In Venezuela il Movimento “Thinking Marijuana” presenta una proposta a favore dell’autocoltivazione personale

109 Condivisioni

Il movimento Pensando Marijuana ha presentato Venerdì scorso un documento per l’Assemblea Nazionale Costituente, il Sindaco di Caracas, come pure altri esponenti governativi e non – e le istituzioni governative, in cui si chiede di aprire la discussione sul legalizzare e depenalizzare la marijuana nella Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Il documento scritto da Abraham Sosa, Esluve Sosa, Emily Da Silva e Vladimir Alvarado , è stato sviluppato con l’intento di generare dibattito al fine di depenalizzare l’uso di cannabis in Venezuela, perché in altri paesi questa pianta è stata legalizzata, come in Uruguay .

Esluve Sosa che ha commentato per l’Arsenal terapeutico, ha detto che il Venezuela è uno dei paesi in cui la criminalizzazione di marijuana è tra le più rigide, e di conseguenza, con la presente si chiede il cambiamento, destinato a portare la discussione sull’applicare la legalizzazione, depenalizzazione, il consumo e la coltivazione di sé marijuana in Venezuela, oltre a promuovere la ricerca e la produzione di medicine alternative e tutti gli usi che possono essere dati a questa pianta, rafforzando così la questione produttiva che è così necessaria nel paese.

Sosa ritiene necessario portare la discussione sulla legalizzazione del consumo e dell’auto-coltivazione di marijuana in Venezuela, perché è un argomento che si sta verificando in tutto il mondo, che si basa sulle realtà e le esigenze della popolazione, e sembra sorprendente che anche in Venezuela, con la mancanza di sviluppo dei farmaci, carta, tessuti, tra gli altri prodotti, che possono essere fatte sulla base di cannabis, non è stato implementato, quindi, chiedendo al governo di muoversi per risolvere questo punto.

Approfondimento:  Il DDL "Cannabis Legale" rinviato alle Commissioni Referenti

Tra le altre questioni, vi è l’ignoranza interessata da parte della sicurezza e le entità responsabile del sistema di giustizia penale in Venezuela, in modo che la preparazione del documento riguardante la questione della cannabis, in modo sostenuto, con i test condotti in altri paesi e la ricerca che sono state fatte su di esso, sottolinea che nel novembre 2017 la commissione di esperti sulla tossicodipendenza dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concluso che questa pianta allo stato puro non ha dimostrato essere dannosa per la salute Pertanto, e non dovrebbe essere vista come una sostanza controllata.

Documento presentato

Questo movimento non è l’unico gruppo in Venezuela che lavora su questo tipo di progetto con la cannabis, e quindi ritiene che più le organizzazioni si pronunciano, l’obiettivo della discussione sarà raggiunto, “la pressione deve essere fatta da diversi punti e angoli “ .

Tra gli altri punti, Sosa ritiene che la grande lobby renda questa pianta proibita, attribuendo che negli Stati Uniti, un paese in cui la marijuana veniva usata in abbondanza, nonostante tutto importasse ancora dal Cile e da altri paesi per la produzione industriale, senza Tuttavia, il suo divieto era dovuto ai grandi interessi, una misura adottata dal resto del mondo.

Approfondimento:  Nuovo Sondaggio: il 57,5% dei cittadini tedeschi è a favore della legalizzazione

Sosa ha detto che tra le prossime proposte dell’organizzazione, è di istruire gli organismi di sicurezza sulla cannabis, oltre a prendere questa visione nelle università e nelle comunità attraverso forum, forum di film, in questo modo di sensibilizzare la popolazione venezuelana circa l’importanza di questa pianta e che la sua situazione è discussa.

Infine, ha sottolineato che la legalizzazione di questo impianto eliminerà il traffico di droga, tuttavia alcuni politici sono resistenti a toccare alcune questioni come questa, una situazione che Sosa ha descritto come difficile.

Il movimento chiamato Thinking Marijuana , “è perché non solo la pianta deve essere legalizzata, ma anche pensarci, vedere a cosa serve, quali benefici possono trarne da essa come società”, ha detto Sosa.

Di Dayana

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 68 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT