Le potenzialità dell’Effetto Entourage della Cannabis

Stefano Auditore/ dicembre 2, 2015/ Conoscere la Cannabis, Openblog/ 1 comments

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Per poter comprendere a fondo l’importanza dell’azione sinergica di tutti i componenti della Cannabis occorre ripercorrere alcuni fondamentali momenti scientifici.

Nel 1963 Raphael Mechoulam determinò la struttura del cannabidiolo (CBD), un componente importante della Cannabis. Un anno più tardi Mechoulam divenne la prima persona ad isolare il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), l’ingrediente psicoattivo presente nell’inflorescenza di cannabis. Nel corso dei decenni successivi, Mechoulam ed il suo team hanno continuato ad isolare numerosi principi della pianta di cannabis.

Il loro lavoro è andato avanti anche lungo un cammino verso l’illuminazione su come funzionasse la cannabis nel nostro cervello. Quando la squadra di Mechoulam ha identificato il primo cannabinoide endogeno, una struttura chimica in realtà parte del cervello stesso, lo ha chiamato “anandamide”.

Nella lingua sanscrita, Ananda significa “beatitudine suprema”, il che ci porta alcune indicazioni su ciò che Raphael Mechoulam pensasse dei cannabinoidi e della cannabis in generale.

La prima volta che compare nella storia scientifica il concetto di “Effetto Entourage” fu proprio in un testo composto nel 1998 da S. Ben-Shabat, con Raphael Mechoulam, per rappresentare un nuovo percorso cannabinoide endogeno di regolazione molecolare; l’attività biologica funziona dunque insieme con composti inattivi.

Per capire più a fondo, pensiamo a questo: ci sono più di 480 componenti naturali che si trovano all’interno della pianta della cannabis, di cui 66 sono stati classificati come “cannabinoidi”:

– Cannabigerols (CBG);

– Cannabichromenes (CBC);

– cannabidioli (CBD);

–  tetraidrocannabinoli (THC);

– Cannabinol (CBN) e cannabinodiol (CBDL);

– Altri cannabinoidi (come cannabicyclol (CBL), cannabielsoin (CBE), cannabitriol (CBT) e di altri tipi vari).

Altri componenti della pianta di cannabis sono: composti azotati (27 noto), aminoacidi (18), proteine ​​(3), glicoproteine ​​(6), enzimi (2), zuccheri e dei composti correlati (34), idrocarburi (50), semplici alcoli (7), aldeidi (13), chetoni (13), acidi semplici (21), acidi grassi (22), esteri semplici (12), lattoni (1), steroidi (11), terpeni (120), non fenoli cannabinoidi (25), flavonoidi (21), vitamine (1), pigmenti (2), e altri elementi (9).

Ed è in questa vasta composizione che risiede il punto importante.

Mechoulam stesso, insieme a molti altri, ha detto che crede che tutte queste componenti della pianta di cannabis probabilmente esercitino un eventuale effetto terapeutico più di ogni singolo composto preso da solo.

Mentre la scienza non ha ancora dimostrato il ruolo esatto o il meccanismo per tutti questi vari composti una cosa è chiara: Il tutto è più della somma delle sue parti: “Questo è l’effetto entourage.”

Le aziende farmaceutiche desiderose di creare un farmaco brevettabile derivato dalla cannabis sono sempre alla ricerca per estrarre uno o due sostanze chimiche dalla pianta.

Il Marinol, venduto negli Stati Uniti da Abbvie, è una pillola contenente THC sintetico che viene utilizzato per stimolare l’appetito nei pazienti affetti da cancro e HIV. GW Pharmaceuticals ha brevettato il Sativex, composto da una miscela di THC e CBD, per trattare il dolore nei pazienti con sclerosi.

Ma c’è un punto chiaro di questi estratti: non funzionano cosi bene come la terapia dell’intera cannabis.

Prendiamo in esame il caso del Marinol, che è puro, THC sintetico. Quando il farmaco è diventato disponibile a metà degli anni 1980, gli scienziati pensavano che avrebbe avuto lo stesso effetto come l’intera pianta di cannabis; ma ben presto divenne chiaro che la maggior parte dei pazienti preferirono usare la pianta intera rispetto ad assumere il Marinol.

Per capire meglio il concetto di “effetto entourage”, andiamo nei laboratori segreti di GW Pharmaceuticals, fuori Londra. Nello sviluppo del Sativex, un farmaco a base di cannabis per il trattamento della sclerosi multipla, il presidente della società, il dottor Geoffrey Guy, ha detto al Dr. Sanjay Gupta che l’azienda ha incontrato alcuni degli stessi ostacoli che il Marinol ha dovuto affrontare.

“Più di un decennio di esperimenti hanno rivelato che un estratto vegetale intero è più efficace nel ridurre il dolore e gli spasmi della Sclerosi Multipla di un farmaco con un singolo composto.

Potrebbe essere che più singoli composti abbiano il loro ruolo, o ciò potrebbe essere dovuto alla loro interazione nel corpo; potrebbe anche essere una combinazione di entrambi”, ha detto il Dr Guy .

Strumentale in questo settore della scienza è stato anche Ethan Russo, MD, un neurologo che ha studiato a lungo i composti della cannabis ed il loro ruolo nel corpo.

Nel suo studio “Dietro il THC: potenziali sinergie nella cannabis ed effetti entourage fitocannabinoidi-terpenoidi”, egli descrive come i composti della cannabis influenzino l’un l’altro i meccanismi.

Non stiamo solo parlando del noto tag-team THC-CBD, ma anche di piccole quantità di terpeni (oli profumati che danno alla cannabis il suo profumo) che possono fare la differenza.

Il terpene Mircene, ad esempio, è in grado di ridurre la resistenza nella barriera emato-encefalica, che consente il passaggio più facile di altre sostanze chimiche benefiche.

Il Pinene aiuta a bilanciare la cognizione e la memoria influenzata dal THC; una combinazione dei terpeni pinene, mircene, e cariofillene contribuisce a velare l’ansia.

Mescolando i terpeni linalolo e limonene con il cannabinoide CBG si mostra la promessa nel trattamento di MRSA.

Il THC in combinazione con il CBN rende migliori effetti sedativi; il Linalolo e il limonene combinati con CBD sono stati studiati come trattamento anti-acne.

Molti studi hanno dimostrato l’efficacia della cannabis come agente terapeutico per spasmi muscolari associati alla sclerosi multipla: in particolare uno studio condotto da Wilkinson e colleghi ha scoperto che tutto l’insieme degli estratti vegetali è più efficace del solo THC.

Gli scienziati hanno paragonato 1mg THC con 5 mg / kg di estratto di cannabis con una quantità equivalente di THC, ed hanno scoperto che un estratto vegetale dalla pianta intera è significativamente più potente per le proprietà antisettiche.

Inoltre, la teoria dell’effetto entourage è stata prorogata da Wagner e Ulrich-Mertsenih che definiscono quattro meccanismi di base della sinergia della pianta di cannabis come segue:

1  Capacità di influenzare diversi siti del corpo.

2  Capacità di migliorare l’assorbimento dei principi attivi.

3  Capacità di superare i meccanismi di difesa dei batteri.

4  Capacità di minimizzare gli effetti collaterali indesiderati.

L’effetto entourage può anche essere utile per migliorare l’utilizzo degli estratti della cannabis; i cannabinoidi sono chimicamente composti polari, il che rende a volte più difficile l’assorbimento da parte dell’organismo.

La pelle è costituita da due strati, che ostacolano il passaggio delle molecole molto polari come l’acqua ed i cannabinoidi; con i terpenoidi come il caryophyllene, l’assorbimento dei cannabinoidi può essere migliorato per ottenere benefici terapeutici.

L’effetto entourage infine fa si che la cannabis sia efficace nel trattamento di diverse infezioni batteriche: ci sono numerosi studi che mostrano le proprietà antibatteriche dei cannabinoidi.

“Gli estratti di piante di cannabis generalmente possiedono molecole contenenti cannabinoidi, che hanno anche proprietà anti-microbiche.”

Tuttavia nel corso del tempo i batteri sviluppano meccanismi di difesa per combattere gli antibiotici e alla fine diventano resistenti ad un trattamento che in precedenza era efficace.

Pertanto, è importante che l’intero estratto della pianta di cannabis abbia composti di cannabinoidi liberi che posseggano proprietà antibatteriche; queste molecole attaccano i batteri in modi che differiscono dal cannabinoide base. Dato l’attacco su più fronti, lo sviluppo di resistenza batterica è limitato.

Ora, forse le potenzialità dell’effetto entourage della cannabis sembrano probabilmente più chiare.

Dopo tutto mangiare frutta, verdura ed altre piante fornisce una migliore nutrizione che prendere pillole di vitamine con una sostanza nutritiva o minerale in ciascuna di esse.

La scienza ci sta soltanto dimostrando che si può probabilmente dire lo stesso per quanto riguarda la Cannabis.

A differenza di altre sostanze che possono funzionare bene come singoli composti, sintetizzati in un laboratorio, la Cannabis può offrire il suo più profondo beneficio come una pianta intera, completa, semplicemente se lasciamo che l’effetto entourage fiorisca, come il Dr Mechoulam ha suggerito più di un decennio fa.

 

FONTI:

From gan-zi-gun-nu to anandamide and 2-arachidonoylglycerol: the ongoing story of cannabis

MedicalCannabisBulgaria

CNN

Beyond THC

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 662 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

1 Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*