Cura dell’Asma ed Effetto Broncodilatatore della Cannabis

Traduzione di Stefano Auditore

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità  più di 300 milioni di persone nel mondo soffrono di  asma.

L’Asma è una delle malattie più comuni nei bambini nel mondo sviluppato e uno dei più trattati in ambito di risorse sanitarie, del consumo sociale ed economico.

Si tratta di un disturbo che porta le vie aeree a gonfiarsi e stringersi. Questo fa sì che si presentino sintomi come respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica e tosse. Quando si verifica un attacco d’asma, i muscoli che circondano le vie aeree si restringono e possono gonfiarsi, impedendo il passaggio di aria attraverso i bronchi.

Ad oggi non vi è alcuna causa nota esatta di Asma, ma è noto che un aspetto influente siano la predisposizione genetica, fattori psicologici, allergie, infezioni respiratorie e l’esposizione ambientale a determinate sostanze come polvere, polline, tabacco da fiuto e alcune sostanze chimiche irritanti che vengono utilizzati nelle fabbriche.

Nel 1960 il tasso di mortalità nello Stato spagnolo era 9,36% e nel 2005 del 2,22%.Tuttavia, i livelli di inquinamento atmosferico hanno portato negli ultimi anni  differenze significative nella distribuzione geografica dell’ Asma.

In tutto il paese si stima che circa il 5-10% della popolazione soffre, vale a dire più di tre milioni di adulti e più di mezzo milione di bambini fino a 14 anni. Sorprende che il 90% dei pazienti con asma utilizza inalatore in malo modo, il 47% non controlla la propria malattia e il 26% non segue alcun tipo di trattamento. Alcuni sono anche sorpresi di apprendere che il 95% dei pazienti può avere una vita normale se seguisse un trattamento corretto.

Il costo totale degli adulti asmatici come pazienti ammonta a 1.950 euro l’anno ciascuno (1.635,86 € + 314,14 di spese mediche e dei costi sociali, come i viaggi di lavoro o di giornate lavorative perse). Il dato sale a 1.672.000 se si parla di tutta la popolazione interessata. Tra i risultati si sottolinea che le risorse sanitarie che generano costi economici elevati comprendono farmaci (27,9%), seguita da scansioni (24%) e dei ricoveri ospedalieri (17%).

Somministrazione acuta di cannabis e  THC  esercitano un effetto dimostrato  broncodilatatore  sulle piccole vie aeree dei polmoni. Il meccanismo di questo effetto non è noto, ma sembra essere diverso da altri farmaci attualmente utilizzati come broncodilatatori per l’asma.

studi

Diversi studi hanno dimostrato che  il THC  agisce come un broncodilatatore in entrambi i soggetti normali e pazienti con asma bronchiale cronica o broncospasmo indotto sperimentalmente.

Il  THC  aumenta il flusso d’aria in soggetti sani e negli asmatici crea costrizione bronchiale invertita. Inoltre, il meccanismo di azione è diverso da altri broncodilatatori; prende o sostituisce i periodi di desensibilizzazione B2 della stessa.

Comunque, fumare Cannabis, non può essere utile per il trattamento di asma giornaliero, per via dell’effetto irritante del fumo. La somministrazione orale è la migliore, o tramite alternativa come vaporizzatori per uso terapeutico. 

I cannabinoidi possono essere utili per la sua azione immunomodulante, intervenendo sulla natura infiammatoria della malattia. Modulano, come citochina, la funzione della secrezione delle cellule immunitarie. Queste azioni rappresentano una nuova strada promettente per il trattamento di questa malattia. Questo confronto spiega in parte il fatto che molti asmatici dichiarino di sentirsi meglio dopo l’uso di cannabis.

Infine non possiamo tralasciare l’aspetto psicologico; La cannabis può aiutare ad alleviare i disturbi dell’umore che stanno influenzando lo sviluppo della malattia.

Il trattamento dell’Asma comprende farmaci antinfiammatori (corticosteroidi) e broncodilatatori. Il  THC  e la Cannabis sono broncodilatatori e possono anche esercitare una azione anti-infiammatoria e anti-allergica.

Ma il fumo della combustione di canapa contiene prodotti analoghi a quelli che si trovano nel fumo di tabacco, tra cui alcuni agenti cancerogeni che possono danneggiare la mucosa, e l’inalazione di questi prodotti deve essere evitata comunque il più possibile. Per questo si può usare per via inalatoria un vaporizzatore (che diminuisce la quantità di sostanze cancerogene, ma anche di  THC ) e / o cannabis fumata con un alto contenuto di  THC , o uso orale.

Ad Otto persone con asma sono stati indotti con inalazioni chimiche spasmi bronchiali in alcune sessioni di allenamento in bicicletta e altre sessioni  secondo uno studio pubblicato nel  giornale americano delle malattie respiratorie  nel 1975. I soggetti che hanno ricevuto placebo hanno avuto una graduale ripresa durante 30-60 minuti. Alle persone che è stata data vera Cannabis invece sono stati immediatamente recuperati. Lo Studio è stato effettuato dai ricercatori della Divisione di Malattie polmonari, Dipartimento di Medicina presso la  UCLA School of Medicine  di Los Angeles.

In uno studio clinico pilota condotto da  Tashkin et al   in 14 pazienti con asma, la cannabis fumata (2% THC) e  THC  (15 mg) per via orale ha prodotto un effetto broncodilatatore simile al salbutamolo inalato. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti sentiva tosse irritante dopo aver fumato marijuana. Il THC ingerito oralmente ha prodotto effetti psicoattivi nella maggior parte dei pazienti.

Tashkin et al  ha condotto un secondo studio clinico pilota in 12 pazienti con asma, l’effetto broncodilatatore del  THC  somministrato per via orale (10 mg) era inferiore a quella del salbutamolo. La maggior parte dei pazienti del gruppo sperimentale ha avuto effetti lievi neuropsichiatrici, e un paziente di questo gruppo ha avuto broncospasmo.

Nel suo terzo studio clinico in 10 pazienti testati, che hanno incluso un controllo placebo, il THC somministrato in forma di aerosol (200 mg) e THC (15 mg) per via orale ha mostrato un effetto simile al broncodilatatore salbutamolo ( 100 mg). L’inizio dell’effetto fu più rapido con salbutamolo, ma dopo un’ora gli effetti dei due principi attivi hanno avuto uguale intensità. In questo studio c’erano episodi di irritazione delle vie secondarie alla somministrazione THC a spruzzo. Non era chiaro se questi effetti siano attribuibili al THC o ai solventi utilizzati.

In un articolo sulla rivista  Nature , gli scienziati  dell’Istituto di Medicina Sperimentale a Budapest  (Ungheria), l’  Università di Napoli  (Italia) e l’  Università di Washington  (USA) hanno dimostrato come l’anandamide (cannabinoide endogeno) agisca sui passaggi del polmone.

In studi su animali da esperimento (cavie e ratti), l’ anandamide  esercitava un duplice effetto sulla reattività bronchiale. Se il muscolo liscio del polmone viene contratto mediante l’azione di un irritante (capsaicina), l’endocannabinoide viene rilasciato, e fortemente inibita tosse. Ma se ci rilassiamo le vie aeree (bloccando il vago e il loro effetto broncocostrittore)l’ anandamide  causa una crisi di tosse e spasmo. L’anandamide è sintetizzato nei tessuti polmonari, ed i suoi effetti sono mediati dai recettori dei cannabinoidi.

I derivati ​​sono attualmente in fase di sviluppo per promuovere solubili cannabinoidi sintetici in amministrazione aerosol. Tuttavia, non è ancora stato valutato come avente efficacia clinica.

Traduzione Stefano Auditore

 

Fonti:
Organizzazione Mondiale della Sanità, Associazione Internazionale per Cannabinoidi medicinali; Rosarina Cultural Studies Association, The Marihuana.com, María José Jove Foundation; Ecodes; notizie mediche; Europapress, 20 minuti, il mondo AlergoSur; Tashkin, Donald P. et al. Uso di marijuana e il cancro del polmone: risultati di uno studio caso-controllo, Conferenza Internazionale della American Thoracic Society 2006.
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 7.180 times, 1 visits today)

Commenti

2 Responses so far.

  1. 90Vickie ha detto:
    Hi admin !! I read your posts everyday and i must say you
    have high quality articles here. Your page deserves to go viral.
    You need initial boost only. How to go viral fast?
    Search for: forbesden’s tools
  2. Giuseppe Gallenti ha detto:
    Una cosa che all’apparenza sembra semplice e banale mentre ha un importanza fondamentale. Il Thc dilata gli alveoli polmonari facendo espellere in maniera “meccanica” le tossine a partire dalle polveri fini cosidette P.M (Micro powder). Per queste che all’apparenza sembra una banalità è una meraviglia della natura e della canapa.

LEAVE A COMMENT