In Germania da oggi è legale prescrivere cannabis a scopo terapeutico (ed utilizzarla)

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


Il Parlamento tedesco (Bundestag) ha approvato una legge da Giovedi rende ufficialmente la marijuana legale per scopi medicinali.

I pazienti affetti da gravi malattie come la sclerosi multipla, il dolore cronico, grave perdita di appetito o nausea da chemioterapia, possono ora ricevere prescrizioni dai loro medici per la marijuana medica.

“Le persone gravemente malate devono essere trattate nel miglior modo possibile”, ha detto il ministro della Salute Hermann Grohe, che ha proposto la legge.

Finora solo alcune persone con gravi condizioni mediche potevano ricevere il permesso di utilizzare il farmaco per la terapia di sé, e la barriera era piuttosto alta. Solo circa 1.000 persone in tutto il paese oggi sono quelle a cui è stato dato il permesso di usare il medicinale.

La nuova legge espanderà questi numeri; i prodotti saranno coltivati ​​sotto la supervisione dello Stato. È possibile che siano anche produttori privati, ma i requisiti per l’approvazione sono molto severi.

Quando la legge sarà implementata in marzo, i fornitori di assicurazione sanitaria dovranno coprire i costi di cannabis utilizzata per il trattamento, per esempio, per il dolore o la mancanza di appetito.

Ma i sostenitori della legge, anche se non tutti, vedono la vicenda non come una apertura per la strada per uso ricreativo. La Federal Drug Commissario Marlene Mortler del conservatore Unione Cristiano Sociale (CSU) ha detto Lunedi che a suo parere consentire l’accesso a un uso ricreativo potrebbe anche aumentare il consumo di marijuana – e che lei non lo farebbe.

“La cannabis come medicina certamente non è un farmaco miracoloso”, ha detto Mortler. “Ma tutti dovrebbero avere il diritto di averlo gratis se aiuta.”

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 140 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti