Il Canada ad un passo dalla legalizzazione della Cannabis dopo il voto favorevole del Senato

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il senato canadese ha votato per legalizzare la cannabis, eliminando un grosso ostacolo mentre il paese si avvia a diventare il primo nel G7 a legalizzare completamente.

La camera alta del paese ha votato giovedì, 56-30, a favore di una legislazione volta a porre fine a più di 90 anni di proibizione.

Il senato, tuttavia, ha aggiunto quasi quattro dozzine di emendamenti, il che significa che la legislazione ora tornerà alla Camera dei Comuni per essere presa in considerazione.

Il governo federale liberale, guidato da Justin Trudeau, ha introdotto la legislazione lo scorso anno nel tentativo di rendere il Canada il secondo paese al mondo a legalizzare la cannabis, dopo l’Uruguay . La cannabis ad uso medico è già legale in Canada.

La legislazione divideva le responsabilità tra i governi federale e provinciale, con Ottawa responsabile della regolamentazione della produzione mentre lasciava alle province e ai territori la decisione su come la cannabis sarà distribuita e venduta.

Una volta approvati e implementati gli emendamenti, coloro che vogliono coltivare la propria cannabis saranno limitati a quattro piante per famiglia

I canadesi potranno trasportare fino a 30 grammi di cannabis essiccata per uso personale, mentre coloro che vendono cannabis a minori o che guidano sotto la sua influenza si troveranno ad affrontare rigide pene.

Da quando è diventato leader liberale nel 2013, Trudeau ha sostenuto che la depenalizzazione e la regolamentazione della marijuana aiuterebbero a tenere lontano il farmaco dai bambini e garantire che i profitti non finiscano nelle mani di quelli che ha definito “elementi criminali”.

Mentre la vendita della cannabis non dovrebbe iniziare fino ad agosto o settembre, il voto del senato è stato uno dei principali ostacoli alla legalizzazione, in quanto i senatori conservatori hanno cercato di bloccare l’iniziativa.

I numerosi emendamenti aggiunti dal senato – e che saranno ora considerati dai parlamentari – riflettono alcuni di questa opposizione, come restrizioni più restrittive sulla pubblicità da parte delle compagnie di cannabis e permettendo alle province di vietare la coltivazione domestica.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 164 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT