In India si espande il Movimento per la Legalizzazione della Cannabis

57 Condivisioni

Il Grande Movimento di Legalizzazione ha due obiettivi: fornire legalmente olio di cannabis a pazienti affetti da cancro e fare pressioni sul governo per revocare il divieto dell’uso di cannabis.

Il Grande Movimento di Legalizzazione Induista senza scopo di lucro (GLM) induce l’ ottenimento di olio di cannabis per i pazienti che necessitano di un’alternativa. Ci sono persone che dopo aver accesso a questo olio e grazie a questo movimento sociale sono vivi e sulla via del recupero, come nel caso di Vint e che raccoglie la rivista Scroll.in

Vint, è un uomo che ha la sua casa vicino alla foresta di Bilikal, a sud di Bengaluru e vuole dare un singolo messaggio al suo governo: “Permetti alla cannabis di crescere per chiunque abbia un cancro. Non possono farlo, prendere l’olio di cannabis da soli. Il governo deve vedere che questo trattamento viene fornito ai pazienti che ne hanno bisogno “.

Vint è una delle migliaia di pazienti a cui il Grande Movimento di legalizzazione ha raccomandato e consegnato olio di cannabis, dice Viki Vaurora . Vaurora ha fondato il gruppo nel 2014 dopo aver incontrato Leela , una paziente affetta da cancro allo stomaco presso la clinica ayurvedica di sua sorella a Nuggehalli, nel Karnataka. « Ho detto a mia sorella, perché non utilizzare Bhang per aiutare la sua , perché la cannabis viene usato per fare Bhang ed è una delle prime piante che si impara in ayurveda, ma aveva anche un blocco mentale, e Leela era anche riluttante a prova quando ha sentito l’erba ” , ha detto Varoura di questo primo incontro. Leela ha attraversato diversi cicli di chemioterapia, senza molto successo. Quando si ammalò, suo marito, ricordando il consiglio di Vaurora, telefonò alla ragazza.

“Dopo tre giorni passati a prendere l’olio, mi sentivo più a mio agio, non vomitavo costantemente e potevo mangiare,” disse Vaurora.  “In tre mesi ha finito il suo petrolio e ha chiesto di più”.

Leela si sottopose a test medici per vedere se il trattamento con olio di cannabis funzionava. “Ha ottenuto le sue scansioni: Leela era stata dichiarata libera dal cancro, non riuscivano a trovare tumori da nessuna parte”, ha detto Vaurora. Sebbene non sia chiaro se i risultati siano il risultato della chemioterapia ricevuta da Leela, o dell’olio di cannabis, o della fortuna, o solo una coincidenza, l’episodio è stato il “risveglio” di Vaurora per le proprietà curative della pianta di marijuana, dice l’attivista a favore della marijuana.

Poco dopo, si formò un grande movimento di legalizzazione

Indice

Approfondimento:  La lettera di alcuni pazienti italiani: "niente monopolio, lasciateci coltivare"

Movimento in crescita

Il gruppo principale di GLM è iniziato con un piccolo gruppo attraverso i social network e Internet.

GLM ha reclutato ambasciatori volontari in Stati di tutta l’India e organizzazioni non profit. “Gli ambasciatori sono fondamentalmente incaricati di coordinare i membri GLM nella loro zona”, ha affermato Mantra , attore e produttore-proprietario di Mantramugdh Productions, con sede a Mumbai.

Mantra è l’ambasciatore GLM a Mumbai. “Se c’è una protesta da organizzare, o se c’è materiale educativo da distribuire o condividere con altri che hanno chiesto, o anche qualcosa di semplice come parlare dei loro benefici di cannabis tra amici o sfere di influenza, questo è ciò che fanno gli ambasciatori” ha detto.

Con decine di migliaia di follower il GLM diffonde i benefici della marijuana per la salute e nel dicembre del 2017 ha organizzato la prima marcia in India per legalizzare la marijuana.

Il movimento ha il sostegno del rinomato cardiologo, ex vice-rettore dell’Università Manipal e destinatario di Padma Shri, il dott. BM Hedge.

Mentre la marijuana medica rimane la ” prima priorità” del movimento, dice Vaurora, le persone spesso chiedono la libertà totale anche ad uso ricreativo. “Abbiamo anche una mente aperta riguardo ai loro usi ricreativi, ma la necessità ora è per i pazienti che soffrono”, ha detto. Il GLM afferma di non chiedere denaro a chi fornisce loro olio di cannabis per uso medico. “Tutti i nostri farmaci sono gratuiti. In alcuni casi, le persone che hanno beneficiato scelgono di donare e aiutare gli altri in terapia “, ha detto Vaurora

In India non esiste alcun tipo di programma ad uso medico legale.

Cannabis nella storia dell’India

L’India ha una storia di cannabis vecchia di 2000 anni. La prima menzione conosciuta di marijuana può essere trovata nell’Atharva Veda, dove è conosciuta come una delle cinque piante più sacre della Terra: una fonte di felicità o un liberatore. Nell’induismo, il consumo di bhang, una preparazione commestibile con foglie di cannabis, è essenziale per le feste come Holi. È così comunemente usato in Ayurveda che è stato chiamato il “penicillina della medicina ayurvedica”. La cannabis è stata utilizzata nel sistema di medicina Unani praticato dai musulmani nell’India medievale, come possibile cura per le malattie del sistema nervoso e come antispasmodico e anticonvulsivante. Era anche noto che i guerrieri sikh usavano il bhang durante le battaglie per intorpidire il loro senso del dolore. La setta Nihang nel Sikhismo continua a consumare il narcotico come parte dei suoi rituali sacri.

Il divieto di usare e vendere marijuana è entrato in vigore nel novembre 1985, come adempimento da parte dell’India, degli obblighi previsti dal trattato internazionale.

Negli ultimi due anni, la cannabis ha attirato l’attenzione di tutto il mondo mentre la comunità medica accetta le sue proprietà curative. Nel mese di novembre 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un  rapporto  in cui un comitato di esperti sulla droga trovato che il cannabidiolo “dimostrato di essere un efficace trattamento di epilessia … e può essere un trattamento utile per altre malattie.”

A luglio, Uttarakhand è diventato il primo stato indiano a consentire la crescita industriale della pianta di cannabis. Diversi personaggi pubblici, tra cui Maneka Gandhi e Shashi Tharoor , hanno parlato della legalizzazione della marijuana medica.

Maneka Sanjay Gandhi , ministro del gabinetto dell’Unione indiana per lo sviluppo di donne e bambini, sostiene attivamente la causa.

“Da diverse parti dell’India ci sono richieste emergenti per la legalizzazione delle sostanze naturali che fanno parte della nostra cultura”, ha detto Gandhi.

 

Approfondimento:  In Colorado si voterà per autorizzare gli spazi sociali e privati dedicati all'uso della Cannabis

Vi lasciamo con un video che è una parodia musicale indù sulla cannabis.

Canto di Marry-You-Anna | Una parodia educativa | Salil Jamdar & Co.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 62 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT