Gli Stati Uniti verso la regolamentazione della Canapa ad uso industriale

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sicuramente la situazione italiana sulla “Cannabis in generis” è alquanto complicata, ma possiamo vantare sul tema canapa industriale una regolamentazione più avanzata, seppur sicuramente confusionaria, di quella attualmente in vigore negli Stati Uniti, che però si preparano a colmare la distanza.

Il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti, Mitch McConnell (R), ha annunciato oggi che presto introdurrà una legislazione nel Senato degli Stati Uniti che metterebbe fine al vecchio divieto della nazione sulla canapa industriale.

Il Canapa Farming Act del 2018 legalizzerebbe la canapa industriale rimuovendola interamente dalla lista delle sostanze controllate federali.

McConnell prevede di introdurre ufficialmente la misura la prossima settimana, con il senatore Rand Paul (R) e un gruppo bipartisan di altri legislatori che prestano servizio come cosponsor.

“La canapa ha svolto un ruolo fondamentale nel patrimonio agricolo del Kentucky e credo che possa essere una parte importante del nostro futuro”, ha affermato il senatore McConell. “Sono grato di unirmi al nostro Commissario all’agricoltura Ryan Quarles in questo sforzo. Lui e il suo predecessore, Jamie Comer, sono stati dei veri campioni per la ricerca e lo sviluppo della canapa industriale nel Commonwealth. ”

McConnel nota che” il lavoro del Commissario Quarles qui in Kentucky è diventato un esempio nazionale per il modo giusto di coltivare la canapa. Sono orgoglioso di stare qui con lui oggi, perché credo che siamo pronti a fare il passo successivo e basarci sui successi che abbiamo visto con il programma pilota di canapa del Kentucky “.

“Qui in Kentucky, abbiamo costruito il miglior programma pilota di ricerca sulla canapa industriale nel paese e abbiamo stabilito un modello per come gli altri stati possono fare lo stesso con il buy-in da coltivatori, trasformatori e forze dell’ordine”, ha dichiarato il commissario Quarles, che si è unito a McConnell in una conferenza stampa che annunciava la nuova proposta di legge. “Desidero ringraziare il leader McConnell per aver introdotto questa legislazione che ci consente di sfruttare la redditività economica di questo raccolto e presenta la migliore opportunità per mettere la canapa sulla strada della commercializzazione”.

Affinché il disegno di legge diventi legge, dovrà passare sia il Senato che la Camera dei Rappresentanti, e poi essere firmato in legge (o autorizzato a diventare legge senza una firma) dal Presidente Trump.

Anche se questo può essere visto come un’impresa complicata, il fatto che venga presentato dal leader della maggioranza del Senato, che è un repubblicano, è un buon segno e fornisce solide basi iniziali.

Stefano Auditore

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 64 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT