I fondatori della civiltà occidentale erano commercianti di cannabis

175 Condivisioni

All’inizio dell’età della pietra gli uomini in Europa e in Asia iniziarono autonomamente a usare una “nuova” pianta: la cannabis.

Questa è la conclusione di una revisione dell’archeologia della cannabis, che sottolinea anche un’intensificazione dell’uso di cannabis nell’Asia orientale con l’aumento del commercio transcontinentale agli albori dell’età del bronzo, circa 5000 anni fa.

Si ritiene che la tribù Yamnaya dell’Eurasia centrale, ritenuta una delle tre tribù chiave della civiltà europea , spostandosi verso est, abbia diffuso la cannabis, e forse il suo uso psicoattivo, in tutta l’Eurasia.

Polline, fiori e fibre di cannabis compaiono da decenni negli scavi archeologici in Eurasia.
Tengwen Long  e Pavel Tarasov della Libera Università di Berlino, in Germania, e i loro colleghi hanno compilato un database di questa letteratura archeologica per identificare tendenze e modelli di uso preistorico della cannabis.

Spesso, secondo i ricercatori, si presume che la cannabis sia stata utilizzata per la prima volta da qualche parte in Cina o in Asia centrale.

Alcuni degli studi più recenti inclusi nel database suggeriscono che l’erba è entrata nella documentazione archeologica del  Giappone  e  dell’Europa dell’Est  all’incirca nello stesso periodo, tra circa 10.200 e 11.500 anni fa.

“La pianta di cannabis sembra essere stata ampiamente distribuita già 10.000 anni fa, o anche prima,” dice Long.

crop-canapa (1)I ricercatori suggeriscono che i diversi gruppi di persone in tutto il continente eurasiatico hanno cominciato in modo indipendente ad utilizzare la pianta, forse a causa delle sue proprietà psicoattive o come fonte di cibo o medicine, o anche per creare tessuti con fibre.

Tuttavia Tarasov e Long suggeriscono solo che la cannabis presente nell’Eurasia occidentale veniva regolarmente utilizzata dagli uomini per millenni. I record più antichi del suo utilizzo in Asia orientale sono ampiamente diffusi, afferma Long.

Questo schema sembra essere cambiato circa 5.000 anni fa, all’inizio dell’età del bronzo, quando il consumo di cannabis nell’Asia orientale apparentemente si intensificò.

Approfondimento:  Stati Uniti: con la regolamentazione federale della cannabis si potrebbero guadagnare oltre 100 miliardi di dollari di entrate fiscali ed oltre 1 milione di posti di lavoro

Tarasov e Long pensano che quel periodo di tempo sia stato importante. A quel tempo i mandriani nomadi della steppa eurasiatica dominavano le passeggiate a cavallo, il che permetteva loro di percorrere grandi distanze e iniziare a costruire reti commerciali transcontinentali, le stesse rotte che sarebbero diventate diverse migliaia di anni dopo la famosa Via della Seta.

Questa antica “Bronze Road” avrebbe permesso di diffondere tutti i tipi di materie prime tra l’ovest e l’est, e probabilmente vi era inclusa anche la cannabis.

“È un’ipotesi che richiede più prove per provarla” dice Long, ma osserva che l’alto valore della cannabis avrebbe reso un bene ideale intercambiabile al momento “del raccolto”

Linee e prove indipendenti suggeriscono che i prodotti e le persone si muovessero nell’età del bronzo.

Ad esempio, Long afferma che il grano, coltivato circa 10.000 anni fa nel Vicino Oriente, apparve per la prima volta in Cina 5000 anni fa.

Gli studi sul DNA antico pubblicati negli ultimi anni  confermano anche che la popolazione di pastori nomadi della steppa, la Yamnaya , iniziò con la diffusione da est a ovest  anche in quel momento.

Età della pietra

Rob Clarke presso l’Associazione Internazionale di Cannabis ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, che ha scritto molto sulla preistoria della cannabis, celebra il lavoro di questo aggiornamento e dice di sostenere i risultati che la cannabis è stato coltivata in più di un posto .

Il collegamento proposto tra la diffusione della cannabis e le modifiche agli albori dell’età del Bronzo non lo ha sorpreso.prehistoricoPoiché la gente può usare la cannabis in molti modi, non possiamo essere sicuri che la sua diffusione nell’età del bronzo sia stata specificamente correlata alle sue proprietà psicoattive, afferma  Ernest Small dell’ Agriculture e Agri-Food Canada di Ottawa.

Approfondimento:  Comprendere i Test Microbiologici sulla Cannabis

Tuttavia ci sono ragioni per credere che le sue proprietà psicoattive fossero un fattore.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che i semi di marijuana bruciati e trovati in siti archeologici suggeriscono che gli  Yamnaya portarono con sé l’idea di fumare cannabis mentre si diffondevano attraverso l’Eurasia.

David Anthony  del Hartwick College di Oneonta, New York, che studia la Yamnaya, dice che la popolazione potrebbe aver usato la cannabis per le sue proprietà psicoattive in certe occasioni speciali.

“L’espansione dell’uso di cannabis come sostanza sembra essere legata ai movimenti al di fuori della steppa “, dice. “La cannabis avrebbe potuto essere riservata a feste o rituali speciali.”

Inoltre  Barney Warf  presso l’ Università del Kansas a Lawrence dice che sappiamo dai primi storici greci venuti dopo i pastori nomadi della steppa, di una popolazione chiamata  Sciti  che ha usato regolarmente cannabis come una sostanza attiva euforica.

“Si dice sugli scritti di Erodoto che gli sciti passavano il loro tempo a fumare cannabis nella penisola della Crimea”, dice.

Warf dice che il nuovo lavoro è affascinante e che dovrebbe incoraggiare più ricercatori a esplorare la storia e la preistoria della cannabis e conclude affermando: “Penso che ci sia una storia che è in gran parte inenarrabile sulla cannabis in Europa dall’età del bronzo al rinascimento”.

 

Rivista di riferimento: Storia della vegetazione e archeobotanica, DOI: 10.1007 / s00334-016-0579-6

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 379 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT