Intervista al Prof. Mechoulam: “La legalizzazione della cannabis non porta alcun problema alla salute pubblica”

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Il nostro corpo da solo produce materiale di questo tipo, se necessario, le cui proprietà sono simili a quelli della cannabis”,dice il Prof. Rafael Mechoulam, lo scienziato israeliano che ha scoperto il THC nella pianta e possibile Nobel nel prossimo decennio. “Non vi è alcuna relazione tra la legalizzazione e lesioni mediche , ” ha detto in un’intervista a Yedioth Ahronoth.

Il Prof. Raphael Mechoulam è attualmente il più grande nome del settore della cannabis in tutto il mondo.

In Israele è stato il primo a identificare il principio attivo della cannabis, il THC, già negli anni ’60 del secolo scorso.

Il THC è stato scoperto insieme con il Prof. Yechiel; al momento che la ricerca è stata diffusa in tutto, anche se in realtà c’è molto di più da esplorare sul rapporto tra il corpo umano e la cannabis.

Il sistema endocannabinoide  è una parte integrante del sistema nervoso nel corpo, compreso il cervello e il midollo spinale, anche se finora non ancora ampiamente studiato e persino insegnato nelle scuole mediche.

In un intervista  con Yedioth Ahronoth il professore ha parlato della scoperta del THC e di come grazie ad un altro componente importante di cannabis, CBD (cannabidiolo), ha avuto una posizione elevata nel settore ed i discorsi hanno raggiunto ogni angolo del mondo e, forse, gli faranno raggiungere il premio Nobel.

La Cannabis cambierà il mondo della medicina

“Gli studi degli ultimi cinquant’anni hanno cominciato con la scoperta dei benefici terapeutici della cannabis, e possono cambiare il mondo della medicina , “ dice il professore e dà motivazioni per lo studio della cannabis: “Questa sostanza in altri periodi della storia è stata utilizzata per il dolore e per curare le malattie. Dopo che la cocaina e la morfina sono state utilizzate, non vi è alcuna ragione di credere che non si indagherà sulla cannabis “.

Nel documentario dal titolo ” Science “, egli conta come e quando ha ricevuto dalla polizia la cannabis per fare la sua prima indagine in Israele. Il Professore racconta di come il comandante della polizia della città gli abbia dato la cannabis, “quando ho chiesto una quantità di materiale al comandante della polizia per fare ricerca, mi ha invitato a prendere un caffè per darmi la cannabis. Dopo avermi dato il materiale, sono salito sul bus con un odore tale proveniente dalla borsa.. che tutti mi guardavano e sorridevano “.

Un’altra storia divertente della sua prima esperienza con la cannabis è stata quando ha chiesto alla moglie di preparare una torta con THC per mangiarla insieme ai suoi colleghi, “hanno riso non – stop, parlando del più e del meno e della torta, e ad un terzo hanno dato gli attacchi di panico facendogli a perdere il controllo per qualche minuto. Era solo un piccolo senso di ansia  “ ha detto.

La connessione tra il corpo umano e cannabis

endocannabinoide-system-1-1Anche se vi è già la sicurezza della cannabis in medicina, il professor Mechoulam ritiene che il processo sia ancora troppo lento:“Quando l’insulina è stata inventata in sei mesi è stata utilizzata. L’introduzione nella medicina ci permetterebbe di approfondirne i pregi ed i difetti eventuali, anche a livello terapeutico”.

L’urgenza di promuovere la ricerca nasce dalla importanza unica degli endocannabinoidi nel corretto funzionamento del sistema corpo ed il suo rapporto con la cannabis.  “Negli anni 80 sono stati in grado di trovare all’interno dei nostri recettori del corpo che sono attivati da cannabinoidi” si dice riferendosi, ovviamente, ai recettori CB1 e CB2 dei cannabinoidi che sono responsabili per l’assorbimento dei componenti della cannabis e dei suoi effetti tradotti sulla mente e sul corpo.

“Il nostro corpo non solo produce un materiale di questo tipo le cui proprietà sono simili a quelle della cannabis, se necessario” , egli aggiunge, e rafforza le teorie dei consumatori di cannabis che credono che l’impianto dovrebbe essere parte della dieta quotidiana degli esseri umani,  “Penso che se rompiamo o roviniamo questo importante sistema endocannabinoide, ci sarebbe da scoprire che esso modera tutti i tipi di malattie, perché vediamo tracce del sistema endocannabinoide in molte parti del corpo.”

Il professor Mechoulam, un grande scienziato e ricercatore

“Il consumo di cannabis è molto diffuso, per curare il PTSD, per il sollievo del dolore causato dal cancro, per le persone che ricevono un trattamento per la sindrome di Tourette Parkinson” , dice nell’intervista.

Si affronta anche la questione della legalizzazione: “E ‘stato dimostrato che non vi è alcuna relazione tra danni alla salute e la legalizzazione , “ ., Ha detto  : “Abbiamo già visto che il tabacco da fiuto causa danni gravi ai polmoni e al fegato ed idem l’alcool, mentre la cannabis che non fa nulla di questo è ancora illegale “

Alla fine del colloquio con Yedioth il ricercatore di 86 anni di età, che svolge colloqui a conferenze in tutto il mondo ed ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Premio Israele per la Chimica, alla domanda se essi riceveranno forse anche il premio Nobel dice: “abbiamo un sacco di lavoro, ma penso che entro un anno sarà possibile dimostrare l’importanza di questa scoperta. Penso che se lo studio avrà investimento per un paio di anni e finisca in dieci anni sarà possibile parlare anche di premio Nobel. “

Lasciamo il documentario The Scientist (The Scientist)

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 686 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti