IHeartJane, il nuovo “Amazon” della Cannabis

160 Condivisioni

Quest’anno, secondo la società di ricerche di mercato eMarketer, le vendite online hanno rappresentato per la prima volta un decimo delle vendite totali al dettaglio . Mentre l’industria della cannabis cresce, un imprenditore ha intenzione di trarre vantaggio da questa tendenza creando l’Amazon dell’erba.

Prima che Socrates Rosenfeld entrasse nell’industria della cannabis, era solo un veterano che usava la marijuana per gestire il suo stress. Sapeva sempre che voleva aiutare gli altri veterani e civili a ottenere un facile accesso alla cannabis. Ma non è stato fino a quando ha iniziato a studiare al Massachusetts Institute of Technology (MIT) che ha capito come.




Poco dopo la laurea, Rosenfeld ha stretto una partnership con suo fratello e compagni di classe per formare Jane Technologies, Inc.

Ora, la loro azienda in crescita IHeartJane.com , sta trasformando dispensari in dispenser “click and mortar” in California, Colorado, Massachusetts, Nevada e Nuovo Messico. La società collabora con i dispensari locali per rendere i propri prodotti disponibili online su una piattaforma facile da navigare.

“Il modo in cui lo abbiamo fatto è fare in modo che lo shopping online per la cannabis sia semplice e immediato come lo shopping su Amazon”, afferma Rosenfeld.

Shopping online per cannabis

3. Pagina del prodotto Presentazione di Amazon per lo shopping online di piante infestanti
Foto per gentile concessione di IHeartJane

Come per la maggior parte degli acquirenti online, la priorità per gli acquirenti online di cannabis è la convenienza.




Questo significa qualcosa di diverso, dice Rosenfeld, per i consumatori a seconda di quanto sono esperti con l’erba.

I dilettanti, ha detto, prediligono lo shopping online perché permette loro di fare ricerche sui prodotti e ottenere risposte a semplici domande che potrebbero sembrare sciocche da chiedere al dispensario. Dopo che i neofiti della cannabis hanno usato una piattaforma come IHeartJane, afferma Rosenfeld, “si sentono molto più a loro agio, per la prima volta, ad entrare in un dispensario e avere conversazioni molto più informate con il budtender”.

Approfondimento:  Mike Tyson diventa produttore di cannabis

In un certo senso, gli appassionati esperti vogliono un dispensario digitale per la ragione opposta.

Sanno esattamente quello che vogliono e vogliono che quei prodotti siano consegnati a loro o pronti quando si presentano al dispensario.

Rosenfeld ed i suoi partner hanno effettivamente scoperto un modo, che hanno recentemente brevettato, per integrare i menu online in tempo reale con qualsiasi sistema di point-of-sale.

“Quindi, per fare un esempio, se sei a Denver e stai cercando OG Kush, ti basta semplicemente visitare il nostro sito Web e digitare ‘OG Kush’, e ti mostreremo tutti i dispensari nella tua zona che attualmente portano OG Kush “, ha detto Rosenfeld. “Puoi confrontarli per convenienza, per prezzo o per recensioni, in modo simile a come sei abituato a fare acquisti su Amazon, GrubHub o Netflix.”

Esplorare nuovi prodotti

Cheesecake alla fragola1 Introducendo l'Amazon dello shopping online di piante infestanti

Pensa all’ultima volta che hai fatto acquisti su Amazon con tutti i suggerimenti dei prodotti in base alle selezioni già effettuate o a cosa hai pensato di acquistare. Ora, immagina quanto potrebbe essere divertente lo shopping online per l’erba. Rosenfeld ha detto che il consumatore medio spende $ 45 quando inizia a fare acquisti online per l’erba, ma, nel tempo, il loro carrello ha una media di $ 90 perché scopre così tanti nuovi prodotti.

“Così, per esempio, quando vai su Netflix e loro dicono” Bentornato, in base alla cronologia dei precedenti, ecco cosa ti consigliamo “. Prende in considerazione il pensiero per te e Netflix fa un lavoro incredibile “, ha affermato Rosenfeld. “E vai su Amazon, e stai cercando un prodotto, e dice, ‘le altre persone che guardano questo prodotto finiscono per comprare X, Y e Z.’ Ecco dove siamo diretti. “

Approfondimento:  Un Viaggio nei Dispensari di Cannabis degli Stati Uniti: The 10 Most Unique




Rosenfeld afferma che le funzionalità di ricerca e suggerimento sono particolarmente utili per le persone che non conoscono nemmeno tutti i prodotti di cannabis che sono ora disponibili, dalle tinture alle lozioni.

“I nuovi consumatori, come i miei genitori, hanno forse provato la cannabis 30, 40 anni fa”, ha detto Rosenfeld. “E proprio ora stanno imparando tutti i benefici anti-infiammatori e di salute di questo prodotto. E vorranno un’esperienza di shopping che riproduca qualsiasi altra cosa nella loro vita “.

Agisci localmente

 

Pickingweedisaseasyypickingamovieonnetflix Introducendo l'Amazon di shopping on-line delle erbacce
James Taylor Jones e sua moglie Fran Harris hanno tagliato le piante di marijuana che stavano coltivando per il loro collettivo. La coppia aveva circa novantasette piante che erano per lo più alte sette o otto piedi, ma avevano paura della DEA e delle leggi federali che potevano trionfare sulle leggi locali per la coltivazione di marijuana nella Contea di Mendocino. Joe Amon, The Denver Post (Foto di Joe Amon / The Denver Post tramite Getty Images)

La base dei “rivenditori locali” è in definitiva ciò che distingue IHeartJane da Amazon (beh, quello e la cannabis). Mentre Amazon a volte sottolinea i rivenditori locali, IHeartJane aiuta a supportare i lavori locali presso i dispensari.

L’altro componente amico del rivenditore è che non ci sono costi di abbonamento per IHeartJane.com. “Addebitiamo al rivenditore solo una tariffa di riferimento di $ 1 per ogni ordine che portiamo loro”, ha affermato Rosenfeld. “Se non portiamo loro un ordine, il sistema è completamente gratuito per loro.”




“Come piattaforma di e-commerce, non posso avere un enorme magazzino in cui ho migliaia e migliaia di prodotti che spedisco attraverso le linee di stato”, ha detto Rosenfeld. “Quindi, quando stavamo pensando di costruire il nostro mercato, dovevamo davvero vedere i nostri rivenditori ambulatoriali come veri partner, piuttosto che come concorrenza”.

 

FONTE: Herb.co

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 1.905 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT