Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Il Gene “della Felicità” è correlato alla Cannabis

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
(Foto: jetheriot / Flickr)

Un gene responsabile degli effetti della Cannabis potrebbe spiegare perché alcune persone sono naturalmente più felici di altre, come suggerisce un nuovo studio.

Gli scienziati in Giappone hanno misurato i livelli di felicità fra quasi 200 persone ed hanno scoperto che quelli che portavano una variazione del gene erano più felici, in media, ed hanno risposto più positivamente agli stimoli emotivi.

Il gene che è stato identificato codifica per il recettore CB1, che è il percorso nel cervello responsabile dell’effetto psicoattivo della Cannabis.

“Il recettore dei cannabinoidi umano di 1 genotipo è strettamente legato a due aspetti della felicità”, hanno scritto i ricercatori. Lo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista open-access PLoS ONE .

I recettori CB1 sono altamente concentrati nel cervello ed atti a modificare appetito, dolore, umore e la memoria.

Secondo il team di ricerca, un polimorfismo del gene del recettore CB1 può migliorare la risposta di un individuo con cannabinoidi, che sono le sostanze chimiche che attivano i percorsi. Più di 60 cannabinoidi diversi sono stati identificati nella Cannabis, con il THC solitamente presente sempre in maggiore concentrazione.

Ma lo studio non ha comportato fumare Cannabis. Come si è gia visto, il corpo umano produce una serie di cannabinoidi propri.

Come il THC questi composti naturali agiscono su diverse regioni del cervello legate alla felicità e sembrano funzionare come regolatori dell’umore. In realtà, uno dei primi cannabinoidi scoperto negli esseri umani, l’anandamide, prende il nome dalla parola sanscrita ‘ananda’, che significa proprio felicità o piacere.

È interessante notare che quando i ricercatori hanno scansionato il cervello di individui con la variante del gene, hanno osservato alti livelli di attività nelle aree che regolano sentimenti positivi.

Essere più inclini agli effetti degli cannabinoidi e, a sua volta, alle emozioni positive può spiegare perché gli individui con il polimorfismo sono generalmente più felici, come il team suggerisce.

I ricercatori concludono che quelli con la variante del gene CB1 probabilmente hanno un “elevata sensibilità per eventi emotivi positivi” e quindi “eventi di vita positivi possono essere più abbondanti” per questi individui.

Fonte: LeafScience

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 270 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti