di Stefano Auditore

 

I Cannabis Social Clubs – “Le Asociaciòn”

I CSC sono nati in Spagna, ma l’esempio si estende ormai in tutta Europa.

Fumatori e consumatori per il tempo libero ed i pazienti che ne fanno uso per scopi medicinali, pagano una quota mensile, dividono le spese di coltivazione, coltivano insieme e si dividono il raccolto.

Articolo sulle Asociaciòn del 12/05/08

Alle sei del pomeriggio, accanto al mercato Bilbao Ribera, signore indaffarate vanno e vengono. Begoña ha 82 anni.
Sale fino al primo piano e suona il campanello di una porta anonima.

Martin arriva, un giovane trentenne per nulla sospetto. “Vengo a cercare la borsa di mia figlia Soraya”, dice la donna.

Ma deve aspettare. Di fronte vi è un dipendente bancario e un’universitario.

Martin prende le cimette di erba e le mette in una bilancia fino ad arrivare a 10 grammi.

Begoña guarda la borsa, paga 35 € e va via felice. Prende l’autobus per il nuovo quartiere Miribilla, va a casa
da sua figlia e le consegna il prodotto.
Martin non è uno spacciatore, è il presidente dell’associazione Pannagh; nè Begoña è un corriere della droga, ma solo una madre preoccupata. Sua figlia Soraya ha la SM ed è in sedia a rotelle.

“Quando ho utilizzato un trattamento con mitoxantrone, Chemioterapia endovenosa, ho cominciato ad avere un impressionante vomito. E’ caduta nelle mie mani un po’ di cannabis, l’ho fumata e la nausea ed vomito sono terminati” , dice Soraya, che ha 46 anni.

“Fino a un anno fa non avevo idea che la cannabis potesse avere anche un’utilità terapeutica.”

Poco tempo fa il governo catalano ha annunciato che sosterrà la dispensazione in farmacia di cannabis per alcune condizioni mediche, tra cui vomito e la mancanza di appetito causata da sessioni di chemioterapia.

“Quando mi sveglio ho le gambe rigide, provo ad alzarmi e non posso. Questa spasticità rallenta quando inizio a fumare la prima canna. Con i miorilassanti si rilassano le gambe, sì, ma anche gli sfinteri, il che è orribile”, dice.

Questa donna è uno dei 250 membri dell’Associazione Pannagh, il primo cannabis club sociale creato in Spagna. Non tutti i soci utilizzano la cannabis come medicina. Molti fumatori fanno un uso ricreativo.

Giovanni Beitia, 22 anni e programmatore culturale di Bilbao ammette il suo consumo: “Non ho mai fumato molto, ma dal momento che sono nell’associazione anche meno. La differenza è la qualità. Non ingannarmi o adulterare la sostanza è quello che mi ha incoraggiato ad associarmi “.

I soci affittano collettivamente un terreno su cui far crescere la cannabis per i soci che lo vogliono.

Sono no-profit e non possono vendere cannabis ad altri. Insieme, hanno calcolato il consumo annuo di cannabis e distribuito il costo di affitto dei terreni, semi e fertilizzanti, attrezzature agricole, il trasporto di piante e di deposito.
“Il Requisito essenziale è di avere 18 anni e firmare una dichiarazione nella quale si ammette di essere consumatori.
È possibile inserire l’invito di un altro membro per essere approvati. Dato che sempre più persone sono associati a malattie per cui la cannabis può essere indicato, abbiamo deciso di ridurre la quota dei consumatori terapeutici e il prezzo al grammo per loro”, spiega Martin Barriuso.

Pannagh possiede terreni coltivabili in un comune a sud est Vizcaya – “noi non diciamo Dove, perché il problema non è la polizia, ma l”manguis’, chi ruba “- e lì non molto tempo fa si presero il raccolto annuale di 80 piante. Dodici varietà di marijuana, da molto stimolante a quella più sedativa.”

“L’accordo è fatto una volta al mese presso la nostra sede. Per i consumatori ricreazionali, il costo è di 4,50 Euro al grammo, e per i consumatori terapeutici € 3,50.”

“La differenza con la strada è che nell’associazione si garantisce qualità, si parla di sicurezza, ma anche consigliare consumo responsabile e dosi, fare campagne di prevenzione , ecc…; cioè, stiamo togliendo mercato per i trafficanti.”

Barriuso non fa alcun nome, ma tra i 250 membri (con un’età media superiore a 35 anni), ci sono lavoratori del
settore finanziario, infermieri, giornalisti, docenti universitari, proprietari di piccole imprese, guardie di sicurezza, agenti di vendita, «E anche un paio di ‘ertzainas'” con quella.

Maite è impiegato di banca. Il suo uso è soltanto ricreativo.

“Mi piace sperimentare, per vivere bene, mangiare bene, e per me anche il fumo è un piacere.”

A suo parere, il più positivo aspetto di questi club è il non ri-uso commerciale in strada: “Abbiamo tolto un mercato ai trafficanti, la gente non deve più andare in strada, c’è più sicurezza e controllo”.

Mentre i consumi privati ​​e la detenzione di cannabis non destinati per comportamenti di traffico sono depenalizzati in Spagna, la coltivazione e la distribuzione sono ancora vietate, dunque come è possibile che Pannagh e un’altra dozzina di clubs funzionino?

Il Pannagh è nato a Bilbao nel 2003 con sette soci. Mesi dopo, erano tantissimi, con pazienti e soci ricreativi.

C’erano anche le prove scientifiche che il principio attivo della cannabis THC, andasse bene per l’appetito, per combattere la nausea da chemioterapia, ridurre gli spasmi muscolari della sclerosi, per bromialgia e tante altre patologie…

Nell’ottobre 2005 la polizia di Bilbao ha arrestato due membri in una casa colonica a Durango con 150 chili di piante.

La Corte di Vizcaya ha deciso nel marzo 2006 che non vi era alcun reato ed ha chiuso dunque il caso.

Nel maggio 2007, senza ricorrere all’accusa, è stato ordinata la restituzione delle piante sequestrate.

I giudici della sesta sezione della Corte provinciale, che hanno capito che la piantagione ha soddisfatto i requisiti che la Suprema Corte aveva fissato per discutere di “consumi in comune”, ci hanno detto che si trattava di “una forma di consumo tra i tossicodipendenti in cui viene scartata la possibilità di trasmissione ad altri (…) in cui l’unica particolarità nel caso di Pannagh è che i consumatori contribuiscono alla coltivazione”.

Inoltre dato che il Pannagh era un’associazione legalmente costituita questo esclude “qualsiasi accenno di segretezza”.

“E ‘stato la prima volta in Europa che è stato ordinata la restituzione di piante di marijuana sequestrate”, dice Barriuso.

Nell’Associazione Pannagh circa il 60 per cento dei soci usano la marijuana per scopi medicinali.
Pedro ha 48 anni e due figli adolescenti. Vive in uno di quei paesaggi incantevoli della costa Biscaglia. Lui è uno psicologo, ma ha fatto di tutto. Quattro anni fa ha cominciato a perdere il suo equilibrio. Infine gli è stato diagnosticato un affaticamento cronico e bromialgia. Stava prendendo antidolorifici oppiacei.

“Però mi intontivano, e mi facevano dormire. La situazione si è aggravata, ci sono stati momenti in cui uno dei miei figli è venuto a parlare con me e mi ha fatto girare la testa, ascoltando il jazz, ed il mio cervello sembrava
disperso.”

Nel 2006, un lavoratore in un supermercato gli parlò della marijuana, e lui ha cercato la sua fortuna da spacciatori in strada: “Ho fatto subito un infuso di marijuana e ben presto il mal di testa era andato via. Il problema era la dose;
non sapevo ed ho preso un enorme high. ”

Nell’associazione Peter acquisisce 10 grammi mensili.

“Capisco che qualcuno voglia fumare uno spinello per stare bene, e nel mio caso è per non soffrire più del dovuto “, spiega.

Il Pannagh insegna anche come fare infusi, come utilizzare la pianta come erba e anche per fornire vaporizzatori,
apparecchiature per estrarre il principio attivo e poi essere assorbito dal consumatore, evitando così danni causato dal fumo.
Questi club calcolano un consumo massimo a persona al mese per 30 grammi di cannabis.

“Non saremo all’ingrosso; Se qualcuno vuole di più, dobbiamo cercare la vita, ma fuori di qui. Il nostro è un nuovo modello di autosufficienza e si adatta con la legislazione vigente “, aggiunge Barriuso.

Una delle questioni giuridiche è il trasporto e lo stoccaggio. “Abbiamo un passaggio; se ci beccano con il furgone pieno, stiamo commettendo un crimine. Lo stesso si verifica con i soci che tengono la cannabis nel deposito. È un’insicurezza assoluta”, spiega il presidente di Pannagh.

Begoña, la madre di Soraya insiste sul dare la sua versione di questi club: “Ho avuto una sorpresa quando sono scesa per prendere la cannabis per Soraya: era tutto tranquillo, senza problemi, senza tensione, senza spacciatori. Mi sono tolta la paura. E, cosa più importante, mia figlia sarebbe riuscita ad andare avanti. ”

La storia di una breccia

Susana Soto e Juan Muñoz, professori di diritto penale, nel 1999 hanno messo la prima pietra di quello che ora è
considerata una svolta per la regolamentazione della Cannabis.

Il Commissario per i farmaci dell’Andalusia ha commissionato loro una relazione sulla fattibilità giuridica di distribuire Cannabis dietro prescrizione medica e circa la possibilità di aprire locali di approvvigionamento e per consumi privati.

Questa analisi penale ha concluso che i coffee-shop olandesi sono impraticabili in Spagna,
ma sarebbero legale “punti non accessibili al pubblico indiscriminato, limitati, per fumare hashish fumare o marijuana, in cui si controllino gli accessi e si mantenga il livello di consumo responsabile regolare. Vale a dire luoghi di consumo privati ​​dove si poteva prendere e consumare quantitativi di cannabis non superiori al limite di consumo normale”.

Negli anni ’90, associazioni come ARSEC (Catalogna) e Kalamudia (Paesi Baschi) hanno fatto piantagioni pubbliche e collettive come forma di denuncia. Nel 1997 poi, il giudice penale Fernando Grande-Marlaska ha deciso di assolvere oltre 200 soci del Kalamudia. Ci furono anche condanne, ma questa svolta fu l’inizio dell’affermazione dei CSC in Spagna.

 

 

Traduzione dalla Spagnolo di Stefano "Auditore" Armanasco
Redazione
Associazione Nazionale FreeWeed Board, 100% Noprofit, Apartitica ed Indipendente.
(Visited 174 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti