Disinformazione sulla Cannabis Evitata grazie all’intervento degli Attivisti

Il giorno 2 settembre 2017 è apparso sul quotidiano online “La Gazzetta di Mantova” un articolo fuorviante dal titolo: “Cannabis per scopi terapeutici In vendita in centro”, nel quale si faceva (e si fa tuttora) riferimento ad una “marca” di prodotti di Cannabis ad uso industriale venduta per uso tecnico, e raccontata dal titolare del negozio (al quale la rivista passa tutte le responsabilità) come Cannabis ad uso terapeutico, addirittura “da fumare”.

Incredibile ed intollerabile che un prodotto particolare, senza mai parlare della concorrenza (ndr, casualmente?), venga esaltato esponendone qualità che non ha e che non dovrebbe neppure avere come destinazione di uso.

Da anni ci battiamo per una corretta informazione, e per il diritto ad autoprodurre cannabis anche per scopi medici, e non possiamo tollerare questa disinformazione.

Abbiamo pertanto segnalato l’articolo in questione alla Testata giornalistica, la quale, nella giornata odierna, è uscita con un articolo di precisazione, senza però togliere l’articolo originale (che rimane come eventuale pubblicità ingannevole, e cosi è arrivato ai cittadini).

Ecco l’articolo di precisazione dal titolo (NDR, tristissima realtà, purtroppo): “Cannabis terapeutica? Solo in farmacia”

L’articolo procede sottolineando:

“La notizia del negozio di Castiglione che commercializza l’erba “giusta” o “cannabis tecnica italiana”, venduta in vasetti da 8-10 grammi e prodotta, nel caso dell’attività di via Garibaldi, dalla ditta Easyjoint, ha visto nascere un dibattito soprattutto a causa della confusione sul tipo di prodotto”.

Siamo lieti di aver contribuito, grazie al supporto di numerosi veri attivisti (e non “surfisti del niente”) alla giusta rettifica sul tipo di prodotto e sulla destinazione d’uso, e soprattutto sull’esposizione dei fatti, purtroppo tristi, attuali, ossia che la Cannabis ad uso medico, quella ad uso ludico, ecc. purchè contenga THC sopra lo 0,6%, è ancora in mano solo ed esclusivamente al Sistema Statale Farmaceutico (uso medico) ed alle Narcomafie (uso ludico ecc.).

Cercare di nascondere la verità non crea passi avanti, ma venti passi indietro. E una mezza verità è una bugia intera, ricordiamolo.

Ci stupisce come uguali, se non maggiori, provvedimenti non siano stati svolti anche dalle riviste di settore che hanno difeso e pubblicizzato erroneamente tali usi di tali prodotti.

Ecco i link dei due articoli citati:

http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2017/09/02/news/cannabis-per-scopi-terapeutici-in-vendita-in-centro-a-castiglione-1.15801408

http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2017/09/05/news/cannabis-terapeutica-solo-in-farmacia-1.15812824?ref=fbfma

LEAVE A COMMENT