IBM presenta la sua Blockchain per l’industria della cannabis

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’IBM, multinazionale americana, ha presentato il suo Blockchain per l’industria della cannabis al governo della Columbia Britannica.

Il Blockchain (catena di blocco o libro mastro) IBM può essere utilizzato per monitorare la sostanza “dal seme della cannabis al loro punto di vendita , “ ha affermato la società statunitense al governo della British Columbria.

La multinazionale nordamericana sta attualmente promuovendo il suo strumento di contabilità digitale e il controllo Blockchain per l’industria della cannabis, servizio digitale in grado di monitorare la Cannabis nei suoi vari processi che vanno dallo sviluppo e la coltivazione del seme fino a quando non produce i suoi fiori e va al negozio per la vendita.

Nelle ultime settimane la provincia canadese sta raccogliendo informazioni pubbliche su come regolamentare questa nuova industria che sarà lanciata dal prossimo mese di luglio . L’IBM Blockchain consentirebbe al governo della provincia il controllo dalla sorgente alla vendita del prodotto finale, cioè il controllo dell’ intero processo. Viene offerto anche come strumento per i produttori per monitorare l’inventario e l’offerta, oltre a nuovi ordini e tendenze dei consumatori, come afferma un documento della multinazionale.

Il Blockchain o Ledger digitali possono essere condivisi e aggiornati in tempo reale su Internet e può rivelare esattamente come e dove il prodotto si trova in qualsiasi momento. “Questo tipo di trasparenza porterà un nuovo livello di visibilità e controllo ai regolatori provinciali , “ ha detto IBM.

La multinazionale nordamericana sta promuovendo il suo sistema digitale Blockchain negli ultimi anni per diverse industrie, che vanno dalla specializzazione in sistemi finanziari alle piccole aziende di vendita al dettaglio. IBM sta scommettendo che il suo prodotto digitale entrerà nel mercato e sarà adottato dai suoi clienti tradizionali cosi come grandi aziende e che sarà un grande promotore di ricavi a lungo termine in quanto le vendite più tradizionali stanno diminuendo. “La nostra presentazione è stata la nostra risposta a una richiesta del governo britannico Columbria ” , ha detto Carrie Bendzsala di IBM Carrie Bendzsa in una email.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 224 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti