In Costa Rica si pensa ad un Referendum sulla Cannabis Medica

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gerald Murray, presidente del Movimento per la Cannabis Medicinale in Costa Rica, che è in corsa per essere presidente della nazione nel Partito Unità Sociale Cristiana (PUSC), ha detto al giornale La Prensa Libre che presenterà al Tribunale Supremo Elettorale (TSE) una raccolta di firme per avviare una votazione per approvare la legge che legalizzerebbe l’uso medico della marijuana in Costa Rica.

Murray ha detto che è la lentezza con cui il progetto è stato presentato in Assemblea legislativa che ha causato le misura di richiesta referendaria.

I sostenitori della legge hanno presentato un testo sostitutivo del progetto, anche se ci sono ancora diversi dubbi tra i deputati.

“Il problema è che un deputato protegge gli interessi di un laboratorio privato, che non vogliono che siano apportate le modifiche, come per permettere l’auto – coltivazione, orticoltori, industria pubblica, o aumentare i livelli di THC e aumentare i prezzi delle licenze nel settore privato , “ ha detto Murray.

L’iniziativa proposta è passata ad una sottocommissione e non ha ancora raggiunto un parere.

“Ecco il perché domani ho intenzione di andare alla TSE per chiedere il permesso di raccogliere le firme per un referendum così che il paese possa scegliere ciò che è meglio “ ha detto.

I fautori dell’iniziativa hanno detto che, se venisse approvato il consumo e la regolamentazione, la misura potrebbe produrre enormi benefici alla Costa Rica.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986
(Visited 61 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT